IL MODELLO FINANZIARIO SBAGLIATO DELL’AUDIOVISIVO ITALIANO

Quando si tratta di analizzare l’industria del cinema e Tv, l’Italia sembra vivere in un mondo tutto suo, poi ci si lamenta quando le cose vanno meglio negli altri paesi.

Questa riflessione avviene dopo aver riscoperto un articolo dell’ottobre 2022 pubblicato su “La Stampa” a cura di Fabrizio Accatino.

L’autore inizia bene nell’indicare che i film prodotti in Italia nel 2021 furono

481

Al confronto 11 anni prima i film erano 

141

Ma nonostante ll numero record, nelle sale uscirono solamente 153 film, cioé il 43% del totale, raggiungendo il 21% degli incassi al botteghino.

Poi l’autore dell’articolo spiega che la “normativa [italiana] non contribuisce a risolvere” la crisi del cinema in Italia, dando la colpa alla “pioggia di denaro pubblico che incentiva la produzione di film che in larga parte nessuno vedrá mai”.

Tutte considerazioni valide, ma poi cita il regista-produttore Nanni Moretti, e quindi cade nel solito modo di ragionare tutto italiano, che vorrebbe che la “finestra di uscita tra i cinema e le piattaforme [abbia] una distanza di 15 mesi (mentre in Italia questo periodo é pari a zero)”. Secondo Moretti, oltre che di contributi per la produzione, i film italiani necessiterebbero di protezione. E questo senza che l’autore si ricordi di aver spiegato in precedenza nello stesso articolo che con soli 75 film e senza protezione, gli americani si erano portati a casa un analogo 21% degli incassi al botteghino.

Ora bisognerebbe spiegare sia all’autore dell’articolo che a Moretti che la maggior parte dei produttori italiani non sono interessati a vendere i loro prodotti, una volta intascati i contributi pubblici.

In un caso particolare, alla fiera audiovisiva di Budapest, l’Istituto per il Commercio Estero aveva messo a disposizione un padiglione per i produttori italiani, ma non era nemmeno riuscito a far si che questi inviassero alcune brochure dei loro film.

Il problema principale, se non unico, é che in Italia si elargiscono sussidi pubblici alla produzione, mentre in paesi audiovisivamente piú sviluppati, come ad esempio la Turchia, i sussidi vengono dati alla distribuzione.

Questa strategia ha due scopi: diffondere i loro prodotti audiovisivi all’estero, e produrre contenuti di qualitá che possono essere apprezzati sia a livello nazionale che internazionale.
Perché in Italia non si potrebbe semplicemente copiare ció che funziona all’estero?
É vero che in Italia si ha un Film Distribution Fund, ma questo é piccolo, limitato alla sola distribuzione ai cinema e non é considerato sufficientemente efficace.


SEGNALIAMO

  • ABBASSO QUELLE ANTIVENTO

    ABBASSO QUELLE ANTIVENTO

    La 600 color crema, con le portiere “a vento”, guidata da una giovane donna si avvicina lentamente al marciapiede per parcheggiare. Immediatamente un gruppetto di giovani maschi, le mani in tasca e un sorriso sul volto, si ferma ad aspettare. Si determinano tre possibilità. Se la giovane donna indossa i pantaloni il gruppo si disperde…


  • AL CINEMA CON ANTONIO

    AL CINEMA CON ANTONIO

    L’unica fuga che gli era permessa, e che si concedeva, era nella passione per il cinema e una straordinaria cultura e sensibilità cinematografica.


  • DUE CUORI ED UN MUSEO

    Parafrasando la metafora “due cuori e  una capanna”, dedico il titolo, che ho scelto per questo articolo, ad una coppia di artisti particolari, a due personaggi che hanno sfondato, con le loro opere, le pareti dell’ipocrisia per rendere visibili ed accettabili i tabù e le reticenze morali del nostro tempo. Sto parlando di Gilbert PROUSCH…


  • EST FILM FESTIVAL A MONTEFIASCONE

    REDAZIONE


  • FALSI MITI

    Così Barbie ha cambiato i gusti delle bambine e non solo infatti anche le loro abitudini soprattutto quelle alimentari hanno subito delle variazioni, specialmente per le bambine dell’area mediterranea,


  • FRANCO E CICCIO UN MAGNIFICO PASTICCIO

    GIANCARLO GOVERNI Cento anni fa nasceva Ciccio Ingrassia, il cui nome è indissolubilmente legato a Franco Franchi, con cui formò una coppia formidabile.Parlare di Ciccio è come parlare di Franco. Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, o familiarmente Franco e Ciccio… Una coppia comica di cui abbiamo sentito parlare per anni e che ha segnato indelebilmente…


  • GIGI PROIETTI, DAL CAVALIERE NERO A SHAKESPEARE

    GIGI PROIETTI, DAL CAVALIERE NERO A SHAKESPEARE

    GIANCARLO GOVERNI Chissà perché ripensando agli sketch e alle innumerevoli occasioni di risate che ci ha offerto nella sua lunga, direi enorme carriera, di Gigi Proietti mi è tornata alla mente la barzelletta del cavaliere nero e del cavaliere bianco, una barzelletta come un’altra che lui aveva fatto diventare quasi un atto unico e che…


  • IL MAESTRO CARNINI HA RAGIONE

    Cinema e colonne sonore erano un fiume d’oro anche per chi vendeva strumenti musicali anche molto speciali in grado di estendere le timbriche non solo dei bravissimi musicisti ma anche degli scrittori, dei registi dell’intero sistema creativo che participavano a questa evoluzione connessa con lo spettacolo audiovisivo.


  • IL MODELLO FINANZIARIO SBAGLIATO DELL’AUDIOVISIVO ITALIANO

    Quando si tratta di analizzare l’industria del cinema e Tv, l’Italia sembra vivere in un mondo tutto suo, poi ci si lamenta quando le cose vanno meglio negli altri paesi. Questa riflessione avviene dopo aver riscoperto un articolo dell’ottobre 2022 pubblicato su “La Stampa” a cura di Fabrizio Accatino. L’autore inizia bene nell’indicare che i…


  • IL PATRIMONIO MANFREDI

    IL PATRIMONIO MANFREDI

    La guerra, probabilmente, è stata una scuola terribile per gli attori di quella generazione che abbiamo ricordato all’inizio. Forse la fame, la necessità di sopravvivere, di affermarsi in circostanze così tragiche, ha costituito una spinta alla professionalità, alla duttilità, allo studio, filtrando parecchi talenti. Talenti che si sono affinati nelle esperienze più varie e difficili:…