TORTINO DI ALICI

INGREDIENTI

600 g di alici fresche
2 pomodori tondi
1 cespo di scarola
pangrattato
olio extravergine di oliva
sale

PREPARAZIONE

  1. Pulite le alici, eliminate la testa e la spina centrale, lasciando aperte a “libretto” le due metà. Quindi, sciacquatele con acqua fredda e fatele scolare. Pulite bene la scarola, togliendo le foglie esterne, sciacquatela e tamponatela con carta assor- bente.
    Lavate i pomodori, asciugateli e tagliateli a fette dello spessore di circa 1/2 cm.
  1. Ungete una pirofila da forno con un filo di olio e iniziate ad assemblate il tortino. Disponete sul fondo una foglia di scarola, quindi le alici e infine le fette di pomodoro condite con un pizzico di sale. Proseguite in questo ordine fino a esaurire tutti gli ingredienti. Cospargete la superficie con il pangrattato, completate con un filo di olio e cuocete in forno a 200 °C per circa 30 minuti. Sfornate il tortino, tagliatelo a fette e servitelo caldo.

SEGNALIAMO

  • « TANTO DI CAPPELLO! »

    Il Borsalino di Humphrey Bogart in “Casablanca” Per i giovanissimi e le giovanissime del giorno d’oggi coprirsi il capo con un cappuccio o con una semplicissima cuffia calata sulla fronte, o con un berretto da basebaal, dotato di visiera curva e piatta, unisex, simile a quello indossato dai campioni della formula 1, rappresenta un vezzo,…


  • NEL PAESE IN PROSSIMITÀ DEL VALICO DELLA SOMMA – 19 esima puntata

    Roma, Ottobre 43. Due uomini decidono di intraprendere un viaggio per tornare al loro paese in Umbria. E’ tempo di guerra, gli alleati risalgono da sud, i tedeschi invadono da nord. Nasce la Repubblica di Salò, il viaggio presenta insidie. DICIANNOVESIMA PUNTATA Pensarono fossero diretti a Terni per rispondere alla chiamata alle armi che il…


  • GRAZIE CON MAX GONELLA


  • IL SAINETE OVVEROL’INFLUENZA ITALIANA SUL TEATRO ARGENTINO

    IL SAINETE OVVEROL’INFLUENZA ITALIANA SUL TEATRO ARGENTINO

    Ed è proprio il sainete lo spazio privilegiato dello stereotipo. Vennero creati vari personaggi quali: il tano (aferesi di napoletano, che in seguito si riferirà all’emigrante italiano in generale), il quale andò a costituire uno degli assi portanti del teatro popolare;


  • MONDO FABRIZI

    MONDO FABRIZI

    Ma Aldo Fabrizi è anche un grande attore drammatico: il suo personaggio di don Pietro in Roma città aperta è forse quanto di meglio abbia saputo esprimere il nostro grande cinema in fatto di recitazione.


  • FRANZ JOSEPH HAYDN

    Povera, poverissima è la prima parte della sua vita. Ci sono dei momenti che non ha neanche abbastanza da mangiare. E infatti quando si parla del suo aspetto vengono fuori la bassa statura e la taglia striminzita, colpa della denutrizione, a cui, dopo, si sono aggiunti la calvizie e in faccia i segni del vaiolo.…


  • LA SIMULAZIONE INCARNATA

    LA SIMULAZIONE INCARNATA

    In realtà andando a vedere un film noi già sappiamo che la narrazione è frutto di inventiva, che esseri umani fanno finta di essere altri esseri umani, che la realtà è al di fuori della sala cinematografica.


  • L’UOMO CHE LEGGE – ANCORA UN MOMENTO DI EDGAR MORIN

    “La cosa più stupefacente è che ci si stupisca così poco del fatto di vivere.” Spirito indipendente e originale, Edgar Morin conserva un gusto e un piacere intatti per le cose della vita e gli oggetti del pensiero. Dall’eleganza del volo di una rondine all’umanesimo di Montaigne, dalla missione dell’intellettuale alla lotta delle donne iraniane, niente di ciò che è umano gli…


  • LEONARDO MANZAN

    LEONARDO MANZAN

    Del resto qualcuno prima di Lui aveva dichiarato che qualsiasi cosa messa su di un piedistallo diventava automaticamente “un’opera d’arte”,


  • Il conflitto nel “determinismo incantato del calcolo”

    Il conflitto nel “determinismo incantato del calcolo”

    Bruno e Vico, spiega Biagio De Giovanni, sono due cristiani senza rivelazione, ossia due testimonianze di un pensiero che si confrontano con l’infinito senza potersi sostenere con la soluzione divina.