OIKONOMIA

La rinnovata nascita
Nacque una volta un re!

Siamo in prossimità del Natale, il mondo cattolico si appresta a festeggiare una nuova oikonomia. Ma che Natale sarà quest’anno con due guerre in atto ed un pianeta in rivoluzione che cerca il suo nuovo punto di gravità permanente? Una società consumistica come la nostra non può permettersi di fermarsi, nemmeno di fronte a sciagure simili, anzi, finge di non vedere, si volta dall’altra parte giustificando questo suo atteggiamento con l’impotenza di fronte a intrighi che giudica senza soluzione.

Facile uscirsene così per il “rotto della cuffia” di fronte a situazioni disumane lasciando che migliaia di persone muoiono senza colpa. Donne, bambini, anziani e non ultimi giovani soldati mandati al macello senza alcuna preparazione bellica e quel che è più grave, senza spirito patrio che, ormai, a differenza del passato, oggi per le nuove generazioni non ha più senso. Indifferenza e cinismo questa è l’eredità che ci ha lasciato il secolo passato con l’avvento anche dei mass media che ci hanno abituati ad assistere a scene terribili mentre siamo a pranzo o a cena, così da farci bere insieme al vino una piccola quantità di “cicuta giornaliera”, quasi un talismano per raggiungere l’atarassia in modo da contemplare il mondo senza esserne soggiogati.

Homo homini lupus, diceva Hobbes, lo stato di natura da lui acclamato, ovvero la libertà di ogni uomo di disporre del proprio potere per ottenere scopi personali, soggiogato dall’egoismo, rende l’uomo partecipe di tragedie a discapito del proprio simile.

Quando Eduardo, nella commedia “Napoli milionaria”, tornò nel 1945 dalla guerra, si trovò in una casa, la sua, non più riconoscibile per i cambiamenti subiti dalla sua famiglia in seguito all’evento bellico. Egli si rese conto che la guerra non era finita, anzi, la tragedia umana era ancora in atto e così coniò la sua famosa frase “Adda passà ‘a nuttata”. Questa frase divenne il grido di speranza per tutta l’Italia, un anelito di libertà per coloro che avevano bisogno di investire su sé stessi per rinascere e superare le avversità e i disagi del dopoguerra e della ricostruzione.

Il teatro come sempre, non trascura mai la realtà, esso la sublima ad ogni costo, ne segue pedissequamente le vicende nel loro divenire. Eduardo in una sua intervista affermò che fare teatro significava non avvertire nessuna differenza nell’oltrepassare la soglia di entrata e di uscita dallo stesso, solo così davvero si creava arte!

Tornando alla guerra: fenomeno sociale che trova la sua espressione massima nella violenza, oppure antropologicamente parlando, l’istinto di sopravvivenza, per la preservazione del proprio pezzo di terra, ma ne esistono tanti tipi, la più terribile è la guerra intima e personale che ognuno di noi combatte con se stesso, sospeso tra la voglia di vivere la vita in maniera naturale e le leggi che noi stessi abbiamo creato a difesa dei nostri diritti. Tante le rappresentazioni e le performance riguardanti la guerra di qualsiasi tipo ed epoca; non importa il linguaggio usato, l’importante è denunciare, rendere vivo il dibattito.

Ricordo Alfred Jarry, precursore del teatro surrealista e del teatro dell’assurdo, che attraverso il suo “Ubu Re”, magistralmente interpretato, tra gli altri da Mario Scaccia, mette in evidenza la guerra, quella che ognuno di noi reca in sé, spesso frutto della sua fantasia e del suo egoismo.

All’inizio mi sono chiesta che Natale sarà, come lo vivremo? Di sicuro ognuno lo vivrà secondo coscienza, alcuni con gioia, altri con tristezza, ed altri ancora con benevolenza, scambiando la solidarietà con l’obolo che rende merito a coscienze manchevoli, altri rivolgendo un pensiero ai combattenti delle guerre.

Una cosa però ci accomuna e ci consola, nonostante il consumismo, l’omologazione e tutto ciò che inibisce i nostri sentimenti, la consapevolezza che finché esisterà un presepe fatto di casette di cartapesta e pastori di terracotta imbiancati da fiocchi di neve in una fredda e magica notte, nascerà un bambino, quel bambino che ci indicherà la stella da seguire per continuare il nostro cammino in un infinito ed eterno rinnovo.

Nacque una volta un Re
ed ancora tante volte nascerà!


SEGNALIAMO

  • IL PUPO (NON) DI ZUCCHERO

    IL PUPO (NON) DI ZUCCHERO

    Assistere ad uno spettacolo teatrale che ha come tema la morte può suscitare qualche perplessità, a volte però non è così “mortale” (perdonate il gioco di parole) come si presuppone. L’argomento si può affrontare anche poeticamente, con leggerezza ed humor sadico strappando anche qualche risatina agli spettatori. Ciò è accaduto recentemente in una pièce teatrale…


  • GIGI PROIETTI, DAL CAVALIERE NERO A SHAKESPEARE

    GIGI PROIETTI, DAL CAVALIERE NERO A SHAKESPEARE

    GIANCARLO GOVERNI Chissà perché ripensando agli sketch e alle innumerevoli occasioni di risate che ci ha offerto nella sua lunga, direi enorme carriera, di Gigi Proietti mi è tornata alla mente la barzelletta del cavaliere nero e del cavaliere bianco, una barzelletta come un’altra che lui aveva fatto diventare quasi un atto unico e che…


  • IL MIO RICORDO (MOLTO IMMAGINARIO) DI NATALE IN CASA CUPIELLO

    IL MIO RICORDO (MOLTO IMMAGINARIO) DI NATALE IN CASA CUPIELLO

    GIANCARLO GOVERNI Ero bambino quando lo vidi la prima volta. Fu una iniziazione al teatro. Anche oggi se mi si chiede il titolo di un’opera teatrale da dire senza pensarci su mi viene: Natale in casa Cupiello. Quell’uomo bambino che vive nel suo mondo di fantasia e di favola rappresentato dal presepio mentre nella sua…


  • LOUISE LEVÊQUE DE VILMORIN E L’ALPHABET DES AVEUX

    LOUISE LEVÊQUE DE VILMORIN E L’ALPHABET DES AVEUX

    RAFFAELE ARAGONA Certamente non sono nuove le sorprese della lingua francese in tema di omofonie. In quella lingua intere composizioni possono essere costruite in modo da significare cose distinte. Anche composizioni in versi pur conservando la medesima pronuncia. Louise Levêque de Vilmorin (1902-1969), scrittrice pregevole (tra l’altro le si deve la sceneggiatura di Les Amants, il…


  • CARMELO BENE. LA DISTRUZIONE DEL TEATRO

    CARMELO BENE. LA DISTRUZIONE DEL TEATRO

    Queste le parole d’inizio del necrologio di Bene alla notizia della morte del suo migliore amico/rivale Vittorio Gassmann. Due prime donne, due duellanti, due innamorati di se stessi che si contendevano le tavole del Teatro detestandosi e lodandosi reciprocamente alla ricerca di una risposta saliente alla loro ragion d’essere.


  • ROMEO CASTELLUCCI, BROS: LA DIDASCALIA DEL MALE

    ROMEO CASTELLUCCI, BROS: LA DIDASCALIA DEL MALE

    La scena che ne scaturisce è apocalittica: azioni efferate che rimandano a situazioni ancestrali, a tempi lontani, stratificati nel nostro essere umani appartenenti ad un’unica specie, ad un’unica radice che ci accomuna nostro malgrado.


  • BROS DI ROMEO CASTELLUCCI – POST SCRIPTUM

    Caro lettore, mi vorrei soffermare nuovamente sulla pièce di Romeo Castellucci BROS (Brothers) di cui ho già parlato nel precedente articolo. Sento la necessità di parlarne ancora per mettere in risalto alcuni suoi aspetti che mi hanno particolarmente colpita tralasciando un po’ le sue opere precedenti che ho già trattato e che, forse, mi hanno…


  • METEORA DRAGHI

    METEORA DRAGHI

    La Meteora Draghi, rappresentazioni del potere a cura di Stefano Rolando


  • PROIETTI: LA REGIA NON C’È

    Proietti era naturalmente dotato di spirito teatrale, quello che non dev’esser finto o vero, naturalistico o epico, perché gli basta nutrirsi solo del sangue vivo che scorre, da secoli, nelle vene dei grandi uomini di scena. E dire che tanti acidi maestri d’Accademia lo hanno giudicato sempre troppo popolare!


  • BORDERLINE

    BORDERLINE

    In bilico tra due mondi, sospesi tra il vecchio e il nuovo siamo così in balia di noi stessi, di una società che ci vuole sempre attivi, superiori, capaci di destreggiarci nelle situazioni siano esse ambientali o non, con coraggio e spirito di abnegazione: stiamo per crollare! HELP! I segnali emessi sono tanti, gli SOS…



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (31) ambiente (29) amministrazione (21) arte (61) cinema (40) civismo (45) comunismo (22) cultura (326) democrazia (38) economia (73) elezioni (55) energia (17) europa (50) fascismo (27) filosofia (26) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (29) guerra (84) intelligenza artificiale (29) italia (37) lavoro (38) letteratura (38) mario pacelli (30) media (61) milano (19) musica (115) napoli (20) politica (362) potere (199) rappresentazione (21) religione (23) roma (23) russia (25) salute (65) satira (20) scienza (21) scuola (27) seconda guerra mondiale (47) sinistra (18) società (374) stefano rolando (31) storia (41) teatro (28) tecnologia (20) televisione (37) tradizione (27) ucraina (35) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI