VERAMENTE FALSO

EMO AI è la nuova intelligenza artificiale sviluppata dal team di ricercatori dell’Alibaba’s Institute for Intelligent Computing presentato alla stampa dal gigante cinese dell’ecomerce. Partendo da “una singola immagine e un audio, con un contenuto parlato o cantato, EMO è in grado di animare le persone ritratte con tanto di espressioni facciali accurate e movimenti della testa”.

I video prodotti con questo strumento sono molto realistici e gli abbinamenti tra i volti e i contenuti audio sono potenzialmente infiniti. Il sistema può generare video di qualsiasi durata, a seconda della lunghezza dell’audio in ingresso e con qualunque volto.

Tecnicamente EMO utilizza un “modello di diffusione”, una tecnica di A.I. che permette di creare immagini e di trasformare una forma di onda audio in una sequenza di fotogrammi video.

I video generati da EMO conservano le caratteristiche reali della persona ritratta, perché il sistema riesce a riprodurre i movimenti facciali e le pose della testa in modo fluido ed espressivo, rispettando le caratteristiche e lo stile del parlato naturale.

L’upgrade tecnologico in questo caso è dato dalla capacita di creare e ricreare non solo gli oggetti ma anche l’ambiente dentro il quale questi oggetti hanno senso ed esistono. Senza i limiti tipici del mondo degli oggetti reali. La realtà sintetica che si può creare però è sempre più simile a quella reale. Questo processo avviene infine sempre più velocemente.

VECCHIE E NUOVE FAKE: EPUBURN E LA MONNA LISA.

L’unico limite, per ora, consiste nel fatto che il volto animato si muove poco e lo sguardo non cambia direzione se non di poco.

Visto il video di EMO le prime fakenews o le foto false dell’arresto di Trump o del Papa con il piumino oggi sembrano esperimenti rozzi e ingenui appartenenti ad una preistoria digitale che risale a un anno e mezzo fa, un tempo che per il web è in effetti un’era geologica.

Gli studi e i progressi sulle varie realtà aumentate non sono certo una novità. Prima di EMO c’è stata SORA, il modello text-to-video di OpenAI. L’ambito nel quale si muove l’AI sulle immagini e sulla produzione di contenuti audio e video è scivoloso e controverso, non stupisce quindi che i risultati diffusi due giorni da AliBaba fa abbiano fatto notizia. La demo che gira in rete con la Audrey Hepburn che canta una cover di Ed Sheeron e la Monna Lisa di Leonardo che parla è abbastanza sorprendente quanto a realismo e spontaneità. Nonostante siamo ormai propensi a pensare che la tecnologia farà cose pazzesche e inimmaginabili. E nonostante siamo consapevoli che il digitale aprirà scenari inediti e tutti da scrivere.

Siamo invece oggettivamente e impreparati a questa potenza della macchina e ancora di più a questa velocità fantascientifica. Non è difficile immaginare la potenzialità generativa di questa intelligenza artificiale cosi come le conseguenze, gli effetti collaterali e i rischi da affrontare.

EMO ha applicazioni evidenti nel mondo della comunicazione, dell’educational e del marketing, ma non solo. La capacità di riprodurre sinteticamente un oggetto o una persona in maniera sempre più fedele alla realtà pone questioni politiche, etiche e filosofiche che sono oggi più urgenti che mai.

ACCUMULAZIONI E NARRAZIONI

Nel digitale le persone producono e scambiano dati mentre comunicano e interagiscono tra di loro e con le macchine, generando sempre più dati: tutte le cose possono essere trasformate in dati e scambiate nel virtuale.

Mentre il pensiero umano segue un processo analogico che si muove nel campo delle esperienze e procede attraverso “corrispondenze”, l’intelligenza artificiale calcola in fretta e sempre più velocemente tutte le informazioni cui ha accesso.

Non si occupa del senso e del racconto, anzi lo rimuove: la sua funzione consiste nel calcolare i dati delle cose e dei fatti che sono avvenuti, non fatti nuovi o che avverranno.

Per l’intelligenza umana il mondo “corrisponde” al pensiero, che a sua volta “comprende” il mondo in cui è immerso.

L’intelligenza artificiale non ha bisogno di concetti: aggiunge, calcola e offre simulazioni. Impara dal passato e non ci dice come sarà il futuro, o quale senso avrà, ma studia il dato nel presente, che infatti diventa un “presente continuo” perché viene aggiornato costantemente. Con il conseguente straniante spaesamento diffuso.

Per capire come funziona basta osservare per una settimana il flusso dell’informazione, la rilevanza, il commentario e la sequenza con cui vengono presentati fatti e notizie.

Niente narrazione, ma accumulo, naturalmente in tempo reale.

PS: FILOSOFIE SUL FUTURO

Byung-Chul Han è un filosofo coreano, insegna all’Università di Berlino ed è uno dei più acuti osservatori del mondo contemporaneo e del digitale. È un filosofo coreano ed insegna all’Università di Berlino. Scrive libri che hanno un grande successo nonostante la difficoltà degli argomenti trattati e nonostante le critiche spesso feroci provenienti dal mondo accademico.

Nel suo “Le non cose” un best seller, che sviluppa una tesi apocalittica quanto suggestiva: nel Mondo di oggi tutte le cose, reali, vengono costantemente trasformate in “non cose”, dati e informazioni “scambiabili” e “tracciabili”.

Il digitale produce informazioni che si possono “contare” e non “raccontare”, non generano narrazioni, ma una realtà rappresentata solo attraverso una successione temporale, grazie ad algoritmi che distribuiscono queste informazioni e rendono superflua la naturale tendenza umana a produrre teorie e paradigmi per comprendere il mondo reale.

