GLI SPAZI DI COMUNITÀ E L’INNOVAZIONE SOCIALE

L’impatto, gli sviluppi e le prospettive dell’innovazione sociale

Il tema della valutazione rispetto al riuso a fini sociali dello spazio pubblico dismesso. Il nuovo rapporto tra la politica e il civismo, il locale e il globale.

La rigenerazione degli spazi pubblici e il bene comune, cosa sono e cosa servono

Negli ultimi dieci anni in Itala si sono diffuse su tutto il territorio nazionale pratiche di riuso di spazi inutilizzati, abbandonati o dismessi per finalità sociali. Queste esperienze sono pensate per offrire risposte alla comunità e ai bisogni dei cittadini romper favorire processi di rigenerazione urbana o ancora per contribuire al welfare e al benessere dei territori, fanno parte delle politiche di coesione.

Rispetto a questa “buona pratica” è legittimo chiedersi se queste pratiche abbiano effetti ed impatti positivi, A questa domanda prova a dare un risposta il Nucleo di Valutazione e Analisi per la Programmazione del dipartimento per la coesione della Presidenza del Consiglio con una indagine su come queste esperienze siano state supportate dalla politica e dalla filantropia, su quali sono e quanti sono i nuovi spazi ibridi, sociali e culturali, in Italia, su come possono essere definiti, quali fattori ne abilitano la nascita, lo sviluppo e la durabilità e su come si relazionano con i diversi territori ed ecosistemi.

Esiste su questa materia una narrativa molto interessante, un ambito di studio poco formalizzato, sperimentale ed empirico, fondato sull’analisi di casi emblematici e di buone pratiche, che fa parte del tema più generale dell’innovazione sociale.

Cos’è l’innovazione sociale

L’innovazione sociale si può definire oggi come l’insieme di soluzioni “innovative” che cercano di dare risposte ai nuovi bisogni delle persone ed ai problemi che affliggono la comunità e la società di oggi: l’invecchiamento della popolazione, la disoccupazione, le diseguaglianze e le nuove forme di povertà, l’immigrazione prendono forme nuove e complesse in un contesto economico in evoluzione caratterizzato da crisi che generano nuovi bisogni da soddisfare, nuove pressioni sociali e nuove forme di conflitto, oltre ad una nuova domanda sociale alla quale il welfare tradizionale ancorato ancora almeno in parte alle logiche del 900 non riesce a dare una risposta adeguata.

Il classico modello di funzionamento nella fornitura di servizi per la collettività, in cui il soggetto pubblico decide e fornisce dall’alto i servizi che ritiene necessari ai cittadini, non sia più adatto ad affrontare efficacemente le nuove sfide sociali.

Il welfare tradizionale non sembra in grado di rispondere ai bisogni, sia quelli tradizionali che quelli nuovi, per cui servono nuovi modelli di intervento in supporto a quelli tradizionali.

In questo contesto di crisi del tradizionale modello di welfare state si afferma l’innovazione sociale che si muove dal basso, e genera forme nuove di azione collettiva. Si superano le distinzioni tra le politiche formali, pubbliche, e le pratiche informali,

Le strategie per la coesione dell’Unione Europea

L’innovazione sociale muovendosi dal basso attribuisce un ruolo preminente alla società civile che si organizza in proprio ed orienta, mobilita e negozia gli spazi d’azione che si aprono appunto all’innovazione sociale.

Nella Guide to Social Innovation del 2013, la commissione europea descrive il ruolo del settore pubblico come strategico nel supportare lo sviluppo di iniziative di innovazione sociale. “E il passaggio da una responsabilità meramente istituzionale ad una condivisa con la comunità nel rispondere ai bisogni della società, che rende ancora più evidente la necessità che la Pubblica Amministrazione promuova le pratiche di innovazione sociale e collabori a realizzarle insieme ai soggetti del Terzo settore, dell’economia sociale e dell’imprenditorialità for profit”.

Il tema dell’innovazione sociale oggi è decisivo per la comunità, soprattutto nelle città dove l’urgenza dei processi di rigenerazione e di sviluppo locale è più sentita, ed i processi di empowerment e inclusione sociale risultano essere determinanti.

Gli spazi di comunità pensati come piattaforme dove si rigenera la comunità e si ricuciono le fratture sociali sono oggi la ricetta che si ritiene essere la più efficace.

L’amministrazione pubblica e la valutazione degli impatti

Alle amministrazioni pubbliche il riuso del patrimonio secondo i principi collaborativi di coprogrammazione e di coprogettazione piace molto, “perché risponde alla necessità di interfacciarsi con l’attivismo civico e sociale per disegnare percorsi nuovi, più rispondenti ai bisogni delle comunità” e piace ancora di più l’idea di stabilire come “abilitare e sostenere le sperimentazioni in atto”, valutando l’impatto la qualità e l’inclusività degli interventi.

Se la questione del riuso da un lato e quella di come interagire con la comunità è sicuramente uno dei temi all’ordine del giorno non da oggi tra gli addetti ai lavori, capire e sapere quali sono i vantaggi per l’ente pubblico e per la comunità che una rigenerazione urbana genera e determina è un argomento altrettanto sentito per la PA e l’amministrazione.

La politica in cerca delle pratiche: un nuovo rapporto tra l’amministrazione e il civismo

Molto interessanti i capitoli centrali del report che mettono in relazione la politica con le pratiche, una sinergia che determina il successo o l’insuccesso di molte delle iniziative sostenute in questi anni. Coraggiosi anche, perché mostrano in molti casi un certo ritardo della amministrazione rispetto alla comprensione dei processi di rigenerazione. Vero è che la politica deve dare indirizzi, ma nella complessità degli strumenti si rischia che alla fine il tecnico supplisca all’amministrazione, tema anche questo caldo da anni e che riguarda tutti gli ambiti dell’amministrazione pubblica.


SEGNALIAMO

  • UN APPUNTAMENTO DA NON PERDERE

    Oltre 80 liste civiche espressione di tante comunità umbre, toscane, marchigiane e laziali si riuniranno sabato 22 aprile per costituire l’Alleanza Civica dell’Italia Centrale.


  • TRATTORI 1 – SINDACATI 0

    POLIS, ORTE LA PROTESTA DEI TRATTORI HA SMOSSO LE ACQUE ACQUITRINOSE DELLA RAPPRESENTANZA IN CAMPO AGRICOLO CREANDO UNA PROFONDA SPACCATURA TRA LE CENTINAIA DI MIGLIAIA DI AZIENDE AGRICOLE E LE PRINCIPALI ASSOCIAZIONI DATORIALI DEL SETTORE CHE “LE RAPPRESENTANO” O ALMENO DOVREBBERO. A ORTE GLI IMPRENDITORI DEL SETTORE HANNO DETTO “SIAMO INDIPENTENDI E NON ABBIAMO NESSUN…


  • TRA CONFLITTUALITÀ E COLLABORAZIONE

    Prendiamo in esame due casi: l’olio e il vino. Sono due produzioni che rappresentano bene la produzione agroalimentare del Bel Paese: il surplus di un prodotto di eccellenza come il vino e il deficit di un prodotto a rischio di estinzione, e cioè l’olio italiano.


  • STORIA DELL’IDEA DEMOCRATICA PARTE 7

    STORIA DELL’IDEA DEMOCRATICA PARTE 7

    Sia chiaro – va ribadito – che queste tappe del processo di democratizzazione in cui si pongono via via le basi istituzionali per lo sviluppo dell’eguale libertà dei cittadini, propria della democrazia, non tutte si inseriscono nella storia vera e propria di quest’ultima (come, senz’altro, con Clistene); alcune riguardano, infatti, solo la sua pre-istoria (così,…


  • SIENA, CODICE ROSA

    REDAZIONE POLIS Il fenomeno della violenza contro le donne ed i minori ha assunto ormai i connotati di una vera e propria questione sociale “strutturale”. Riguarda trasversalmente classi, famiglie e generazioni, in Italia come in tutto il mondo, tanto che l’Organizzazione Mondiale della Sanità nel corso degli anni si è impegnata in un monitoraggio costante delle…


  • SICILIA: TRENI TRENI ETERNI DEI

    Il treno che unisce Catania a Palermo, 209 chilometri in tutto, in ben 3 ore e 4 minuti, si chiama Freccia Bianca, dunque non è certo un Freccia Rossa, ma forse, a causa del tempo che ci impiega e di conseguenza dei pochi passeggeri che se ne servono, bisognerebbe chiamarlo Freccia Rotta, o forse Freccia…


  • POPOLARI NON BASTA

    PODCAST


  • PIATTAFORMA 2024 PER IL CENTRO

    POLIS, MANTOVA LA REDAZIONE Si è svolto a Mantova, promosso dal Presidente della Provincia, Carlo Bottani un affollato incontro sulle prospettive dell’Italia, dell’Euro e della crescita con Antonio Fazio, già Governatore di Banca d’Italia ed il sen Tarolli. L’incontro si inserisce nel percorso di coinvolgimento territoriale (ormai giunto al 6^ appuntamento) promosso da Piattaforma 2024,…


  • PFAS

    POLIS, ALESSANDRIA ( SPINETTA MARENGO ) G.B. Il Comitato Etico Interaziendale della Azienda ospedaliera Maggiore della Carità di Novara ha dato il via libera al progetto di biomonitoraggio umano nell’area di Spinetta Marengo per verificare la presenza di sostanze perfluoroalchilate (PFAS) nel sangue di un campione di popolazione potenzialmente a rischio.Tradotto si parte con le analisi del sangue ai cittadini di…


  • PER L’EUROPA FEDERALE E L’ITALIA EUROMEDITERRANEA

    PER L’EUROPA FEDERALE E L’ITALIA EUROMEDITERRANEA

    In generale non si può più accettare che le politiche ambientali, che hanno bisogno di interventi di lungo periodo e di grandi investimenti programmati con conseguenti mutamenti di abitudini e stili di vita, vengano subordinati ad uno scontro tutto ideologico e trattati quasi alla stregua di dispute social. Dire responsabilità di tutti anche in questo…