UNA CURA MINISTERIALE

Siamo davvero ridotti così?

Mi pongo questa domanda dopo aver assistito ad uno spettacolo presso il teatro Argentina dal titolo “Il ministero della Solitudine” portato in scena dalla compagnia la Casadiargilla.

Detto Ministero è stato istituito nel 2018 in Gran Bretagna allo scopo di consolare le persone in preda a crisi depressive e di trovare per loro una soluzione per uscirne.

La storia è breve. Cinque personaggi si alternano sul palcoscenico, raccontano la loro solitudine nella speranza di essere ascoltati; tic nervosi e situazioni borderline fanno da sfondo alle varie storie, mettendo in risalto il loro vuoto morale e l’incapacità di reagire ai casi della vita che affliggono la loro esistenza.

Una pièce noiosa, ripetitiva e, quel che è peggio, molto scontata, intrisa di sentimento claustrofobico, che non lascia spazio all’immaginazione.

È così?

Quindi nessun passo avanti, sembra che il mondo si sia fermato o meglio caduto nelle sabbie mobili e ad ogni tentativo di uscirne la situazione peggiora. Indubbiamente il momento storico è difficile, il mondo sta cambiando di conseguenza ciò obbliga tutti noi ad adeguarsi e intanto il nuovo assetto geopolitico stenta a stabilizzarsi.

I personaggi della performance sono figli di questa situazione, del resto non potrebbe essere altrimenti! Tutti soffrono di atteggiamenti nevrotici scatenati dalla omologazione che ha inglobato, in questa prospettiva, anche l’homo sapiens il quale, memore del suo passato, mal sopporta questo suo nuovo status.

Cogito ergo sum affermava Cartesio; l’uomo, in quanto essere pensante, che custodisce in sé il gran bagaglio delle esperienze esperite da un’intera umanità, non può ridursi a burattino soggiogato dalla nuova prospettiva politica che ribalta le sorti del mondo anteponendo l’Oriente all’Occidente, a quella parte del mondo che, da molto tempo, vuole riscattare la sua identità taciuta per secoli.
I repentini cambiamenti e le guerre, per quel che ne sappiamo, almeno due alimentano l’angoscia e la paura del domani di un futuro che non promette nulla di rassicurante per le nuove generazioni.

In tutto questo la solitudine la fa da padrona, ognuno cerca la sua soluzione, la paura dell’altro ha preso il sopravvento nei rapporti umani, per cui si vede l’altro come un probabile nemico e ciò ci impedisce di essere liberi. La mano tesa di Giulio Cesare, quindi libera dalle armi, ha lasciato il posto al pugno chiuso mentre lo sguardo basso non più rivolto all’altro indica sfiducia nelle azioni del nostro simile. Ma io sono un’inguaribile ottimista e credo che un esame più approfondito dello status attuale forse reca in sé, come del resto ogni avvenimento, anche qualcosa di buono.

Non è mai tutto negativo e non sempre il nuovo è da temere, in fondo la terra è vitale e finché c’è vita esistono i rinnovamenti e la storia ci ha segnalato i grandi sconvolgimenti avvenuti in passato, come ad esempio il susseguirsi delle varie ere geologiche, la scomparsa di animali preistorici, città sommerse dalle acque o sorte dalle stesse a nuova vita. L’uomo in tutto questo ce l’ha sempre fatta, ha sempre trovato in sé, senza ricorrere a nessun ministero, la forza e la volontà di sopravvivere e, di conseguenza, di adeguarsi alle nuove esigenze che il tempo e le circostanze gli hanno imposto.


SEGNALIAMO

  • FRANCO E CICCIO UN MAGNIFICO PASTICCIO

    GIANCARLO GOVERNI Cento anni fa nasceva Ciccio Ingrassia, il cui nome è indissolubilmente legato a Franco Franchi, con cui formò una coppia formidabile.Parlare di Ciccio è come parlare di Franco. Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, o familiarmente Franco e Ciccio… Una coppia comica di cui abbiamo sentito parlare per anni e che ha segnato indelebilmente…


  • IL PUPO (NON) DI ZUCCHERO

    IL PUPO (NON) DI ZUCCHERO

    Assistere ad uno spettacolo teatrale che ha come tema la morte può suscitare qualche perplessità, a volte però non è così “mortale” (perdonate il gioco di parole) come si presuppone. L’argomento si può affrontare anche poeticamente, con leggerezza ed humor sadico strappando anche qualche risatina agli spettatori. Ciò è accaduto recentemente in una pièce teatrale…


  • L’ARTE AI TEMPI DEL POST (UMANESIMO)

    L’epoca è questa la tecnologia ha ormai influenzato ogni aspetto della vita e il metaverso già sostituisce la realtà.


  • GIGI PROIETTI, DAL CAVALIERE NERO A SHAKESPEARE

    GIGI PROIETTI, DAL CAVALIERE NERO A SHAKESPEARE

    GIANCARLO GOVERNI Chissà perché ripensando agli sketch e alle innumerevoli occasioni di risate che ci ha offerto nella sua lunga, direi enorme carriera, di Gigi Proietti mi è tornata alla mente la barzelletta del cavaliere nero e del cavaliere bianco, una barzelletta come un’altra che lui aveva fatto diventare quasi un atto unico e che…


  • EUREKA!

    EUREKA!

    Ventiquattro statuine in bronzo sono state rinvenute durante gli scavi a San Casciano, più precisamente alle Terme della vasca del Santuario del Bagno Grande.


  • IL MIO RICORDO (MOLTO IMMAGINARIO) DI NATALE IN CASA CUPIELLO

    IL MIO RICORDO (MOLTO IMMAGINARIO) DI NATALE IN CASA CUPIELLO

    GIANCARLO GOVERNI Ero bambino quando lo vidi la prima volta. Fu una iniziazione al teatro. Anche oggi se mi si chiede il titolo di un’opera teatrale da dire senza pensarci su mi viene: Natale in casa Cupiello. Quell’uomo bambino che vive nel suo mondo di fantasia e di favola rappresentato dal presepio mentre nella sua…


  • NINFA, OVVERO DIVINITA’ MINORE FEMMINILE

    DALISCA Quelle ninfe, le voglio perpetuare. Così chiaro, il leggero incarnato che nell’aria assopita da folti sonni volteggia. [….] O ninfe, rigonfiamo altri ricordi. S. Mallarmé pomeriggio d’un fauno. Ricordi antichi che alimentano il nostro immaginario, ed ecco apparire nella storia le Ninfe belle spumeggianti, ora Nereidi ora Eumenidi, ora apparizioni nelle opere del Ghirlandaio,…


  • RITRATTO DI ATTORE

    RITRATTO DI ATTORE

    DALISCA ovvero la capacità di superarsi Chapeau bas al veterano del nostro teatro! Lodi per una persona: Glauco Mauri così tenace ed ancora innamorato della sua professione nonostante la sua veneranda età. Quando si parla di attori di una certa epoca spesso si sente dire di loro che ormai non sono più quelli di una…


  • ARTE E RELIGIONE NE “LO SPIRITO DELLA LITURGIA” DI J. RATZINGER

    ARTE E RELIGIONE NE “LO SPIRITO DELLA LITURGIA” DI J. RATZINGER

    DI FRANCESCO LUIGI GALLO Ne il Cristianesimo. La religione dal cielo vuoto il filosofo italiano Umberto Galimberti dedica alcune ampie sezioni al complesso tema dei rapporti tra arte e religione. Il filosofo riconosce che il «rapporto tra arte e religione è strettissimo», sebbene molti oggi tendono facilmente a dimenticarlo. In effetti basterebbe considerare l’architetture delle chiese contemporanee,…


  • DISTRUGGERE UN VAN GOGH

    COLLETTIVO MELAINSANA SEGNALIAMO



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (31) ambiente (29) amministrazione (21) arte (61) cinema (40) civismo (45) comunismo (22) cultura (326) democrazia (38) economia (72) elezioni (54) energia (17) europa (49) fascismo (27) filosofia (26) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (29) guerra (84) intelligenza artificiale (28) italia (35) lavoro (38) letteratura (38) mario pacelli (30) media (60) milano (19) musica (115) napoli (20) politica (360) potere (199) rappresentazione (21) religione (23) roma (23) russia (25) salute (65) satira (20) scienza (21) scuola (27) seconda guerra mondiale (47) sinistra (18) società (371) stefano rolando (31) storia (40) teatro (28) tecnologia (20) televisione (36) tradizione (27) ucraina (35) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI