IL 2024 È L’ANNO DELLA POLITICA

IL RINOCERONTE

IL 2023 è stato l’anno della Intelligenza Artificiale di massa e della guerra di Gaza. È stato anche l’anno più caldo di sempre.

Del 2024 sappiamo quasi certamente che sarà ancora più caldo e torrido. Per il resto anche i grandi esperti dei trend e della futurologia non sembrano avere le idee chiare.

AI, Impatto sociale, Smart working, la politica: i trend del 2024

Secondo i guru del marketing sarà l’anno della Intelligenza artificiale, quello del climate change, delle aziende che spingono sull’impatto sociale e sulla responsabilità d’impresa. Sarà l’anno nel quale cambierà definitivamente il modo di lavorare e di consumare, più smart working più consumi consapevoli per tutti (cioè tutti quelli che possono permetterselo).

Secondo i politologi sarà l’anno delle scelte: in effetti si vota in Europa e negli USA, e molte delle tensioni geopolitiche nel mondo potrebbero trovare soluzione.

Oppure potrebbe essere l’anno in cui l’evoluzione del digitale potrebbe scrivere una pagina successiva e importante della metamorfosi che sta avvenendo dopo anni di transizione.
La legge sulla AI in Europa è un primo passo ed un segnale di quanto sia urgente scrivere le leggi che regolano l’uso della tecnologia, scelte che oggi sono politiche per forza.

Mondi Nuovi, transizioni e metamorfosi

Il tanto parlare di paradigmi nuovi, di mondi nuovi, di modi di pensare e dare valore alle cose nuovi è il sintomo, il più evidente, del fatto che siamo nel pieno di una fase di passaggio e che soprattutto ci serve un idea di futuro.

Potrebbe essere quindi che la AI e le elezioni facciano tornare prepotentemente d’attualità la politica, dopo 30 anni di declino non solo da noi, ma ovunque nel mondo.

Il futuro però si costruisce sapendo che la storia non è affatto finita e che è arrivato il momento di uscire definitivamente dalla logica del pensiero debole.

L’ultimo lavoro di un grandissimo del pensiero del 900 Ulrick Beck, quello della “Società del Rischio”, si intitola “La Metamorfosi”, una sorta di testamento e di manifesto su come superare il secolo breve e voltare pagina, entrando nel XXI secolo senza rimanere schiacciati sul presente.

Il ritorno dello stato e della politica

Per sopravvivere alla società del rischio, che è liquida per forza visto il grado di complessità dei fenomeni, tutti, nessuno escluso, serve anzi un pensiero autorevole, ed una postura che non sia autoritaria o muscolare. Ma come abbiamo scritto più volte serve la politica. O meglio questo mondo nuovo, complesso e complicato, oggi non può più fare a meno della politica. Il 2024 potrebbe essere un anno importante da questo punto di vista. Più che un trend è un auspicio.
Lo stato serve, possiamo discutere su che tipo di stato serve, ma serve.


SEGNALIAMO

  • POLICY E GOVERNANCE

    POLICY E GOVERNANCE

    (LO STATO NON È IL PARTICIPIO PASSATO DEL VERBO ESSERE) “L’inevitabile non accade mai perchè succede sempre l’imprevedibile” J.M.Keynes. Si sta passando dalla seconda alla terza repubblica è si sta esaurendo la stagione del neo-mercatismo senza stato e del neo-populismo senza storia né prospettiva La storia antica e recente offre numerosi esempi e contestualizza ogni ciclo…


  • IL COLORE DELL’8 MARZO

    IL COLORE DELL’8 MARZO

    Qual’è il colore dell’8 marzo?Il giallo, quello della mimosa, che quest’anno va a ruba per colpa della siccità, a sentire Coldiretti Vicenza «Una mimosa su tre è andata persa», quindi cari maschi, se volete fare i galanti fate attenzione al prezzo e al mercato nero (esiste anche il metta nero dei fiori, da sempre). Nel…


  • GLI STATI GENERALI DI LETIZIA

    GLI STATI GENERALI DI LETIZIA

    L’Italia è un paese complicato e variegato. Serve una politica “Place sensitive”, capace di valorizzare le differenze dei territori nel quadro di un bene comune”.


  • GIORGIO PRIMO

    GIORGIO PRIMO

    Rigoroso fino all’intransigenza sui principi, pragmatico nella amministrazione, Giorgio Napolitano ha speso la sua vita nella politica e per la politica fino a diventarne un protagonista assoluto, mantenendo il profilo ed la postura istituzionale dello statista del 900 anche nelle temperie del nuovo secolo.


  • 7 METRI QUADRI

    POLIS Affari, affitti, aste e 7 mq ad un prezzo imbattibile!


  • PROFONDO SUD

    La SVIMEZ è un’associazione che si occupa di sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno, ne studia le condizioni economiche e propone programmi di azione concreti. Il rapporto sull’economia del Mezzogiorno è l’opera principale della SVIMEZ e viene pubblicata ogni anno da ormai 50 anni, il primo risale al 1974. Nel testo presentato si propone la fotografia dell’economia…


  • GIORGIA ELON E IL FUTURO

    GIORGIA ELON E IL FUTURO

    Dal dopoguerra ad oggi ad esempio qui da noi ed in generale in tutta l’Europa e il mondo occidentale ha vinto prima l’idea dello stato sociale, poi ha preso il sopravvento il modello neoliberale. Il primo nasceva sulle ceneri della seconda guerra, nel contesto del mondo diviso in due blocchi, il secondo nasce con la…


  • FIDUCIA E FUTURO

    FIDUCIA E FUTURO

    La guerra, il il cambiamento climatico e l’aumentare delle disuguaglianze da un lato, il digitale il green e l’equilibrio dei poteri dall’altro. Il progresso dela scienza ha luci ed ombre, grandi potenzialità e grandi rischi, ma serve la politica, o meglio la buona politica che tuteli la libertà dei cittadini. Il discorso di Mattarella in occasione degli…


  • 9 EURO ALL’ORA

    9 EURO ALL’ORA

    POLIS: LIVORNO A Livorno nel 2015 arrivò in via sperimentale il reddito minimo per i disoccupati, un contributo di 500 euro al mese per una sperimentazione fortemente voluta dal sindaco grillino Filippo Nogarin. Il contributo era destinato a chi era disoccupato, italiano o straniero ma residente in città da non meno di 5 anni, in…


  • IL 2024 È L’ANNO DELLA POLITICA

    IL 2024 È L’ANNO DELLA POLITICA

    Per sopravvivere alla società del rischio, che è liquida per forza visto il grado di complessità dei fenomeni, tutti, nessuno escluso, serve anzi un pensiero autorevole, ed una postura che non sia autoritaria o muscolare.



Commenti

Una risposta a “IL 2024 È L’ANNO DELLA POLITICA”

  1. Avatar Ettore Zeppegno
    Ettore Zeppegno

    Tutto molto nteressante, come è ormai consuetudine di questa iniziativa. Tuttavia leggo molte critiche sullo stato presente, ma mi piacerebbe, per completezza, di leggere qualche proposta, anche timida, di cambiamento.

NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (30) ambiente (29) amministrazione (21) arte (60) cinema (38) civismo (44) comunismo (22) cultura (312) democrazia (34) economia (69) elezioni (44) energia (17) europa (36) fascismo (26) filosofia (24) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (25) guerra (74) intelligenza artificiale (25) italia (31) lavoro (38) letteratura (36) mario pacelli (30) media (58) milano (19) musica (110) napoli (20) politica (335) potere (187) rappresentazione (20) religione (22) roma (23) russia (21) salute (62) satira (20) scienza (20) scuola (27) seconda guerra mondiale (45) sinistra (18) società (351) stefano rolando (31) storia (39) teatro (27) tecnologia (20) televisione (32) tradizione (27) ucraina (34) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI