SCIENZA POLITICA E ARTE POLITICA

La politica come scienza filosofico-sociologica, Parte 15esima

C’è un altro aspetto peculiare della conoscenza della politica e nella politica, che fa parte integrante dell’esperienza politica, sia dei governati che dei governanti, ed è rappresentato da quella razionalità pratica che sta all’origine delle – e si perpetua nelle – istituzioni, vere e proprie sedimentazioni (storiche) di questo sapere pratico, inteso come sapere immanente o intrinseco alla prassi o esperienza politica, presa e intesa nella sua globalità, che, quindi, abbraccia il senso comune: senza il determinante contributo di quest’ultimo non si potrebbe spiegare il fenomeno delle “istituzioni” sociali e politiche (e non si dimentichi mai che il cosiddetto “senso comune” è il senso/ragione dell’“uomo comune”, e l’uomo comune è l’individuo-persona che convive con gli altri “individui-persone”, cioè l’individuo sociale e contestualmente razionale/volontario, dotato, insomma, di libero arbitrio).

La relazione politica è intrinsecamente e contestualmente relazione istituzionale in sé stessa e deve fare continuamente i conti con le altre istituzioni (sociali, economiche, culturali, religiose, ecc.; quanto alle “istituzioni politiche” in senso tecnico, si tenga presente l’analogia con i “poteri politici” o “organi” – legislativo, esecutivo, giudiziario – rispetto al potere politico tout court). La relazione istituzionale per eccellenza è la legge o, meglio, il diritto.

La massima istituzionalizzazione della politica corrisponde alla massima estensione del potere (come nella poliarchia-democrazia), nel senso della sua “spersonalizzazione” che, così, diventa sinonimo di “istituzionalizzazione” (e sempre tenendo presente il rovescio della medaglia, il rischio, cioè, che l’estensione del potere con l’allargamento dell’élite e l’appesantimento dello Stato amministratore si rovesci, appunto, in aumento complessivo del potere politico stesso, ma storicamente il discorso si iscrive in un quadro più generale che riguarda la proiezione dello spirito progressista ad infinitum tipico del sistema dello sviluppo).

L’estensione del potere non significa, però, la sua diluizione. Infatti, all’allargamento dell’élite (ai rappresentanti delle classi popolari) corrisponde l’aumento complessivo del potere di governo: aumento che non va inteso solo in senso quantitativo, cioè in riferimento al numero (anche indiretto) dei governanti ma pure delle funzioni e dei ruoli attraverso cui esso opera, dall’apparato amministrativo in senso ampio (burocrazia statale, fiscale, ecc.) a quello cui è affidato l’ordine e la sicurezza collettiva (sicurezza anche nel senso “sociale”).

Questo allargamento dell’ombrello del potere non è meno pesante e oppressivo, anche se più morbido, per il singolo cittadino di quanto lo sia il potere personale di un monocrate o autocrate (il tiranno): è quella che si potrebbe definire, sfruttando e parzialmente travisando un concetto tocquevilliano, la “tirannide della maggioranza” (intesa in senso ampio, tecno-burocratico, per un verso e, per l’altro, nel senso delle organizzazioni di massa non solo economico-sociali ma, specificamente, civili: dai partiti ai sindacati).


SEGNALIAMO

  • VANNACCI TUOI

    Il nome ricorda un dispregiativo (i ragazzacci, i fattacci tuoi etc.) ma l’uomo deve essere, al di là delle apparenze, intelligente.Intanto ha un curriculum perfetto per i tempi che corrono e una serie di coincidenze che lo rendono alla moda.Prima di tutto è un militare, addirittura un generale. Che in tempo di guerre non guasta.E’…

  • VOTA ANTONIO

    Metà degli Italiani non vota e nessuno se ne preoccupa. Non leggo mai analisi, indagini, sondaggi sul fenomeno. Eppure sarebbe semplice. Prendi le liste elettorali e intervisti -ora che il mancato voto non è più reato- coloro che non si sono presentati al seggio. Ignoranza, indifferenza, noia, pigrizia, indignazione, superbia, confusione mentale potrebbero essere le…

  • IL PREMIERATO NO!

    IL PREMIERATO NO!

    EDITORIALE DEL 18 MARZO “CON LA RIFORMA COSTITUZIONALE, FINE DEI GIOCHI: IL PRESIDENTE LO SCEGLI TU, NON IL PALAZZO”: è questo è lo slogan di Fratelli d’Italia per celebrare la riforma costituzionale, cara a Giorgia Meloni, che prevede l’elezione diretta del presidente del Consiglio.  Samarcanda fu l’inizio e Michele Santoro il primo sacerdote del rito…

  • CERCO UN CERCHIO DI GRAVITÁ CIVICA

    CERCO UN CERCHIO DI GRAVITÁ CIVICA

    IL BIGLIETTO DA VISITA

  • LADY GIORGIA (e poco altro)

    LADY GIORGIA (e poco altro)

    Il punto non è quello che non ha detto la Meloni, quanto piuttosto quello che non hanno detto tutti gli altri. Che Meloni sia forte, anzi fortissima non è in discussione. Piuttosto fa notizia quanto gli altri oggi siano deboli.

  • IL 2024 È L’ANNO DELLA POLITICA

    IL 2024 È L’ANNO DELLA POLITICA

    Per sopravvivere alla società del rischio, che è liquida per forza visto il grado di complessità dei fenomeni, tutti, nessuno escluso, serve anzi un pensiero autorevole, ed una postura che non sia autoritaria o muscolare.

  • Onu, Unione europea, Italia: IL RISCHIO DI USCIRE MALE DAI CONFLITTI

    Onu, Unione europea, Italia: IL RISCHIO DI USCIRE MALE DAI CONFLITTI

    Quando la storia si ripete una tragedia rischia di trasformarsi in farsa, se non in beffa Il 2023 che verrà ricordato come l’anno delle due guerre e del consolidamento, se non dell’idea spengleriana di “tramonto”1, perlomeno di grave crisi dell’Occidente: secondo alcuni studiosi dovremmo parlare di occidenti al plurale. L’idea di una comunità non solo…

  • FEDERAZIONE DEI CIVICI EUROPEI: PROGETTO O PRONOSTICO?

    FCE: SENZA LA SUA DIMENSIONE NEL PAESE È ANCORA UN PROGETTO PIEREZIO GHEZZI Nessuna organizzazione politica può consentirsi di non sapere quanto “pesa”, quali territori presidia e con che mezzi. La misura della leadership è costituita dal numero di elettori che ti votano, non dalle percezioni del consenso. La potenzialità dell’area politica che vogliamo rappresentare…

  • INCONTRI FRA RIFORMATORI

    INCONTRI FRA RIFORMATORI

    LA REDAZIONE Al termine dei suoi lavori il consiglio nazionale della federazione civici europei, riunito a Reggio Emilia sabato 30 settembre, ha votato un documento in cui l’organizzazione si impegna a promuovere incontri con tutte le formazioni di ispirazione riformista, in vista delle elezioni europee del prossimo giugno 2024. Il Consiglio Nazionale, alla luce dei…


NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (30) ambiente (29) amministrazione (21) arte (60) cinema (38) civismo (44) comunismo (22) cultura (312) democrazia (34) economia (69) elezioni (44) energia (17) europa (36) fascismo (26) filosofia (24) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (25) guerra (74) intelligenza artificiale (25) italia (31) lavoro (38) letteratura (36) mario pacelli (30) media (58) milano (19) musica (110) napoli (20) politica (335) potere (187) rappresentazione (20) religione (22) roma (23) russia (21) salute (62) satira (20) scienza (20) scuola (27) seconda guerra mondiale (45) sinistra (18) società (351) stefano rolando (31) storia (39) teatro (27) tecnologia (20) televisione (32) tradizione (27) ucraina (34) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI