9 EURO ALL’ORA

POLIS: LIVORNO

A Livorno nel 2015 arrivò in via sperimentale il reddito minimo per i disoccupati, un contributo di 500 euro al mese per una sperimentazione fortemente voluta dal sindaco grillino Filippo Nogarin. Il contributo era destinato a chi era disoccupato, italiano o straniero ma residente in città da non meno di 5 anni, in cambio della disponibilità a impegnarsi in lavori socialmente utili.

A copertura del contributo circa 300 mila euro. L’assessora al sociale di allora, Ina Dhimgjini, disse orgogliosa “Nessuno credeva che riuscissimo a farlo”. Livorno aprì la strada a quello che fu il discusso provvedimento del primo governo Conte, il reddito di cittadinanza, invocato tra gli altri anche da Musk e Bezos negli States, e revocato tra mille polemiche dall’attuale governo. 

Oggi, dopo 8 anni, ancora a Livorno il primo atto pubblico ufficiale sul salario minimo orario, un tema su cui la politica nazionale si polarizza con la stessa faziosità messa in campo per l’ RDC. Con la differenza per ora che il salario minimo sembra essere una bandiera capace di unire non senza sforzi una sinistra in cerca d’autore.

In breve la cronaca: il consiglio comunale di Livorno ha votato un emendamento di Potere al Popolo che prevede che i lavoratori del Comune non possano prendere un salario la cui paga oraria sia inferiore a 9 euro, la stessa cifra su cui si sviluppano le proposte di salario minimo. La novità però è che nella delibera si prevede che le stesse condizioni salariali valgano anche per i lavoratori delle aziende che lavorano per il comune in appalto, vera nota dolente nel mercato del lavoro italiano soprattutto nel settore dei servizi. 

Inoltre colpisce che l’emendamento sia stato presentato da un esponente di Potere al popolo e sostenuto alla unanimità dalla maggioranza di sinistra del Sindaco Nogarin: la consigliera Aurora Trotta firma un fatto politico di grande importanza in prospettiva, comunque la si pensi, e anche amministrativo, che va contro la logica dell’esternalizzazione al risparmio dei servizi di pubblica utilità, oggi troppi costosi per le casse della PA, e contro quella da sempre criticata dell’appalto al massimo ribasso, che nel caso dei servizi pubblici genera un dumping negativo sui salari e le paghe orarie, creando un mercato del lavoro di insider garantiti ed outsider senza tutule.

Il provvedimento riguarda soprattutto gli appalti futuri. Ed apre un caso sul quale ragionare seriamente a livello di sistema in tutto il paese. Siamo solo agli inizi ma il tema ora è centrale, ora piuttosto serve che il diritto sia agito, oltre che sancito. Per quanto riguarda l’opposizione da Livorno arriva una prova di unità a sinistra con relativo soccorso rosso che mancava da troppo tempo.


SEGNALIAMO

  • “LA SALVEZZA DI QUESTA NAZIONE STA NEL CAPIRE CHI SIAMO”

    “LA SALVEZZA DI QUESTA NAZIONE STA NEL CAPIRE CHI SIAMO” di Rossana Pace Presidente dell’Associazione Culturale Eccellenze Italiane E’ in vigore dall’11 Gennaio scorso la Legge 206 “Disposizioni organiche per la valorizzazione, la promozione e la tutela del Made in Italy”, una legge che richiede che i cittadini italiani siano preparati a gestirla Finalmente abbiamo…


  • 25 NOVEMBRE, DONNE E PROVERBI

    25 NOVEMBRE, DONNE E PROVERBI

    UN PODCAST DI DIEGO & ZOE CASTAGNO


  • 9 EURO ALL’ORA

    9 EURO ALL’ORA

    POLIS: LIVORNO A Livorno nel 2015 arrivò in via sperimentale il reddito minimo per i disoccupati, un contributo di 500 euro al mese per una sperimentazione fortemente voluta dal sindaco grillino Filippo Nogarin. Il contributo era destinato a chi era disoccupato, italiano o straniero ma residente in città da non meno di 5 anni, in…


  • ABBIAMO UNA BANCA COME IMPRESA SOCIALE :NO EXTRAPROFITTI 

    ABBIAMO UNA BANCA COME IMPRESA SOCIALE :NO EXTRAPROFITTI 

    Il tema dell’etica bancaria viene discusso sin dai tempi antichi. Storicamente, c’è sempre stato un dibattito sulla legittimità del prestare denaro ad un tasso di interesse e con il passare del tempo molteplici punti di vista sono stati espressi, partendo da Aristotele,


  • ACHILLE BONITO OLIVA

    ACHILLE BONITO OLIVA

    L’ARTISTA SONO IO In questi giorni si parla molto del noto critico d’arte ABO a seguito di un articolo dello stesso nel quale ha dichiarato che l’artista non esiste, ma che esiste un sistema dell’arte e che, di conseguenza, non vi può essere arte senza galleria, mecenati e professionisti. Parole queste che hanno suscitato grande…


  • AGCOM VS. ZUCKENBERG

    AGCOM VS. ZUCKENBERG

    Le grandi piattaforme social sono un veicolo per “muovere” ulteriormente la diffusione di quei contenuti e farli conoscere che tuttavia non possono pretendere di usarli in forma gratuita adducendo il “compenso veicolare”.


  • BOLOGNA: ASTA DEGLI AFFITTI

    BOLOGNA: ASTA DEGLI AFFITTI

    Monolocali all’asta a Bologna, un report dalla “città” degli studenti.


  • CARA AFFETTUOSA AMICA, 

    Alla domanda che mi facevi, se i nuovi sistemi di Intelligenza artificiale siano a no utili per l’insegnamento ai ragazzi delle scuole superiori, ti rispondo che ogni fattore di sviluppo è utile all’uomo tenendo in mente una delle massime buddiste che Richard Feynman riporta nel suo libro Il senso delle cose: ad ogni uomo è data la…


  • CONSCIOUS QUITTING

    Paul Polman è un eclettico scrittorie e uomo d’affari olandese, tra le altre è stato amministratore delegato di Unilever. Vede gente e fa varie cose, tutte molto interessanti. Tra queste una ricerca sul sentiment del mondo del lavoro, “From quiet quitting to conscious quitting”, condotta su 4.000 lavoratori americani e britannici dal suo team. I risultati confermano un…


  • DALLA SCELTA ALL’ACCESSO

    DALLA SCELTA ALL’ACCESSO

    È assai curiosa la (apparente?) tranquillità con cui tutti noi veniamo vivendo la più stravolgente rivoluzione che ci stia toccando di vivere: vale a dire quella della modificazione profonda del rapporto con il consumo in tutte le sue forme. Siamo in un’epoca di rivolgimenti tecnologici ed economici che si abbattono su di noi in una…