VOTA ANTONIO

Metà degli Italiani non vota e nessuno se ne preoccupa.

Non leggo mai analisi, indagini, sondaggi sul fenomeno.

Eppure sarebbe semplice. Prendi le liste elettorali e intervisti -ora che il mancato voto non è più reato- coloro che non si sono presentati al seggio.

Ignoranza, indifferenza, noia, pigrizia, indignazione, superbia, confusione mentale potrebbero essere le cause.

Escludo l’odio e l’invidia che sono invece i sentimenti quotidianamente più usati dal popolo dei social per parlare di politica.

Già, perché gli internauti – chiamati odiatori da scrivania- votano tutti i giorni, più volte al giorno.

Aizzati dagli appositi uffici propaganda di tutti i partiti.

E quindi ritengono di essere ormai veri paladini della democrazia.

E come tali, artefici di quella “democrazia diretta” di cui Beppe Grillo si illudeva di essere l’inventore.

Non si rendono conto di essere diventati, invece, professionisti dell’insulto, del dileggio e del pettegolezzo.

I partiti sulla questione dell’astensionismo di massa sembrano distratti, fanno finta di niente.

Lo fanno anche perché non sono sicuri di niente. Con l’ampliamento della platea votante, le loro percentuali di consenso potrebbero risultare molto diverse.

Chi l’ha detto che le scelte degli assenti sarebbero più o meno proporzionali agli attuali elettori (che è l’alibi morale di chi non vota: “tanto il mio voto non cambierebbe nulla”) ?

Ci si astiene perché la complessità della politica è aumentata in modo esponenziale.

Questo succede perché le dimensioni economica, scientifica e tecnologica sono ormai determinanti in ogni ambito della vita collettiva, anche i più quotidiani, modesti e basilari.

Ma la politica -che non si vergogna mai di nulla- pretende di governare processi di cui non capisce nulla.

Un tempo vi erano grandi discriminanti ideologiche che semplificavano il voto.

La fede, l’essere uomo o donna (oggi ci sono numerose categorie intermedie), se si era metropolitani, cittadini o paesani.

Cambiava tutto se vivevi in fabbrica o nei campi.

Prima erano arroganti i colti; oggi sono arroganti (e di successo) gli incolti.

D’altronde la informazione fingendosi cultura ha ucciso definitivamente la scuola, già massacrata da insegnanti, studenti e genitori (decidete voi l’ordine di colpevolezza).

Tanto per essere “moderni” e adeguati ai tempi bisognerebbe spiegare alle tre categorie che per una quindicina di anni ogni adolescente è proprietario di un budget (irripetibile) da spendere per capire il mondo e il posto che in esso si vuole occupare.

Tutto quello che capiterà dopo dipende da come hai usato quel tempo e quei soldi.

E’ difficile capire come votare per i comuni, le regioni, i parlamenti italiani, figurarsi per le istituzioni europee.

Due guerre (in corso) e una pandemia non sono state certamente utili a qualsivoglia scopo se non dimostrare come unirsi, collaborare, identificarsi sia indispensabile per difendersi (in senso lato) dalle minacce del presente e -tanto più- del futuro.

Questa è la vera dimensione identitaria, non quella delle piccole patrie, egoiste e meschine.


SEGNALIAMO

  • VOTA ANTONIO

    Metà degli Italiani non vota e nessuno se ne preoccupa. Non leggo mai analisi, indagini, sondaggi sul fenomeno. Eppure sarebbe semplice. Prendi le liste elettorali e intervisti -ora che il mancato voto non è più reato- coloro che non si sono presentati al seggio. Ignoranza, indifferenza, noia, pigrizia, indignazione, superbia, confusione mentale potrebbero essere le…


  • Vertice europeo, “consiglio di guerra”, battaglie di parole fra divisioni e impotenze

    Vertice europeo, “consiglio di guerra”, battaglie di parole fra divisioni e impotenze

    I capi di Stato e di governo dei Paesi dell’Unione europea discutono dei conflitti e della politica europea di sicurezza e di difesa.


  • Verso le ‘nomination’ di Biden e Trump nella Corsa alla Casa Bianca

    Verso le ‘nomination’ di Biden e Trump nella Corsa alla Casa Bianca

    Giampiero Gramaglia ripercorre per Democrazia futura l’ultima intensa e del tutto probabilmente decisiva settimana elettorale oltre oceano di elezioni primarie.


  • VENICE

    VENICE

    Le polemiche sul «fascismo di pietra» sono paragonabili ad un fiume carsico. Riaffiorano quando meno te l’aspetti. Nel 2017, ad esempio, la storica Ruth Ben-Ghiat, italianista della New York University, vergò un articolo grondante fiele. Lamentava la presenza di troppe e ingombranti tracce del passato fascista. Defascistizzare il panorama. La vibrata indignazione l’aveva affidata alle…


  • VANNACCI TUOI

    Il nome ricorda un dispregiativo (i ragazzacci, i fattacci tuoi etc.) ma l’uomo deve essere, al di là delle apparenze, intelligente.Intanto ha un curriculum perfetto per i tempi che corrono e una serie di coincidenze che lo rendono alla moda.Prima di tutto è un militare, addirittura un generale. Che in tempo di guerre non guasta.E’…


  • UTOPIA VS REALISMO O VICEVERSA?

    UTOPIA VS REALISMO O VICEVERSA?

    FRANCO RAIMONDO BARBABELLA Utopia vs realismo o viceversa? Insomma, ci dobbiamo arrendere a quel che passa il presente o si può ancora progettare il futuro? Forse non è scandalosa una risposta razionalmente ottimistica, anche per l’Italia. Mentre mi pare scontato che nessuno definirà la nostra “epoca dell’utopia”, mi chiedo se è davvero più convincente definirla…


  • UNO SCIOPERO CONTRO IL LAVORO

    In molti casi i lavoratori scioperano per non perdere il lavoro, mentre questa volta in Francia i lavoratori scioperano per smettere di lavorare, forse perché nel paese la piena occupazione é garantita. Mentre ero a Lille, una cittá di 230.000 abitanti equidistante tra le vicine Parigi e Bruxelles, mi sono imbattuto in una delle tante dimostrazioni contro…


  • Una visita nel segno dell’Onu e del multilateralismo

    Una visita nel segno dell’Onu e del multilateralismo

    Giampiero Gramaglia riassume il viaggio a New York di Sergio Mattarella in due articoli.


  • UNA SFIDA AFFASCINANTE

    UNA SFIDA AFFASCINANTE

    Le liste civiche rappresentano una sfida affascinante nel panorama politico attuale, che cerca di bilanciare il cambiamento con la conservazione dei valori fondamentali. Nel passato, i partiti tradizionali hanno spesso deluso le aspettative, dimostrando di essere impantanati nella storia e incapaci di adattarsi alle esigenze attuali e future. Questo fatto spiega il motivo per cui…


  • UNA RIFORMA DEVE ESSERE GRANDE O NON È

    CLAUDIO SIGNORILE “Una riforma deve essere grande o non è” è il titolo di un articolo di Claudio Signorile che partendo dalla storia della Repubblica italiana ripropone il tema ormai classico dei destini dell’Europa. Il tema è oggi di particolare attualità nel contesto delle tensioni geopolitiche mondiali che potrebbero dare vita a nuovi equilibri e…



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (30) ambiente (29) amministrazione (21) arte (60) cinema (38) civismo (44) comunismo (22) cultura (312) democrazia (34) economia (69) elezioni (44) energia (17) europa (36) fascismo (26) filosofia (24) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (25) guerra (74) intelligenza artificiale (25) italia (31) lavoro (38) letteratura (36) mario pacelli (30) media (58) milano (19) musica (110) napoli (20) politica (335) potere (187) rappresentazione (20) religione (22) roma (23) russia (21) salute (62) satira (20) scienza (20) scuola (27) seconda guerra mondiale (45) sinistra (18) società (351) stefano rolando (31) storia (39) teatro (27) tecnologia (20) televisione (32) tradizione (27) ucraina (34) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI