UN MESSAGGIO NON INTERPRETATO

Amor ch’al cor gentil ratto

S’apprende

Prese costui della bella persona

Che mi fu tolta, e ‘l modo ancor m’offende

Amor ch’a nullo amato amar perdona,

Mi prese del costui piacer si forte,

Che, come vedi, ancor non m’abbandona

Amor condusse noi ad una morte

Caina attende chi a vita ci spense ……..

Questi i versi con cui Dante ci spiega l’amore.

In essi possiamo trovare l’essenza del sentimento più alto che è alla base dei rapporti umani, nello specifico, di un rapporto tipicamente amoroso tra due persone inteso come input dell’animo che ci indirizza verso l’altro al quale non possiamo rinunciare.

Non sempre però l’amore è corrisposto. Non sempre è vero che chi ama deve necessariamente essere amato. Non funziona così nel rapporto a due e quando uno dei partners non comprende questa realtà ecco che l’amore diventa malato, con tutte le conseguenze che ben conosciamo. L’uomo, antropologicamente, accoglie in se tutti gli elementi base necessari per vivere, anche quelli riferibili ai sentimenti, se pur stratificati, in quanto fanno parte del suo patrimonio genetico (DNA) cosicché, nel momento in cui la questione amorosa viene meno da parte di uno dei due componenti della coppia (spesso da parte della donna) l’uomo tradito, privato del possesso dell’altro, perde la capacità di reagire all’affronto, supera la stratificazione temporale e, in preda alla sua fragilità, trasforma il suo sentimento in ossessione in base alla quale cercherà la soluzione.

Nel canto quinto dell’inferno Dante ci mostra come l’amore può causare dolore e incomprensione, nessuna verità è di per sé assoluta, tutto fa riferimento al contesto in cui i fatti avvengono e se l’amore viene inteso come possesso e non indirizzato nel modo giusto, conduce alla distruzione dell’essere.

Paolo e Francesca, due giovani amanti che, in preda a una forza che li ha spinti l’una tra le braccia dell’altro, pur sapendo di rompere gli schemi imposti dalle convenzioni etiche e morali del tempo, si lasciano andare suggellando con un bacio la loro unione extraconiugale che li condusse ad una morte.

Altri due giovani, oggi, amanti come sono stati in origine Filippo e Giulia, entrambi caduti nella trappola dell’amore malato: vittima l’una, carnefice l’altro, in un agguato mortale, hanno posto fine al loro rapporto nel modo più tragico. Famiglie distrutte, macchiate per sempre da un’ombra scura, ora dovranno chiedersi dove la società, la famiglia, la loro in particolare quella di Filippo, ha sbagliato con gli atti e con l’esempio nel non indirizzare quel figlio, frutto del loro rapporto, all’amore vero. Ora ognuno, preso dalla pietas e sotto la spinta emotiva per queste giovani vite stroncate dal male di vivere dei nostri tempi, dirà la sua, ma io credo che un’introspezione psicologica personale, al di là della rabbia, potrebbe aiutarci a capire le terribili dinamiche che si verificano ogniqualvolta assistiamo a tragedie di questa portata.

Io non faccio cronaca, ci sono altre fonti che ne fanno fin troppa. Io tento di fare altro e queste mie riflessioni spero che possano indurre a pensare e a guardarci dentro per trovare il modo di aiutare queste persone a comprendere quando il male sta prendendo il sopravvento e a capire i nostri reali sentimenti non sottovalutando gli effetti terribili che, se fraintesi, possono causare.

Tutti possiamo contribuire a migliorare le cose. la famiglia, la scuola, la società tutta ed ognuno in base ai mezzi che ha a disposizione e con la competenza per il ruolo che svolge, possiamo e dobbiamo aiutare le nuove generazioni affinché ritrovino la gioia di amarsi liberamente e di continuare la loro storia per affrontare la vita che è lì e aspetta di essere vissuta.

Voglio concludere con un raggio di speranza, riferendomi ancora al Sommo Poeta il quale, dopo aver attraversato l’Inferno, il Purgatorio e il Paradiso, conclude il suo viaggio con queste parole: L’Amor che muove il sole e le altre stelle.


SEGNALIAMO

  • IL PUPO (NON) DI ZUCCHERO

    IL PUPO (NON) DI ZUCCHERO

    Assistere ad uno spettacolo teatrale che ha come tema la morte può suscitare qualche perplessità, a volte però non è così “mortale” (perdonate il gioco di parole) come si presuppone. L’argomento si può affrontare anche poeticamente, con leggerezza ed humor sadico strappando anche qualche risatina agli spettatori. Ciò è accaduto recentemente in una pièce teatrale…

    SCOPRI


  • DA ESCHILO AD OGGI

    PASSANDO PER L’ORESTEA Nell’ambito della Rassegna Roma Europa Festival Enzo Cosimi, coreografo eccellente, ha presentato uno spettacolo cocente di danza moderna che tocca le corde del cuore, elegante e trucido nel quale ha raccontato l’Orestea. Come raccontare la tragedia della vendetta così disumana e crudele in una pièce teatrale senza perdere la linea di distinzione…

    SCOPRI


  • L’ARTE AI TEMPI DEL POST (UMANESIMO)

    L’epoca è questa la tecnologia ha ormai influenzato ogni aspetto della vita e il metaverso già sostituisce la realtà.

    SCOPRI


  • EUREKA!

    EUREKA!

    Ventiquattro statuine in bronzo sono state rinvenute durante gli scavi a San Casciano, più precisamente alle Terme della vasca del Santuario del Bagno Grande.

    SCOPRI


  • NINFA, OVVERO DIVINITA’ MINORE FEMMINILE

    DALISCA Quelle ninfe, le voglio perpetuare. Così chiaro, il leggero incarnato che nell’aria assopita da folti sonni volteggia. [….] O ninfe, rigonfiamo altri ricordi. S. Mallarmé pomeriggio d’un fauno. Ricordi antichi che alimentano il nostro immaginario, ed ecco apparire nella storia le Ninfe belle spumeggianti, ora Nereidi ora Eumenidi, ora apparizioni nelle opere del Ghirlandaio,…

    SCOPRI


  • RITRATTO DI ATTORE

    RITRATTO DI ATTORE

    DALISCA ovvero la capacità di superarsi Chapeau bas al veterano del nostro teatro! Lodi per una persona: Glauco Mauri così tenace ed ancora innamorato della sua professione nonostante la sua veneranda età. Quando si parla di attori di una certa epoca spesso si sente dire di loro che ormai non sono più quelli di una…

    SCOPRI


  • JAGO OVVERO JACOPO CARDILLO, UNO SCULTORE IN FIERI

    JAGO OVVERO JACOPO CARDILLO, UNO SCULTORE IN FIERI

    DALISCA Quando sono andata a visitare la mostra di Jago a Palazzo Bonaparte a Roma, ero molto incuriosita, di lui avevo visto poche opere, ma quelle poche tipo l’infante esposto a Napoli in Piazza del Plebiscito in pieno periodo di pandemia (infatti l’opera è stata chiamata lockdown) avevano sollecitato il mio immaginario. È difficile spiegare…

    SCOPRI


  • CARMELO BENE. LA DISTRUZIONE DEL TEATRO

    CARMELO BENE. LA DISTRUZIONE DEL TEATRO

    Queste le parole d’inizio del necrologio di Bene alla notizia della morte del suo migliore amico/rivale Vittorio Gassmann. Due prime donne, due duellanti, due innamorati di se stessi che si contendevano le tavole del Teatro detestandosi e lodandosi reciprocamente alla ricerca di una risposta saliente alla loro ragion d’essere.

    SCOPRI


  • BILL VIOLA, LE ORIGINI NON MENTONO

    BILL VIOLA, LE ORIGINI NON MENTONO

    Bil Viola, il gigante della videoarte, nato a New York, riscopre le sue origini italiane, che dopo anni di ricerca introspettiva, danno corpo alla sua espressione artistica.

    SCOPRI


  • ACHILLE BONITO OLIVA

    ACHILLE BONITO OLIVA

    L’ARTISTA SONO IO In questi giorni si parla molto del noto critico d’arte ABO a seguito di un articolo dello stesso nel quale ha dichiarato che l’artista non esiste, ma che esiste un sistema dell’arte e che, di conseguenza, non vi può essere arte senza galleria, mecenati e professionisti. Parole queste che hanno suscitato grande…

    SCOPRI



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

alimentazione (31) ambiente (29) amministrazione (21) arte (62) cinema (42) civismo (47) comunicazione (18) comunismo (24) cultura (340) democrazia (40) economia (74) elezioni (65) europa (60) fascismo (30) filosofia (29) formazione (25) giorgia meloni (20) giovani (29) guerra (88) intelligenza artificiale (30) italia (41) lavoro (40) letteratura (43) mario pacelli (30) media (67) milano (20) musica (118) napoli (20) politica (394) potere (210) rai (18) rappresentazione (22) religione (23) roma (23) russia (26) salute (67) satira (20) scienza (21) scuola (27) seconda guerra mondiale (48) sinistra (19) società (407) stefano rolando (31) storia (44) teatro (29) tecnologia (20) televisione (42) tradizione (27) ucraina (37) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI