VANNACCI TUOI

Il nome ricorda un dispregiativo (i ragazzacci, i fattacci tuoi etc.) ma l’uomo deve essere, al di là delle apparenze, intelligente.
Intanto ha un curriculum perfetto per i tempi che corrono e una serie di coincidenze che lo rendono alla moda.
Prima di tutto è un militare, addirittura un generale. Che in tempo di guerre non guasta.
E’ vero che il nostro esercito largheggia in generali ma in tempi di pace il titolo è collegato all’anzianità, non all’eroismo dimostrato.
Ma egli è stato capo di uno di quei reparti operativi che imparano davvero a entrare in azione.
Poi è stato addetto militare presso l’ambasciata italiana a Mosca.
Il posto giusto per tessere amicizie e capire qual’e’ l’aria che tira.
Tutti aspetti che hanno ben impressionato Salvini che ha visto in lui colui che dice ciò che il segretario non può dire.
Anche se ultimamente il leghista si è espresso molto liberamente pure su temi delicati, con tesi quasi sempre divergenti dal resto della maggioranza.
Il principale responsabile del successo del libro è il ministro della difesa Crosetto che ha avvallato con entusiasmo l’intervento disciplinare dei superiori del generale.
La curiosità dilaga e il libro va a ruba.
Il ministro è una persona seria, non presenzialista ma pronto alla polemica pubblica quando ritiene che al centro del dibattito ci siano temi etici e identitari.

Il libro nessuno ammette di averlo comprato e letto (me compreso) ma i media ci hanno bombardati di citazioni. Per come sono state estrapolate e riferite, le affermazioni del generale appaiono perle di saggezza, sentenze da “santone” o guru, raccomandazioni da manuale militare.
Vannacci assume la postura eroica di un Savonarola che dice papale papale – e con sprezzo del pericolo – la verità fino ad oggi nascosta.

Di solito, ci si aspetta che faccia notizia qualcuno che annuncia novità, che si affacci sul futuro. Invece abbiamo il combattivo decalogo del “ritorno alla normalità”.
Tutti sono richiamati alla disciplina: le donne, gli omosessuali, persino gli handicappati.
Per lui non sono solo diversi, sono malati. In fondo la malattia è l’unica differenza o irregolarità (provvisoria) compatibile con l’ordine costituito.
Cosa vuol dire: “le donne, i gay, i portatori di handicap”.
Il generale ne parla come fosse l’artiglieria, l’aviazione, gli alpini.
Ciascuno è diverso dagli altri ed è questa “unicità” il valore e l’arricchimento che ciascuno di noi porta alla collettività.
Persino il generale.

Vedremo come va a finire la candidatura ma se Vannacci avrà un successo personale nell’ambito di un risultato complessivamente modesto del partito state sicuri che comincerà a porsi il problema di come mettersi in proprio (ovviamente per il bene del Paese).


SEGNALIAMO

  • LE GENERAZIONI

    TRA AFFETTI E POLEMICHE


  • Il Testo, lo Scrittore e la Presidente

    Il Testo, lo Scrittore e la Presidente

    La retorica del fascismo/antifascismo Guido Barlozzetti Conduttore televisivo, critico cinematografico, esperto dei media e scrittore Prendendo spunto dalle recenti polemiche in merito alla mancata messa in onda da parte della Rai in occasione della ricorrenza del 25 aprile di un monologo scritto da Antonio Scurati, Guido Barlozzetti analizza la retorica del fascismo/antifascismo ne “Il Testo,…


  • Turati, Gramsci, e la “dittatura proletaria senza quasi proletariato”

    Turati, Gramsci, e la “dittatura proletaria senza quasi proletariato”

    Un contenzioso infinito Salvatore Sechi Docente universitario di storia contemporanea Prendendo spunto dalla pubblicazione recente di una tesi discussa quasi sessant’anni or sono nel 1966 da Orazio Niceforo dedicata a I Socialisti e la rivoluzione bolscevica (1917-1919) Salvatore Sechi nel saggio “Turati, Gramsci, e la “dittatura proletaria senza quasi proletariato” ripercorre quello che nell’occhiello definisce “un contenzioso…


  • Medio Oriente in bilico tra intesa e attacco

    Medio Oriente in bilico tra intesa e attacco

    Ucraina, Putin s’insedia, complotto anti-Zelen’skyj1 Giampiero Gramaglia Giornalista,co-fondatore di Democrazia futura, già corrispondente a Washington e a Bruxelles Secondo Giampiero Gramaglia che si tratti di Onu, G7, Unione europea o Nato, per la diplomazia della pace siamo entrati in questa prima decade di maggio nuovamente in una fase di stallo, per cui come l’ex direttore dell’Ansa intitola la sua analisi scritta l’8 maggio il “Medio…


  • 12 MAGGIO 1974

    12 MAGGIO 1974

    OGGI HO VINTO DUE SCUDETTI Che anno quell’anno! Quel 1974 fu un anno vietato ai cardiopatici, a coloro che non reggevano le emozioni. Per più di dieci anni l’Italia aveva visto accelerare lo sviluppo e la modernizzazione. Sembrava di essere sulla pista di Monza: aumentavano gli stipendi, la gente lavorava, firmava cambiali, si riempiva la…


  • VERSO LA DALMAZIA


  • IMPEDIRE A QUALCUNO DI PARLARE E’ UN ATTO VIOLENTO

    IMPEDIRE A QUALCUNO DI PARLARE E’ UN ATTO VIOLENTO

    Una sinistra che tolleri tutto questo, che lo giustifichi è una sinistra che non sa più educare alla democrazia piegandosi alla semplificazione populista


  • IN PRINCIPIO ERA TELETHON

    Rai e Mediaset che si organizzarono con gli enti preposti: Rai per la Sostenibilità e Mediafriends, per poter vagliare le richieste e assegnare una settimana in cui entrare nei programmi proponendo le varie raccolte.


  • INFORMAZIONE E POTERE

    INFORMAZIONE E POTERE

    per informazione si intende l’insieme di tutti quei contenuti prodotti da molteplici soggetti come giornali, TV, radio, siti giornalistici, editori, autori, cinema, ecc.


  • Guerra ibrida in Italia. È emergenza cybersecurity

    Guerra ibrida in Italia. È emergenza cybersecurity

    Nella guerra aumentata l’AI torna a diventare una micidiale forma di logistica di combattimento1 Michele Mezza Docente di Epidemiologia sociale dei dati e degli algoritmi, all’Università Federico II di Napoli Michele Mezza, docente di Epidemiologia sociale dei dati e degli algoritmi, all’Università Federico II di Napoli, nell’articolo “Guerra ibrida in Italia. È emergenza cybersecurity” osserva come…



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (30) ambiente (29) amministrazione (21) arte (60) cinema (38) civismo (44) comunismo (22) cultura (312) democrazia (34) economia (69) elezioni (44) energia (17) europa (36) fascismo (26) filosofia (24) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (25) guerra (74) intelligenza artificiale (25) italia (31) lavoro (38) letteratura (36) mario pacelli (30) media (58) milano (19) musica (110) napoli (20) politica (335) potere (187) rappresentazione (20) religione (22) roma (23) russia (21) salute (62) satira (20) scienza (20) scuola (27) seconda guerra mondiale (45) sinistra (18) società (351) stefano rolando (31) storia (39) teatro (27) tecnologia (20) televisione (32) tradizione (27) ucraina (34) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI