IL SALONE (GREEN) DEI RECORD

Successo straordinario per il salone del mobile 2024, un edizione da record e la numero 62 di un’evento, capace di cambiare il volto di Milano per una settimana. In aumento il numero di espositori, giornalisti ed addetti ai lavori, e il numero dei turisti da tutto il mondo, attratti da eventi talk mostre ed installazioni.

Come da tradizione ormai decennale il salone esce dalla fiera e si sparge nella città: il format è collaudato e non è piu una novità, eppure ogni anno conferma una capacità attrattiva in costante ascesa.

Qualche numero: oltre 1.950 espositori ,provenienti da 35 Paesi. 361.417 presenze complessive, 54,3% dall’estero (+100.000 presenze rispetto al 2022), +17,1% rispetto al 2023. DA ATM, l’azienda dei trasporti pubblici, fanno sapere che nella settimana dal 16 al 21 aprile le linee della metropolitana hanno trasportato 800 mila passeggeri, l’11% in più dell’anno scorso. Ovviamente sold out nelle strutture ricettive e presi alle stalle, nemmeno in questo caso niente di nuovo.

Il salone però non è solo numeri e organizzazione, per quanto entrambi davvero straordinari. Qualche considerazione a caldo, da non addetto ai lavori. Quest’anno tra Salone e fuori salone gli eventi in agenda erano circa 1300, altro record assoluto per la kermesse meneghina.

Il bello del Salone in effetti è anche (soprattutto) il fuori salone ed i suoi appuntamenti che portano il grande tema del design ad un pubblico ampio e che dà contemporaneità e profondità alla manifestazione. Il tema di questa anno è stato il rapporto tra la natura e la materia, nell’ottica della consapevolezza che la sostenibilità è oggi forse il solo principio guida possibile per progettare qualunque attività umana nell’ecosistema. Tra i temi del salone quindi c’è molta tecnologia ma poca IA, perché il processo creativo parte dall’intelligenza umana, analogica, e non da quella della macchina, digitale. Per quanto riguarda il progetto invece si passa dall’ambiente e dal rapporto tra uomo e natura.

Sullo sfondo altri due grandi temi: quello dell’armonia e quello delle trasformazioni.

Lo sviluppo se ci sarà ci potrà essere solo nel contesto dell’ambiente, superando definitivamente e con coraggio una visione antropocentrica del consumo e dalla creazione del valore. Il design in questo senso è trasformazione e materia, è una prassi ed assieme un concetto ed un atteggiamento.

Interessante notare come da qualche anno a questa parte il tema del green sia diventato un principio guida per la vita di un numero sempre maggiore di persone ed uno dei presupposti del patto tra produttore e consumatore, al punto che se all’inizio era lecito denunciare le diverse pratiche di green washing, oggi si assiste finalmente a tentativi più convinti di andare oltre la logica della compensazione delle grandi aziende, in particolare nel tessile, nel food e nel legno arredo. Ed è lecito a questo punto essere ottimisti sulla possibilità di una sostenibilità realmente sostenibile, tenendo conto della difficoltà che la transizione green crea alla coesione della società e all’economia reale.

PS Bella anche l’edizione del salone satellite, quello riservato ai giovani designer under 35. Energetico e capace di stare nella contemporaneità. Come è giusto aspettarsi dai creativi più giovani.


SEGNALIAMO

  • GREENWASHING:“POLITICA DEL CRICCHETTO” E TRANSIZIONE ALLA SOSTENIBILITA’

    Greenwashing è neologismo inglese che generalmente viene tradotto come inganno comunicativo e tecnica informativa falsa di ecologismo e politiche ambientali, utile anche per posizionarsi sul mercato acquisendo segmenti di clienti consumatori sensibili all’ambiente, all’ecologia ed al clima. Ricordo che questo termine viene fatto risalire agli anni “60 quando l’industria alberghiera affisse i primi avvisi nelle camere d’albergo per chiedere…


  • CINEMA: IL FIUME SOTTERRANEO

    CINEMA: IL FIUME SOTTERRANEO

    C’è un fiume sotterraneo di soldi statali che scorre continuamente e di cui nessuno si accorge , men che meno i giornalisti specializzati. Solo ieri ‘il fatto quotidiano’ ha dedicato un articolo alla signora Elkann, ma in concomitanza dei rinvii a giudizio dei fratelli Elkann per le note vicende ereditarie, delle quali evidententemente il capofila…


  • LE RELAZIONI INDUSTRIALI DEL TERZO MILLENNIO

    LE RELAZIONI INDUSTRIALI DEL TERZO MILLENNIO

    La mia generazione  ha imparato a conoscere ed ammirare il mondo del sindacato , perché ogni giovane impegnato  nel sociale , avrebbe voluto fare parte di quel  mitico mondo immaginario   che erano i  metalmeccanici degli anni settanta, che dopo anni  di inferno per la contrattazione ,stavano portando la classe operaia in paradiso.


  • LA FABBRICA

    LA FABBRICA

    LA REDAZIONE POLIS NOVI LIGURE Per la siderurgia di Novi Ligure potrebbe essere la svolta che si attende da anni. Adolfo Urso Ministro dell’impresa in vista a Novi Ligure agli impianti dell’ex IlVA ha annunciati che prima dell’estate sarà dato il via alla procedura pubblica per individuare un nuovo socio, e che entro il 2024…


  • TORINO DECADUTA

    TORINO DECADUTA

    Sono vent’anni che litigano per la divisione di un gruzzolo che è superiore al PIL di una cinquantina di nazioni nel mondo.


  • “LA SALVEZZA DI QUESTA NAZIONE STA NEL CAPIRE CHI SIAMO”

    “LA SALVEZZA DI QUESTA NAZIONE STA NEL CAPIRE CHI SIAMO” di Rossana Pace Presidente dell’Associazione Culturale Eccellenze Italiane E’ in vigore dall’11 Gennaio scorso la Legge 206 “Disposizioni organiche per la valorizzazione, la promozione e la tutela del Made in Italy”, una legge che richiede che i cittadini italiani siano preparati a gestirla Finalmente abbiamo…


  • AGRICOLTORI PROTESTANO PER LA SOPRAVVIVENZA

    AGRICOLTORI PROTESTANO PER LA SOPRAVVIVENZA

    A Orte, in provincia di Viterbo, come nelle periferie di Parigi, e’ in corso da giorni una mobilitazione degli imprenditori agricoli del territorio. Sono coltivatori diretti, imprese agromeccaniche, allevatori e aziende dell’indotto a chiedere giustizia per il proprio lavoro, spesso sacrificante al punto da azzerare altri interessi se non quelli legati alla propria attività. Turni…


  • INDIETRO TUTTA!

    INDIETRO TUTTA!

    L’acciaio di Taranto è un fatto di portata nazionale. E non è solo una fatto economico, va oltre, perchè riguarda la questione della transizione a modelli sostenibili dal punto di vista ambientale e sociale, aspetto tutt’altro che secondario del futuro concreto del sistema economico di un paese che non cresce da 30 anni.


  • IL MODELLO FINANZIARIO SBAGLIATO DELL’AUDIOVISIVO ITALIANO

    Quando si tratta di analizzare l’industria del cinema e Tv, l’Italia sembra vivere in un mondo tutto suo, poi ci si lamenta quando le cose vanno meglio negli altri paesi. Questa riflessione avviene dopo aver riscoperto un articolo dell’ottobre 2022 pubblicato su “La Stampa” a cura di Fabrizio Accatino. L’autore inizia bene nell’indicare che i…


  • SETTIMANA CORTA E PRODUTTIVITÀ COGNITIVA

    SETTIMANA CORTA E PRODUTTIVITÀ COGNITIVA

    Gli orari di apertura delle fabbriche erano di 18 ore con prevalenza di bambini e donne (non scolarizzati), più esili e adattabili a fabbriche somiglianti a “gironi infernali” per 80 ore settimanali (fino a 13 ore giornaliere).



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (30) ambiente (29) amministrazione (21) arte (60) cinema (38) civismo (44) comunismo (22) cultura (312) democrazia (34) economia (69) elezioni (44) energia (17) europa (36) fascismo (26) filosofia (24) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (25) guerra (74) intelligenza artificiale (25) italia (31) lavoro (38) letteratura (36) mario pacelli (30) media (58) milano (19) musica (110) napoli (20) politica (335) potere (187) rappresentazione (20) religione (22) roma (23) russia (21) salute (62) satira (20) scienza (20) scuola (27) seconda guerra mondiale (45) sinistra (18) società (351) stefano rolando (31) storia (39) teatro (27) tecnologia (20) televisione (32) tradizione (27) ucraina (34) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI