PROFONDO SUD

IL RINOCERONTE

La SVIMEZ è un’associazione che si occupa di sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno, ne studia le condizioni economiche e propone programmi di azione concreti.

Il rapporto sull’economia del Mezzogiorno è l’opera principale della SVIMEZ e viene pubblicata ogni anno da ormai 50 anni, il primo risale al 1974. Nel testo presentato si propone la fotografia dell’economia meridionale della coesione sociale, della demografia e del mercato.

Tra i dati del rapporto ce n’è uno che è davvero paradossale.

L’istituto stima che l’impatto degli investimenti finanziati dal PNRR sul PIL è pari a 2,2 punti percentuali nei prossimo due anni, con un +2,5% nel Mezzogiorno e un +2% nel Centro-Nord. Con il PNRR il nostro paese ha l’opportunità di evitare un periodo di sostanziale stagnazione. Occorre però cogliere questa opportunità e attuare i programmi di investimento previsti, cosa nient affatto scontata: SVIMEZ stima che il valore complessivo dei progetti ad oggi è pari a 32 miliardi di euro, di questi il 45% nei Comuni del Mezzogiorno.

Per circa la metà dei progetti le procedure di affidamento sono state avviate, ma la quota di progetti messi a bando si ferma al 31% al Mezzogiorno rispetto al 60% del Centro-Nord.

Quello che fa la differenza è la capacità di procedere all’aggiudicazione, con un divario tra le amministrazioni che varia dal 67% al Sud, al 91% del Centro e del Nord, dato che conferma la difficoltà e la carenza amministrative delle amministrazioni locali meridionali in termini di organico e competenze.

Al sud quindi servono competenze e risorse. Le stesse risorse quelle umane che se vanno al nord, scappando da un mercato del lavoro avaro di soddisfazioni.

Dal 2002 al 2021 hanno lasciato il Mezzogiorno oltre 2,5 milioni di persone, in prevalenza verso il Nord e la Capitale, 81%. Il Mezzogiorno ha perso in questo modo 1,1 milioni di residenti. Tra il 2002 e il 2021 il Mezzogiorno ha subìto un deflusso netto di 808 mila under 35, di cui 263 mila laureati. La struttura migratoria interna del XXI secolo è diversa da quella del secolo scorso. Parte chi ha competenze e risorse, restano le persone anziane.

L’Italia oggi è stabilmente tra i paesi europei più anziani, il Sud è sopra la media nazionale a causa delle migrazioni interne e internazionali che hanno ampliato e continuano ad aggravare gli squilibri demografici tra Nord e Sud. Le comunità immigrate si concentrano prevalentemente nel Settentrione e ne riducono l’impatto dell’inverno demografico, “ringiovanendo” una popolazione sempre più anziana, Il Mezzogiorno continua a perdere popolazione, soprattutto i più giovani ed i più qualificati.


SEGNALIAMO

  • WORKING POOR E GRANDI DIMISSIONI

    WORKING POOR E GRANDI DIMISSIONI

    È da 30 anni (TRENTA) che in Italia non aumentano gli stipendi. Aumenta solo il numero di lavoratori poveri, di part time involontari, di contratti a tempo determinato e aumenta il livello di disuguaglianza tra i ricchi sempre meno e sempre più ricchi e i poveri, sempre più numerosi e sempre più poveri. Sappiamo che…


  • SUPERMAN, PASCAL E LA GIUSTIZIA

    SUPERMAN, PASCAL E LA GIUSTIZIA

    DIEGO CASTAGNO “Singolare giustizia che ha per confine un fiume” Blaise Pascal. Pensieri. Modena, insieme a Carpi e Sassuolo, per tre giorni diventa da 20 anni a questa parte la capitale della filosofia italiana, con un festival capace di portare nella città della Ghirlandina e nelle due piccole grandi città vicine i pensatori più autorevoli…


  • POLICY E GOVERNANCE

    POLICY E GOVERNANCE

    (LO STATO NON È IL PARTICIPIO PASSATO DEL VERBO ESSERE) “L’inevitabile non accade mai perchè succede sempre l’imprevedibile” J.M.Keynes. Si sta passando dalla seconda alla terza repubblica è si sta esaurendo la stagione del neo-mercatismo senza stato e del neo-populismo senza storia né prospettiva La storia antica e recente offre numerosi esempi e contestualizza ogni ciclo…


  • IL COLORE DELL’8 MARZO

    IL COLORE DELL’8 MARZO

    Qual’è il colore dell’8 marzo?Il giallo, quello della mimosa, che quest’anno va a ruba per colpa della siccità, a sentire Coldiretti Vicenza «Una mimosa su tre è andata persa», quindi cari maschi, se volete fare i galanti fate attenzione al prezzo e al mercato nero (esiste anche il metta nero dei fiori, da sempre). Nel…


  • PERCHE’ FESTEGGIARE L’8 MARZO

    Valentina Bosio, fotoreporter a  Herat, 13 anni dopo.   “Sicuramente le mimose non bastano e la festa della donna dovrebbe durare tutto l’anno. E sicuramente sarebbe bello un mondo in cui festeggiare l’otto marzo non serve più. Eppure al di là della retorica e della contro-retorica oggi, io credo, che la la Giornata internazionale della…


  • POVERO RE, E POVERO ANCHE IL CAVALLO

    POVERO RE, E POVERO ANCHE IL CAVALLO

    Il mercato del lavoro è diventato dinamico, per non dire irrequieto: il 46,7% degli lavoratori italiani inoltre lascerebbe l’attuale lavoro e il 64,4% degli occupati dichiara di lavorare solo per guadagnare i soldi necessari per vivere o fare le cose che piacciono, senza altre motivazioni esistenziali. Questo vale in particolare per il 69,7% dei giovani…


  • WOMEN UP

    “Sicuramente le mimose non bastano e la festa della donna dovrebbe durare tutto l’anno. E sicuramente sarebbe bello un mondo in cui festeggiare l’otto marzo non serve più. Eppure al di là della retorica e della contro-retorica oggi, io credo, che la la Giornata internazionale della donna sia una festa, e che noi la si…


  • LIBERTÀ NON È STAR SOPRA UN ALBERO….

    LIBERTÀ NON È STAR SOPRA UN ALBERO….

    “La libertà e l’umanità coincidono”, la frase è di Hanna Arendt e compare in un saggio su Sant’Agostino che ragiona sull’essenza dell’esistenza umana. Il concetto ispira tutti i lavori della filosofa tedesca ed in particolare il suo saggio forse più riuscito, “Vita Activa”.Hanna Arendt è convinta che sono gli uomini a realizzare i miracoli, perché…


  • GLI STATI GENERALI DI LETIZIA

    GLI STATI GENERALI DI LETIZIA

    L’Italia è un paese complicato e variegato. Serve una politica “Place sensitive”, capace di valorizzare le differenze dei territori nel quadro di un bene comune”.


  • LA TECNOLOGIA NON È (MAI) NEUTRA

    LA TECNOLOGIA NON È (MAI) NEUTRA

    e l’ia è una sfida per l’umanità. A Roma si parla di intelligenza artificiale ad un convegno patrocinato dalla University For Peace delle Nazioni Unite sulla IA e sulle sfide per l’umanità che l’IA determina, degli scenari che si stanno aprendo e di come il digitale incrocia tutti gli aspetti della vita nel quotidiano, dal…



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (31) ambiente (29) amministrazione (21) arte (61) cinema (40) civismo (45) comunismo (22) cultura (326) democrazia (38) economia (72) elezioni (54) energia (17) europa (49) fascismo (27) filosofia (26) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (29) guerra (84) intelligenza artificiale (28) italia (35) lavoro (38) letteratura (38) mario pacelli (30) media (60) milano (19) musica (115) napoli (20) politica (360) potere (199) rappresentazione (21) religione (23) roma (23) russia (25) salute (65) satira (20) scienza (21) scuola (27) seconda guerra mondiale (47) sinistra (18) società (371) stefano rolando (31) storia (40) teatro (28) tecnologia (20) televisione (36) tradizione (27) ucraina (35) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI