IL PREMIERATO NO!

EDITORIALE DEL 18 MARZO

“CON LA RIFORMA COSTITUZIONALE, FINE DEI GIOCHI: IL PRESIDENTE LO SCEGLI TU, NON IL PALAZZO”: è questo è lo slogan di Fratelli d’Italia per celebrare la riforma costituzionale, cara a Giorgia Meloni, che prevede l’elezione diretta del presidente del Consiglio. 

Samarcanda fu l’inizio e Michele Santoro il primo sacerdote del rito populista. Nessuna mediazione: o di qua, o di là; o col Palazzo o con la piazza. Ma Santoro non fu da solo: nei primi anni novanta l’intero sistema della comunicazione scelse questa narrazione.

Vittorio Feltri ne fu campione. Poi vennero i Funari, gli Stella e i Rizzo, i Mario Giordano, i Travaglio… ma il vero ispiratore era stato molti anni prima Enrico Berlinguer con la sua questione morale e la diversità dei comunisti. Un messaggio potente. E giù monetine, girotondi, appelli, nodi scorsoi, annunci di democrazia diretta e mobilitazioni popolari. Fino al vaffanculo di Beppe Grillo.

È passata così l’idea che la politica sia una cosa sporca, fatta di malaffare e privilegi. Passa l’idea che il Parlamento non sia il luogo della democrazia, dove siedono i rappresentanti del popolo ma un club di gente che mangia a sbafo. Da qui all’astensione dal voto, il passo è stato breve.  E i capipartito sono felici: possono nominare parenti e amici e consegnare al paese una classe dirigente che non potrebbe amministrare nemmeno un condominio.

Funziona nel breve periodo. A medio e lungo termine è certamente un boomerang. 

Con questa riforma costituzionale si rinnova una tradizione che va da Benito Mussolini a Massimo Giannini, poi Berlusconi, Salvini, Grillo.. fino alla Meloni.


SEGNALIAMO

  • CIPRO

    Il delicato incontro tra occidente e oriente La leggenda racconta che Afrodite, Dea greca dell’amore, della bellezza, dell’eros, nacque dalla schiuma del mare proprio qui, lungo le coste di questa piccola isola, rincantucciata nella parte più estrema del mediterraneo orientale. Il posto, Petra tou Romiou, indipendentemente dal significato mitologico, è molto bello: da una parte…


  • STORMY WEATHER


  • L’UOMO CHE LEGGE: LA DIVULGAZIONE CIVILE

    LA REDAZIONE La divulgazione civile di Stefano Rolando «La parola “rappresentazione” racconta un teatro piuttosto complesso. Chi, come, perché, con quali esiti, con quali successi e insuccessi, agisce per rappresentare – dunque esprimere, raccontare, narrare, esternare – uno spettro di condizioni che vanno dall’identità (macigno storico-evolutivo) al sussurro (piuma di una confidenza finale). In un tragitto…


  • DAI MANGANELLI AL CINQUE IN CONDOTTA

    DAI MANGANELLI AL CINQUE IN CONDOTTA

    Dopo i manganelli, classificati dal capo dello stato come “fallimento”, questo provvedimento risulta in linea con il cosiddetto “pacchetto sicurezza”


  • GREENWASHING:“POLITICA DEL CRICCHETTO” E TRANSIZIONE ALLA SOSTENIBILITA’

    Greenwashing è neologismo inglese che generalmente viene tradotto come inganno comunicativo e tecnica informativa falsa di ecologismo e politiche ambientali, utile anche per posizionarsi sul mercato acquisendo segmenti di clienti consumatori sensibili all’ambiente, all’ecologia ed al clima. Ricordo che questo termine viene fatto risalire agli anni “60 quando l’industria alberghiera affisse i primi avvisi nelle camere d’albergo per chiedere…


  • GLI INDUSTRIALI DEL SUD CHIEDONO INFRASTRUTTURE

    Si sono riuniti, hanno lanciato un sondaggio suddiviso per territorio, hanno elaborato e reso compatibili e sinergici gli esiti della consultazione ed hanno varato una loro proposta, riguardante le infrastrutture necessarie al Sud, per evitare la fuga delle imprese e dei millenial.  A fare un simile complesso lavoro sono stati i rappresentanti dell’ANCE-giovani, riunitisi a…


  • LA RISPOSTA DI KHAMENEI

    LA RISPOSTA DI KHAMENEI

    L’attacco diretto dell’Iran contro Israele durante il fine settimana ha sconvolto decenni della sua oscura guerra per procura, qualcosa che Teheran ha utilizzato per gestire le ripercussioni internazionali delle sue azioni. Ma con le tensioni economiche e politiche in ebollizione in patria, la teocrazia sciita del paese ha scelto una nuova strada mentre i cambiamenti…


  • COME L’ARABA FENICE

    COME L’ARABA FENICE

    I personaggi del dramma sono nove, essi si ritrovano in una casa di campagna ognuno con le proprie mansioni a servizio di un vecchio professore che ha sposato una giovane avvenente moglie. Tutti portano in scena le loro testimonianze di vita che man mano diventano delusioni e amarezze del vivere sociale. La loro vita è…


  • IL MIO MONOLOGO SUL 25 APRILE


  • Iran, un punto di vista esterno

    Iran, un punto di vista esterno

    Per comprendere gli ultimi accadimenti riguardanti l’Iran, è importante analizzare le sue scelte e intenzioni in un contesto più ampio.



Commenti

Una risposta a “IL PREMIERATO NO!”

  1. Avatar Giuseppe Bea
    Giuseppe Bea

    I populisti vengono da lontano in estrema sintesi la storia del populismo e dei proprii attori : i mali dell oggi sono il portato di decenni di antipolitica ammantata sempre di una falsa forza liberatoria . Voglio scrivere un pezzo sul partito del vaffanculo….che si vuol far passare per progressista.