Per il filosofo coreano “l’I.A. simula il futuro producendo presente assoluto, e il Big Data diventa il vero sapere, assoluto, in cui i concetti vengono ridotti a numero. Il pensiero analogico crea mondi possibili perché può immaginarli.

L’intelligenza artificiale è intelligente in maniera diversa dall’uomo, non ha coscienza né immaginazione”.
L’informazione invece non ha bisogno di futuro, o di senso, e non ha bisogno di interrogarsi sulla direzione. L’essere umano invece si.


SEGNALIAMO

  • l’IA ACT EU

    Cosa c’entra la politica con l’intelligenza artificiale … AI ACT Da Venerdi 12 luglio l’AI ACT, la legge che prova a mettere regole e prospettive allo sviluppo dell’intelligenza artificiale generativa e non, voluta dalla Unione Europea entrerà in vigore ad Agosto. Il provvedimento (Qui https://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/?uri=CONSIL%3APE_24_2024_REV_1&qid=1718701204804 il testo in uscita nella Gazzetta Ufficiale) fa parte della…


  • MILANO, L’ESSENZIALE

    MILANO, L’ESSENZIALE

    Nella tre giorni del Wired Next Fest al Castello Sforzesco di Milano le ultime tendenze dal mondo scientifico, culturale, politico ed economico italiano e non solo. Grandi protagonisti l’intelligenza artificiale e il senso dell’innovazione, in tuitta la sua complessità. Stella Assange, Zero Calcare, Lina Galore, Paolo Benanti. Dove va il mondo… La star è Stella…


  • DELL’ARTIFICIALE COAZIONE AL PENSIERO ARTIFICIALE

    DELL’ARTIFICIALE COAZIONE AL PENSIERO ARTIFICIALE

    – Il pensiero pensa. Il pensiero non può fare altro. Pensa. Il pensiero sta dentro se stesso e nel tempo del suo divenire, con tutta la varietà di posizioni, dalla stasi vuota all’intenzionalità divagante. Da un pensiero all’altro. Si trova così, è consustanzialmente con sé stesso. E quando non è con sé non c’è il…


  • Glossario: Intelligenza Artificiale Generativa, di P. Pozzi e A. Luvison

    Glossario: Intelligenza Artificiale Generativa, di P. Pozzi e A. Luvison

    “Intelligenza artificiale generativa” è la parola prescelta da inserire come nel glossario che Democrazia futura ha iniziato a costruire.


  • NO COMMENT, SFIDA A GEMINI

    GIUSEPPE PUGLIESE Vorrei intitolare questo articolo: “No Comment”. I commenti li lascio a voi lettori. Ho sottoposto ad un software di intelligenza artificiale una matrice di un gioco molto conosciuto chiamato Sudoku. Ho chiesto al software se fosse al corrente delle regole e se era in grado di risolvere una matrice di questo gioco. Gli…


  • L’IA E LE CONSEGUENZE DI GENERE

    L’IA E LE CONSEGUENZE DI GENERE

    Il caso Taylor Swift smuove l’attenzione pubblica MARTINA BASILE Con il termine intelligenza artificiale (IA) ci si riferisce a quella capacità di una macchina di simulare dei ragionamenti e pensieri umani. È uno strumento che, se utilizzato in maniera ottimale, può garantire dei vantaggi tecnologici non indifferenti. A generare un argomento di dibattito sono proprio i suoi…


  • Chat GPT L’intelligenza artificiale è politicamente corretta?

    Chat GPT L’intelligenza artificiale è politicamente corretta?

    “L’intelligenza artificiale è politicamente corretta?”. Risponde Chat GPT


  • DOVE SIAMO? DOVE ANDREMO? CHI COMANDA?

    Educare all’intelligenza artificiale Il 25 marzo mi è stato gentilmente richiesto di parlare di intelligenza artificiale ai ragazzi del triennio della scuola dove insegno (una scuola grande che comprende vari indirizzi dell’istituto tecnico industriale, il geometra e il professionale a indirizzo moda). L’idea centrale intorno alla quale ho costruito la mia relazione è stata quella…


  • ALBA RENAI

    ALBA RENAI

    La ragazza cavalca il momento, “questi mesi sono stati una montagna russa di emozioni ed esperienze”, dichiara con naturalezza.


  • L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE

    L’Intelligenza Artificiale (AI, Artificial Intelligence) è una tecnologia informatica che rivoluziona il modo con cui l’uomo interagisce con la macchina e le macchine tra di loro e questo come processo attraverso cui le macchine e i sistemi informatici simulano i processi dell’Intelligenza Umana. Le applicazioni specifiche dell’IA includono alcuni necessari sistemi come l’elaborazione del linguaggio naturale,…



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

alimentazione (31) ambiente (29) amministrazione (21) arte (62) cinema (42) civismo (47) comunicazione (18) comunismo (24) cultura (340) democrazia (40) economia (74) elezioni (65) europa (58) fascismo (30) filosofia (29) formazione (25) giorgia meloni (20) giovani (29) guerra (88) intelligenza artificiale (30) italia (41) lavoro (40) letteratura (43) mario pacelli (30) media (67) milano (20) musica (118) napoli (20) politica (391) potere (210) rai (18) rappresentazione (22) religione (23) roma (23) russia (26) salute (67) satira (20) scienza (21) scuola (27) seconda guerra mondiale (48) sinistra (19) società (405) stefano rolando (31) storia (44) teatro (29) tecnologia (20) televisione (42) tradizione (27) ucraina (37) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI