AL SUD MENO SI GUADAGNA E PIÙ SI GIOCA D’AZZARDO

Sembra un paradosso, ma purtroppo non lo è affatto. Secondo l’Istat, il PIL procapite degli abitanti del Nord-ovest è pari a circa 40.300 euro, vale a dire quasi il doppio di quello degli abitanti del Mezzogiorno, che si ferma ad appena 21.700 euro.
Ebbene, nonostante si questa la situazione reddituale, il Sud è la parte d’Italia nella quale si scommette di più. Si potrebbe forse dire pure che il Sud, alla luce di una tale situazione, è il territorio nazionale in cui ci si illude di più

Nell’intero Paese, nel 2022, l’ammontare complessivo delle giocate era pari a 136 miliardi di euro, il dato, già di per sé molto alto, nel 2023 è ulteriormente salito fino a toccare i 150 miliardi, con una tendenza che sembrerebbe essere stazionaria per il 2024, dato che nei soli primi tre mesi dell’anno in corso la raccolta dovuta alle scommesse è di quasi 36 miliardi di euro. 

Ebbene, l’agghiacciante quadro appena descritto diventa pericolosamente drammatico in regioni come la Campania, in cui, nel 2022, gli euro procapite giocati on line, neonati inclusi, ha toccato i 1.242 euro, in crescita rispetto all’anno precedente, quando la cifra si fermava a 1.138 euro.

Il dato procapite complessivo delle giocate, nonostante possa sembrare davvero assurdo, sale a 1.874 euro in Campania ed a 1.806 euro in Sicilia.

Per passare dalle regioni alle città, tra le prime in classifica spicca Palermo, che si colloca al quarto posto, con una spesa complessiva in gioco d’azzardo che raggiunge 1,4 miliardi di euro, mentre Catania si colloca al sesto posto con una cifra inferiore di qualche centinaio di euro. 

La città nella quale, in rapporto al numero di abitanti, circa 50 mila, si registra il più alto indice di giocate è Rho, a pochi chilometri da Milano, in cui si spendono circa 110 milioni di euro l’anno in scommesse varie, vale a dire circa 2.200 euro pro capite, neonati inclusi.

Secondo una non molto recente stima, dato che riguarda il 2018, in Italia i giocatori che hanno dichiarato di aver giocato almeno una volta nell’anno sarebbero stati circa 20 milioni, una cifra che, a giudicare dal crescente ammontare delle giocate, dovrebbe essere in netta ascesa. 

Di questi 20 milioni pare che almeno 17 milioni giochino alle slot. Insomma, saremmo di fronte ad una sorta di epidemia sociale che condiziona molte famiglie fino, talvolta, a ridurle in condizioni davvero difficili, com’è facile intuire andando a visitare una qualsiasi comunità di recupero.

In tal senso appare ancora più allarmante il dato che riguarda i giovani. Quelli di età compresa tra i 15 ed i 24 anni sarebbero 2,2 milioni. 

Tra questi la maggior parte utilizza il mezzo informatico, che risulta il più facilmente accessibile, ma anche il meno immediatamente riscontrabile da parte dei familiari. 

Tra gli anziani, invece, si preferiscono i giochi più tradizionali, raggiungibili prevalentemente attraverso le tabaccherie, le sale scommesse e le sale bingo.

Ad essere più esposti a fenomeni di ludopatia, secondo uno studio del Cnr-Ipsad Italia, sarebbero gli uomini, che in media sono circa il 55% del totale dei giocatori, mentre risultano in crescita le donne ed i pensionati. 

Lo Stato, però, non rappresenta soltanto una sorta di “diavolo tentatore travestito da istituzione” che agisce nei confronti delle “menti semplici”, dato che, ogni anno, spende circa 7 miliardi di euro, pari ad un costo medio per giocatore patologico di circa 38 mila euro.

Un’ultima cifra deve farci comprendere la gravità del fenomeno e l’esigenza che vi si ponga rimedio in maniera culturale e strutturale. 

Secondo un rapporto di Federconsumatori-CGIL, l’ammontare complessivo annuo delle scommesse, incluse quelle illecite, sale a 168 miliardi, determinando un evidente contributo, pari ad almeno per 18 miliardi, per il crimine organizzato, che ne controlla capillarmente lo svolgimento. 

Non sembra un aiuto da poco al malaffare ed alla delinquenza, così come è importante sapere che, purtroppo, dalla ludopatia non si esce da soli e bisogna cominciare con il non negarlo, neanche a se stessi!


SEGNALIAMO

  • IL “PARCO NAZIONALE DEL TEVERE”, UNA PROPOSTA DI ECOITALIASOLIDALE

    Sono anni, dalla nascita del Movimento Ecologista ECOITALIASOLIDALE, avvenuto nel 2010, che proponiamo la realizzazione di un Ente unico di gestione del Tevere, anzi la realizzazione del “Parco Nazionale del Tevere” totalmente Plastic Free e totalmente accessibile, credendo fermamente che le persone di tutte le età e di tutti i livelli di abilità debbano avere…


  • FOLLOWER O FEDELI: PADRE PIO SU TIKTOK

    FOLLOWER O FEDELI: PADRE PIO SU TIKTOK

    Dalla chat al profilo TikTok: così Padre Pio comunica oggi coi suoi fedeli. 46mila sono i follower della pagina “La tua forza”, impegnati ad ascoltare i consigli e le preghiere generate dall’IA del santo di Pietrelcina. La chat con Padre Pio, diventata famosa pochi anni fa, dimostra come la tecnologia, inclusa l’intelligenza artificiale, possa essere…


  • SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE, SCIENZIATI IN ALLARME

    Il podcast della settimana di Stefano Rolando


  • MONDO FABRIZI

    MONDO FABRIZI

    Ma Aldo Fabrizi è anche un grande attore drammatico: il suo personaggio di don Pietro in Roma città aperta è forse quanto di meglio abbia saputo esprimere il nostro grande cinema in fatto di recitazione.


  • Teheran: guerra sì ma fuori dai propri confini

    Teheran: guerra sì ma fuori dai propri confini

    La Siria è diventata il campo neutro dove si combatte la sfida mondiale tra tutte le grandi potenze del mondo.


  • L’ INVERNO DELLA DEMOGRAFIA…

    L’ INVERNO DELLA DEMOGRAFIA…

    “Ho smesso di fumare. Vivrò una settimana di più e in quella settimana pioverà a dirotto.” Woody Allen, 1979, Manhattan. L’inverno della demografia in Italia. Si sa da anni che siamo nel pieno dell’inverno demografico. Sappiamo che in Italia non si fanno figli e che il Belpaese è il più vecchio tra i paese dell’Europa,…


  • FRANZ JOSEPH HAYDN

    Povera, poverissima è la prima parte della sua vita. Ci sono dei momenti che non ha neanche abbastanza da mangiare. E infatti quando si parla del suo aspetto vengono fuori la bassa statura e la taglia striminzita, colpa della denutrizione, a cui, dopo, si sono aggiunti la calvizie e in faccia i segni del vaiolo.…


  • LA QUESTIONE DEL CONSENSO

    LA QUESTIONE DEL CONSENSO

    Attraverso un lungo percorso storico abbiamo convenuto fra noi che tali modalità corrispondono a libere elezioni con forze contrapposte che si possano affrontare liberamente.


  • DOVE SIAMO? DOVE ANDREMO? CHI COMANDA?

    Educare all’intelligenza artificiale Il 25 marzo mi è stato gentilmente richiesto di parlare di intelligenza artificiale ai ragazzi del triennio della scuola dove insegno (una scuola grande che comprende vari indirizzi dell’istituto tecnico industriale, il geometra e il professionale a indirizzo moda). L’idea centrale intorno alla quale ho costruito la mia relazione è stata quella…


  • L’UOMO CHE LEGGE – ANCORA UN MOMENTO DI EDGAR MORIN

    “La cosa più stupefacente è che ci si stupisca così poco del fatto di vivere.” Spirito indipendente e originale, Edgar Morin conserva un gusto e un piacere intatti per le cose della vita e gli oggetti del pensiero. Dall’eleganza del volo di una rondine all’umanesimo di Montaigne, dalla missione dell’intellettuale alla lotta delle donne iraniane, niente di ciò che è umano gli…