L’AMORE AL TEMPO DEI BEATLES

LGBT acronimo dall’inglese Lesbian Gay Bisex and Transgender individui il cui orientamento sessuale non è riconducibile ai modelli socialmente costruiti dal binarismo maschio/femmina.

Il nostro attuale governo ha detto no alla dichiarazione Ue sui diritti lgbt presentato dalla Presidenza di turno belga. Ognuno liberamente può fare le sue scelte ma, nulla si potrà contro un mondo che sta cambiando per addentrarsi nei lati oscuri della vita al di là del binarismo definito in base ad una scelta, fino ad ora casuale, da parte dei nostri geni al momento del concepimento. All’indomani dell’avvento dell’intelligenza artificiale che prenderà, in buona parte, il posto dell’homo sapiens così come ora concepito, altri orizzonti si aprono e forse non del tutto casualmente.

La storia/natura segue il suo corso e si premunisce contro il pericolo di annientamento dell’essere binario per rafforzarlo e sostituirlo, qualora fosse necessario, con qualcosa che la natura ancora non riconosce per assicurare alle prossime generazioni la salvaguardia di alcune essenziali peculiarità della nostra società e per perpetuare la specie umana così da non spezzare la catena dell’umanità ovvero il DNA scrigno prezioso dell’intera storia naturale.
Le leggi sono leggi e, come tali, vengono rispettate anche se non sempre condivise, spesso non sono a favore dell’individuo anzi contrarie alle sue aspettative. Da poco, in occasione della giornata dedicata alla omofobia, in TV hanno trasmesso il film “IL SIGNORE DELLE FORMICHE” del regista Gianni Amelio con una particolare interpretazione di Luigi Lo Cascio.

La storia tratta di un fatto realmente avvenuto negli anni Sessanta allorquando la nostra società era agli albori della sua rinascita e del suo boom economico; una società, comunque, non ancora pronta ad accogliere i cambiamenti che, insieme ai frigoriferi e alle lavastoviglie, avvenivano in campo sociale morale ed etico. Il film a cui faccio riferimento mette in luce la superficialità con cui viene affrontato sia dall’opinione pubblica sia dalla giustizia il caso di un professore che viene accusato di plagio nei riguardi di un ragazzo e di omosessualità per rapporti carnali con persone dello stesso sesso. Tale reato di plagio fu introdotto nel nostro ordinamento nel 1930 dal regime fascista e abrogato nel 1981 con la sentenza numero 96 della Corte perché ritenuto anticostituzionale.

La trama del film si dipana in un casale un po’ fuori città, vicino Piacenza dove si radunano i discepoli del professor Aldo Braibanti (Luigi Lo Cascio) scrittore, sceneggiatore, filosofo, drammaturgo, antifascista che suole condividere con loro sensazioni e momenti di poesia e vera amicizia passeggiando e dividendo così anche lo spazio del cenacolo in cui avvenivano questi incontri. Come la storia si ripete! Tali immagini mi hanno riportato alla mente Aristotele che, nel nostro immaginario, lo abbiamo pensato quale filosofo che si aggirava seguito dai suoi discepoli che furono soprannominati “peripatetici” ovvero seguaci delle dottrine aristoteliche membri della scuola aristotelica che si intrattenevano a discutere nel Peripato, cioè quella parte del giardino del liceo di Atene dove appunto Aristotele teneva le sue lezioni.

Il professor Braibanti aveva una passione per le formiche, da cui il titolo del film, che studiava attentamente attingendo dal loro comportamento la modalità con cui si supportavano e si aiutavano l’un l’altra costituendo così una vera società solidale (forse questo è il suo il suo sogno?). Determinati atteggiamenti da parte del professore verso i suoi discepoli suscitano perplessità tra i cittadini che non vedono di buon occhio questo tipo di relazione; in particolare tra i familiari di uno dei ragazzi che sembrava essere soggiogato più degli altri dal professore. Il ragazzo, certo Ettore Tagliaferri (Leonardo Maltese) in realtà e in piena consapevolezza condivide appieno le idee filosofiche e politiche del professore e non avrà ripensamenti quando deciderà di andare via dalla sua famiglia per intraprendere una relazione sentimentale con Lui. Il fratello Riccardo insieme alla madre rintracciano Ettore e con la forza lo costringono in un ospedale psichiatrico con l’intento, grazie ad una terapia di elettroshock, di sottrarlo alla vita libertina e alla dannata omosessualità. Il professore alla fine del processo viene condannato; di Lui si interessa un giovane giornalista Ennio Scribani (Elio Germano) il quale poi pagherà con il licenziamento il suo interessamento.

L’aspetto interessante del film è incentrato sul comportamento del professore che non ritiene opportuno difendersi dall’accusa in quanto il reato di omosessualità non viene contemplato da Lui come colpa ma assolutamente spontaneo e naturale. L’amore, anche se tra persone dello stesso sesso, non dovrebbe spaventare in quanto è sempre esistito anche tra gli animali, addirittura ci sono specie che durante il percorso della loro esistenza cambiano più volte il sesso. Al cuor non si comanda non è uno slogan ma una realtà che piaccia o no, sarà meglio accettarla in todo non dimenticando che anche noi in fondo siamo animali.

Per dovere di cronaca bisogna dire che il giornalista dell’Unità, che allora si interessò del caso, non fu cacciato dal giornale, anzi, al contrario, vi rimase ancora per molto tempo non solo ma fu anche sostenuto nella causa dal suo partito. Inoltre, il film, presentato alla 79^ edizione della Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia, fu messo sotto accusa per il clima di oscurantismo in cui si era svolto il processo. Non dimentichiamo che siamo già nel Sessantotto e i Beatles, con le loro idee innovative, diedero una mano ai giovani sessantottini che incominciavano a guardare al futuro in modo diverso e cantavano “Yellow Submarine”, un inno questo alla gioia di vivere e alla speranza. A seguire “Imagine” il cui messaggio può essere sintetizzato in: immaginare un mondo migliore vorrà dire immaginare un futuro migliore.

Abbiamo ancora tanto da immaginare!


SEGNALIAMO

  • EFFETTI COLLATERALI

    EFFETTI COLLATERALI

    ENZO VERRENGIA Un effetto collaterale ma nient’affatto secondario della guerra fredda fu il successo dei romanzi di spionaggio. Non succedeva per la prima volta. Già agli inizi del Novecento se ne pubblicarono tantissimi, perché anche allora si profilava il pericolo di un conflitto catastrofico, che poi effettivamente scoppiò nel 1914. E, come negli anni ’50…


  • IL MITO GENERA MITO

    IL MITO GENERA MITO

    E’ questo il primo e più significativo motivo conduttore che ho narrato nella mia Tetralogia eroica, che ha percorso la vita e le epopee di Achille, Alessandro Magno, Giulio Cesare e Napoleone Bonaparte. Achille che scelse di morire per vivere in eterno, Alessandro, giovane antico, grande condottiero, che in 13 anni conquistò un impero immenso,…


  • La trasformazione del calcio da sport in business, di Francesco Devescovi 

    La trasformazione del calcio da sport in business, di Francesco Devescovi 

    Trent’anni dopo l’avvio delle trasmissioni in diretta delle partite a pagamento Francesco Devescovi Già dirigente Rai esperto di economia dei media  Trent’anni dopo l’avvio delle trasmissioni in diretta delle partite a pagamento il mondo del pallone vive una nuova fase di crisi nel senso etimologico. Ce la spiega Francesco Devescovi nell’articolo “La trasformazione del calcio…


  • L’UOMO CHE LEGGE: CHI VUOLE UCCIDERE IL CAVALLO

    CONSIGLI DI LETTURA DEL DIRETTORE Non stiamo vivendo soltanto la crisi della democrazia nel mondo intero, la crisi di uno Stato sempre più burocratizzato, la crisi di una società dominata dal denaro, la crisi di un Umanesimo sopraffatto da odio e violenza, la crisi di un pianeta devastato dall’onnipotenza del profitto, la crisi sanitaria scatenata…


  • JIMMY NICOL ( CHE PERSE IL TRENO )


  • PAOLO PORTOGHESI, UN UOMO GENTILE

    PAOLO PORTOGHESI, UN UOMO GENTILE

    Quando passeggiavo con lui nel suo giardino continuo, dopo tanti anni, a rimanere affascinata dal percorso del suo pensiero, cadenzato da momenti di sosta per leggere frasi, suggestioni, parole che ha scelto con grande accuratezza, come le parole di Cicerone incorniciate vicino ad una delle biblioteche “se nella biblioteca hai un giardino non ti mancherà…


  • Quale futuro politico per l’Unione europea dopo il voto, di Bruno Somalvico

    Quale futuro politico per l’Unione europea dopo il voto, di Bruno Somalvico

    Il complesso quadro dei gruppi politici in seno al Parlamento europeo Bruno Somalvico Direttore editoriale di Democrazia futura In un breve commento Bruno Somalvico, direttore editoriale di Democrazia futura analizza “Quale futuro politico per l’Unione europea dopo il voto”. Nonostante la crescita dell’estrema destra e l’indebolimento dei governi dei due Paesi guida dell’Unione, il quadro politico europeo rimane sostanzialmente stabile.…


  • TORINO: FESTIVAL CINEMAMBIENTE

    Il Festival CinemAmbiente 2024 è la ventisettesima edizione di una manifestazione dedicata ai film a tema ambientale, organizzata dal Museo Nazionale del Cinema di Torino. Si svolge dal 4 al 9 giugno 2024 a Torino (quest’anno anche online sulla piattaforma OpenDDB, dove una selezione dei titoli in cartellone sarà visibile in replica sul sito dell’evento,…


  • Il premierato dello Stivale, di Gianfranco Pasquino

    Il premierato dello Stivale, di Gianfranco Pasquino

    Un’anticipazione del contributo di Democrazia Futura per la rivista trimestrale di Il Mondo Nuovo Gianfranco Pasquino Professore Emerito di Scienza politica nell’Università di Bologna Con l’articolo “Il premierato dello Stivale” della firma più prestigiosa che collabora a Democrazia futura, Gianfranco Pasquino, Professore Emerito di Scienza politica nell’Università di Bologna, anticipiamo online sul sito de Il Mondo nuovo il contributo…


  • Nerio Nesi, un socialista lombardiano tra idealità, realismo e concretezza, di Andrea Ricciardi

    Nerio Nesi, un socialista lombardiano tra idealità, realismo e concretezza, di Andrea Ricciardi

    A quasi quattro mesi dalla scomparsa lo storico Andrea Ricciardi traccia il profilo di Nerio Nesi.