UN GIORNO DI VACANZA SCOLASTICA PER IL RAMADAN INDIGNA IL GOVERNO

Hotels near Duomo di Milano, Milan - Amazing Deals on 2,657 Hotels

POLIS, MILANO

Nel calendario islamico, il Ramadan è il nono mese dell’anno, di 29 o 30 giorni, in base alle fasi della luna crescente e nell’anno in corso si conclude il 10 aprile. Questo mese in cui si pratica il digiuno, in commemorazione della prima rivelazione del Corano a Maometto, termina con grandi festeggiamenti a cui partecipa tutta la comunità mussulmana in qualunque angolo del mondo si venga a trovare.

Il Consiglio di istituto dell’ Istituto Comprensivo statale di Pioltello, intitolato a Iqbal Masih, il dodicenne pakistano ucciso nel 1995 per il suo impegno contro lo sfruttamento del lavoro minorile, all’inizio dell’anno scolastico ha deliberato all’unanimità, nell’ambito della autonoma definizione del proprio calendario scolastico per l’anno in corso, un giorno di vacanza per il 10 aprile, per consentire al 40% degli alunni di religione mussulmana, di partecipare ai festeggiamenti della propria comunità di appartenenza e di condividerne il significato sociale oltre che religioso, senza essere registrati come “assenti” dalle lezioni: una scelta di civiltà, di cui essere orgogliosi, tanto più perché è stata votata all’unanimità da tutti i rappresentanti dell’organo collegiale: dirigente scolastico, docenti, genitori, personale non docente; è quindi una decisione che connota un’intera comunità, quella di Pioltello, nel segno del rispetto, dell’inclusione, della diversità vissuta come normalità: un modello che acquista un valore aggiunto in quanto nato in seno alla scuola, il luogo in cui nasce e da cui si diffonde, attraverso le nuove generazioni, la democrazia sostanziale e non quella solo proclamata.

Per contro, il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi ha subito preannunciato “accertamenti”; l’eurodeputata leghista Silvia Sardone ha commentato: “Si tratta di una decisione preoccupante, si va verso un processo di islamizzazione”, concetto già enunciato qualche mese fa dal ministro dell’Agricoltura Lollobrigida con le espressioni “rischio di sostituzione etnica” ed “etnia italiana da tutelare”; Attilio Fontana, presidente della regione Lombardia ha dichiarato le sue riserve: “Non ha senso chiudere la scuola per il Ramadan”, dichiarazione che agli studenti cattolici suonerebbe come “non ha senso chiudere la scuola per il Natale o la Pasqua”.

La sindaca di Pioltello invece solidarizza con il preside che afferma: “La politica non c’entra, qui lavoriamo per l’integrazione”; ma diventa tout court un ottimo bersaglio per quei rappresentanti della politica che troppo spesso ignorano il dettato costituzionale:

art. 3: Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali;

art. 8: Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge. Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto non contrastano con l’ordinamento giuridico italiano.

art. 19: Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buon costume: orientamenti che docenti e presidi considerano un punto fermo e un faro illuminante nella definizione dei piani educativo-didattici della loro scuola.
Più dei politici il personale scolastico che affronta da decenni l’accoglienza di bambini e bambine, ragazzi e ragazze, spesso nati in Italia, originari da ogni parte del mondo, sanno per esperienza diretta che i bambini, nella loro innocenza, in contrasto con i pregiudizi degli adulti, fin dalla scuola dell’infanzia non percepiscono il colore della pelle, la forma degli occhi o l’apartenenza religiosa dei loro coetanei come fattori di diversità. Sono attratti, come avviene tra bambini e ragazzi italiani, dalle doti umane come la simpatia, la generosità, la correttezza; “respinti” invece dall’arroganza, dalla prepotenza, dal bullismo.

I bambini e le bambine educati nell’Istituto comprensivo di Pioltello come in altri istituti scolastici fondati su principi democratici, poiché cresciuti in una comunità “accogliente” e “non discriminante”, saranno i futuri cittadini del mondo. Qualunque ruolo rivestiranno nella società avranno sempre di fronte la “persona”; anteporranno sempre l’ “umanità” a qualsiasi altro valore o interesse: di fronte al naufrago che chiede accoglienza e cure; al carcerato che ha diritto di essere rispettato e rieducato; al malato che deve ottenere cure tempestive anche se indigente…

Forse possiamo nutrire la speranza che grazie alle future generazioni non si vedranno più le immagini terrificanti dei “detenuti” nei CPR italiani, trattenuti in condizioni disumane, sedati con psicofarmaci per renderli assolutamente passivi alle violenze di chi invece dovrebbe accudirli; così pure quelle di profughi, allo stremo delle forze, a cui viene imposto di allungare il viaggio in mare prima di accedere a un porto sicuro. Queste scelte politiche sono assunte “per deterrenza”, noi rettifichiamo “per disumanità”, perché non raggiungano le coste italiane, come ha spiegato con cinismo e con volto impassibile, in una recente puntata di Tagadà, il politico Flavio Tosi, ex Lega oggi in quota Forza Italia, membro della Camera dei deputati.


SEGNALIAMO

  • UN GIORNO DI VACANZA SCOLASTICA PER IL RAMADAN INDIGNA IL GOVERNO

    Nel calendario islamico, il Ramadan è il nono mese dell’anno, di 29 o 30 giorni, in base alle fasi della luna crescente e nell’anno in corso si conclude il 10 aprile. Questo mese in cui si pratica il digiuno, in commemorazione della prima rivelazione del Corano a Maometto, termina con grandi festeggiamenti a cui partecipa…


  • IL CIVISMO E  GLI ORATORI: E DON BOSCO?

    IL CIVISMO E  GLI ORATORI: E DON BOSCO?

    Interessante constatare che Don Bosco con i suoi oratori gestiva opere educative per i giovani per educarli ad  essere onesti e capaci lavoratori per avere un uso intelligente del tempo libero come interpreti ed operatori del comune senso civico .


  • MA ESISTE IL MALE?

    MA ESISTE IL MALE?

    Si tratta di una questione che ci trasciniamo dietro da millenni. Di fatto dalla sconfitta del politeismo. Quella dottrina aveva il vantaggio di riferirsi a un universo in cui le molte Divinità non erano necessariamente buone o giuste. Anzi, esse portavano con sé tutti i difetti e le cose brutte degli uomini, giustificando in tal…


  • PACEM IN TERRIS

    PACEM IN TERRIS

    La Pacem in Terris introdusse novità rinnovatrici per il magistero della Chiesa: l’inaugurazione di un nuovo modo di comunicare, nel senso dei destinatari del messaggio;


  • LA PACE FREDDA

    LA PACE FREDDA

    Di qui, anche la polemica, mai spenta, sui silenzi e i dilemmi di Pio XII. La guerra, finalmente, era finita. Essa aveva accumulato un caos di rovine, materiali e morali. Bisognava, da quel momento, riedificare il mondo. Il primo elemento della restaurazione sarebbe dovuto essere il ritorno a casa, pronto e rapido, di tutti i…


  • NOI, TUTTI EBREI

    NOI, TUTTI EBREI

    NOI, TUTTI EBREI Attorno alla tragica vicenda storica che, ancora una volta, coinvolge il Medio Oriente si va disseminando una sequela di approssimazioni, opinioni in libertà, opinioni teleguidate, fantasticherie innocenti o non. La densità di questo fiorire non deve stupire. È, purtroppo, un fenomeno ricorrente nei confronti sia del Popolo Ebraico che dello Stato d’Israele.…


  • NELL’ALBA E NELLA LUCE

    Per tutelare l’umanità da questo pericolo, sarebbe stato necessario procedere ad una limitazione progressiva e adeguata degli armamenti.


  • SANTA SUBITO


  • JESUS IS PALESTINIAN

    JESUS IS PALESTINIAN

    POLIS NOVARA Lo scandalo risiede nelle stragi di civili a Gaza e nell’attentato, non nel presepe di Luvol. L’artista fa giustamente il suo mestiere. E lo fa molto bene dal momento che l’installazione con il gesuita ucciso dalle pallottole viene rimossa in poche ore. Non è infatti un caso che tutta la città ne abbia…


  • CINQUE PUNTI PER UNA GIUSTA PACE INTERNAZIONALE (1939)

    CINQUE PUNTI PER UNA GIUSTA PACE INTERNAZIONALE (1939)

    … le nazioni avrebbero dovuto liberarsi dalla schiavitù della corsa agli armamenti e dal pensiero che la forza materiale, invece di tutelare il diritto, ne diventa acerrima nemica.