UN REQUIEM PER ENZO

Enzo Moscato non solo un nome non sono un attore drammaturgo non solo un uomo ma soprattutto un simbolo un riscatto sociale ottenuto con impegno sacrificio e grande rispetto per le proprie idee. Se n’è andato in silenzio in punta di piedi educatamente come era solito fare; i mass media, che tanto si impegnano per trasformare un funerale di questo o quel personaggio solo perché è noto in uno show vergognoso dato in pasto al pubblico plebe per soddisfare la sua sete di curiosità, non ha onorato questo personaggio di talento che tanto ha dato al nostro teatro.

Il teatro questo grande schermo vetrina ove sfilano i sentimenti dai più deplorevoli a quelli più onorifici deve molto all’attore Moscato che ha fatto del teatro la sua ragione d’essere mostrando con coraggio e senza veli il meglio e il peggio del comportamento umano rivolgendo in particolare l’attenzione alla sua Napoli.

Infatti Lui, napoletano doc, nato e vissuto nei quartieri spagnoli dai quali non si è mai distaccato, ne ha colto tutta l’umanità che in essi ha potuto riscontrare e con l’arte della maieutica ha tratto tutta l’essenza del mistero della sua città. Ha saputo far riemergere dal profondo, addentrandosi nei meandri più remoti del ventre di Napoli, i segreti di tanta storia.

Attraverso le sue performance sussurrate senza remore chiamando le cose col proprio nome e non nascondendo mai la naturalezza delle origini, racconta la genesi di una città, una città nata da una leggenda basata su di un amore mancato quello di Partenope rifiutata dall’amato Ulisse che preferì lasciarsi andare al mare dalla Grecia per approdare esanime sullo scoglio di Megaride.

La verginità, intesa quale forma vitale di quella Partenope, fondatrice della nuova città Neapolis, echeggia e riaffiora ancora nei vicoli negli anfratti dei bassi napoletani laddove Eduardo mette in evidenza, attraverso le parole di Filumena, il caldo asfissiante delle giornate estive quasi per giustificare le opinabili scelte di vita fatta dalla stessa Onore e merito a questo genio raffinato del teatro, capofila della nuova drammaturgia napoletana dopo Eduardo che ha voluto come ascendenti autori quali Artaud, Jenet, poeti maledetti di fine ‘800 e Pasolini questi solo per citarne alcuni.

Ha avuto la direzione artistica del teatro Mercadante stabile di Napoli e tanti altri incarichi che ha assolto con grande competenza e passione. Passione, ecco la parola chiave delle sue rappresentazioni, quando si andava a teatro per assistere ad una sua performance, ci si preparava ad immergersi in un’atmosfera surreale, il suo linguaggio e le sue digressioni sulla lingua facevano sì che ognuno si potesse tuffare in una Napoli aulica, misteriosa, a volte grottesca, antica ma viva, palpitante e reale in una parola bastava ascoltare la sua “voce” e per incanto si veniva rapiti da tanta bellezza quasi trasportati al ritmo sincopato del mare.

Questo era il suo teatro amore, passione, leggerezza tante le sue opere tanti gli attori che con Lui hanno condiviso i suoi lavori tra questi Isa Danieli, Emma Villa, Tonino Taiuti, Toni Servillo che hanno saputo dare vigore e napoletanità alle varie performance.

L’elenco delle opere è lungo ma io vorrei citare proprio quelle legate agli attori sopraindicati e cioè rispettivamente Luparella, Scannasurice e non ultima Litoranea. Ma i suoi interessi andavano oltre infatti era molto vicino a tanti napoletani, ai meno fortunati, a coloro che facendo parte di una categoria transgender trovavano difficoltà a convivere con loro atteggiamento sociale e sessuale non ancora ben definito. Generalmente quando manca qualcosa si cerca di colmare quel vuoto con una cosa analoga, ad esempio, quando togliamo un libro dalla libreria per mantenere l’equilibrio ne mettiamo un altro e allora mi chiedo chi potrà colmare a teatro il vuoto lasciato da Enzo?

Senza togliere merito ai nostri bravissimi attori, davvero non so al momento, con chi potremmo sostituire il poeta Moscato.


SEGNALIAMO

  • UNA CURA MINISTERIALE

    UNA CURA MINISTERIALE

    Detto Ministero è stato istituito nel 2018 in Gran Bretagna allo scopo di consolare le persone in preda a crisi depressive e di trovare per loro una soluzione per uscirne.


  • UN REQUIEM PER ENZO

    UN REQUIEM PER ENZO

    Enzo Moscato non solo un nome non sono un attore drammaturgo non solo un uomo ma soprattutto un simbolo un riscatto sociale ottenuto con impegno sacrificio e grande rispetto per le proprie idee. Se n’è andato in silenzio in punta di piedi educatamente come era solito fare; i mass media, che tanto si impegnano per…


  • UN INTERMEZZO GIOCOSO

    Sotto l’epiteto “opera buffa”, si registrano tutte quelle opere che risultano essere state concepite quali intermezzi fra opere liriche piuttosto impegnative; queste servivano a smorsare quella tensione accumulata durante lo svolgimento delle stesse. “Buffa” da bouffons, appellativo che i francesi attribuivano ai cantanti italiani che si esibivano negli intervalli delle varie opere, sviluppatasi a Napoli…


  • UN ENSEMBLE DI TUTTO RISPETTO

    UN ENSEMBLE DI TUTTO RISPETTO

    La voce dell’attore principale la fa da conduttrice durante tutto lo svolgimento dello spettacolo, accompagnata da una musica che fa da contraccolpo ad ogni stato d’animo del protagonista con tonalità ora pacate ora esagerate, ma in ogni caso, assolutamente giustificate atte a sottolineare momenti salienti della pièce.


  • ROMEO CASTELLUCCI, BROS: LA DIDASCALIA DEL MALE

    ROMEO CASTELLUCCI, BROS: LA DIDASCALIA DEL MALE

    La scena che ne scaturisce è apocalittica: azioni efferate che rimandano a situazioni ancestrali, a tempi lontani, stratificati nel nostro essere umani appartenenti ad un’unica specie, ad un’unica radice che ci accomuna nostro malgrado.


  • PROIETTI: LA REGIA NON C’È

    Proietti era naturalmente dotato di spirito teatrale, quello che non dev’esser finto o vero, naturalistico o epico, perché gli basta nutrirsi solo del sangue vivo che scorre, da secoli, nelle vene dei grandi uomini di scena. E dire che tanti acidi maestri d’Accademia lo hanno giudicato sempre troppo popolare!


  • PAOLO GRASSI, LA CULTURA COME ORGANIZZAZIONE

    PAOLO GRASSI, LA CULTURA COME ORGANIZZAZIONE


  • OIKONOMIA

    OIKONOMIA

    La rinnovata nascitaNacque una volta un re! Siamo in prossimità del Natale, il mondo cattolico si appresta a festeggiare una nuova oikonomia. Ma che Natale sarà quest’anno con due guerre in atto ed un pianeta in rivoluzione che cerca il suo nuovo punto di gravità permanente? Una società consumistica come la nostra non può permettersi…


  • O – OPPURE

    O – OPPURE

    Anche l’olfatto spesso risente dell’odore emanato dalle tavole del teatro, quando esse sono letteralmente palcoscenico vivo per tanti attori artefici di memorabili opere scritte con la mente ed eseguite con il cuore.


  • METEORA DRAGHI

    METEORA DRAGHI

    La Meteora Draghi, rappresentazioni del potere a cura di Stefano Rolando