LA FABBRICA

Vite d'acciaio, la siderurgia a Novi Ligure in 100 anni di fotografie” - Il Secolo XIX

LA REDAZIONE

POLIS NOVI LIGURE

Per la siderurgia di Novi Ligure potrebbe essere la svolta che si attende da anni. Adolfo Urso Ministro dell’impresa in vista a Novi Ligure agli impianti dell’ex IlVA ha annunciati che prima dell’estate sarà dato il via alla procedura pubblica per individuare un nuovo socio, e che entro il 2024 ultimata l’individuazione del partner la siderurgia potrebbe ripartire. Nel frattempo il ministro ha promesso fondi ad hoc per mettere in sicurezza i lavoratori delle imprese dell’indotto e la cassa integrazione straordinaria.

Le prime indiscrezioni parlano di un gruppo ucraino importante del settore della metallurgia l’Azovstal di Mariupol, proprietario di due grandi acciaierie bombardate dai Russi durante la guerra.

Facciamo un passo di lato ed un passo indietro. A Novi Ligure c’è una grande industria che produce cioccolato, (la NOVI, quella del cioccolato che non è svizzero ma è buono lo stesso), c’è la ella Dufour e a Pernigotti, o quello che ne resta. C’è anche un museo della bicicletta, Novi infatti è il paese dove nacque Fausto Coppi.

Vicino a Novi poi c’è L’outlet di McArthur, una città costruita per ospitare negozi e brand di lusso che vendono le collezioni dell’anno precedente con forti sconti. Una visita a Novi insomma ricerca sorprese.

Oltre alla fabbrica di cioccolato e all’outlet ci sono anche le fabbriche, su tutte quella dell’acciaio di qualità che fa le zincature.
Le Acciaierie di Novi Ligure sono decisamente meno note di quelle di Taranto, ma non meno strategiche ed importanti. Nascono nel 1912 come società anonima Ferriera di Novi Ligure per poi passare all’ILVA, quindi all’Italsider e di nuovo all’ILVA del Gruppo Riva.
Nel 2018 lo stabilimento passa ad ArcelorMittal Italia.

Oggi a Novi nello stabilimento di Arcelor Mittal lavorano circa settecento dipendenti diretti, ai quali si possono aggiungere altri 3000 lavoratori impiegati nell’indotto. Lavoratori che devono fare i conti con la crisi della siderurgia che si trascina da anni.

Quella dell’ILVA è una crisi che non riguarda solo Taranto, ma è di portata nazionale.

Lo stabilimento di Novi tra l’altro è molto diverso da quello di Taranto, perché produce acciai di alta qualità destinati al settore dell’automotive. L’idea della “piccola ILVA” quindi non piace alla Regione Piemonte né al Governo, perché equivale alla fine della siderurgia in Italia. A febbraio a Novi si era insediato un tavolo di crisi permanente, cui hanno partecipato gli enti locali ed i sindacati. Qualche giorno fa a Novi è arrivato il Ministro promettendo il rilancio del settore. Oggi arriva l’indiscrezione degli ucraini.

PS

Una visita a Novi ha senso, il centro storico è interessante e le decorazioni in “trompe l’oeuil”POLIS sono di buona fattura. Poi volendo c’è l’outlet, una costruzione surreale di prefabbricati ad un piano fuori terra ispirato allo stile neoclassico italiano, con piazze, esedre, capitelli e fake architettonici vari, frequentato da turisti a caccia di affari e di varie ovviamente super griffate. Confesso che a me diverte, capisco che il genere è impegnativo. Molti russi, e non solo.

Vediamo chi comprerà la gloriosa ILVA. Tempi che cambiano, questione di shopping.


SEGNALIAMO

  • UNO SPETTRO SI AGGIRA PER L’EUROPA….

    UNO SPETTRO SI AGGIRA PER L’EUROPA….

    (IL RITORNO DELLO STATO) “Controllare e proteggere. Il ritorno dello stato” è il titolo di un libro di Paolo Gerbaudo, storico e politologo di fama internazionale, ultimamente noto anche dalle nostre parti. Gerbaudo ha curato un quaderno del Mulino dedicato al tema, e collabora con molte testate internazionali. La sua tesi in estrema sintesi è…


  • UN ORIGINALE MODELLO DI SVILUPPO

    PER IL SUD E LA SICILIA Il Sud e la Sicilia, nel tempo, sono stati destinatari di modelli di sviluppo prevalentemente importati da altre aree del Paese o da altre economie. A distanza di parecchi anni, però, quei modelli si sono rivelati del tutto inadeguati ed hanno creato notevolissimi disagi, soprattutto di natura occupazionale e…


  • STANCHEZZA DA STREAMING

    IL MODELLO COMMERCIALE DEGLI ABBONAMENTI Per far fronte al modello commerciale degli abbonamenti e al suo crescente “Fount Subscription Economy index”, oltre ai CTO (Chief Technology Officer), ai CCO (Chief Content Officer) e ai CFO (Chief Financial Officer), le aziende del settore SVoD e tutte quelle che dipendono dagli abbonamenti, dovranno ora sostituire i CEO…


  • SOSTENIBILITA’:DATI NON PAROLE

    Il 9 Gennaio 2024 è uscito un libro ottimista e di speranza non velleitaria della scienziata Hannah Ritchie(titolo “Not the end of the world”) dell’ università di Oxford e head del sito “Our world in data”. Il tema è la sostenibilità.  Infatti uno dei capisaldi del welfare  è la sostenibilità dell’ecosistema nella declinazione  economica,sociale,di partecipazione per…


  • SOLDI IN PARADISO E COME TROVARLI

    SOLDI IN PARADISO E COME TROVARLI

    Analogamente all’OCSE anche l’UE si è procurata un sistema di lista nera, affiancato da una lista grigia che emula il sistema di classificazione sopracitato, nella lista grigia sono inserite una quarantina di istituzioni finanziarie che applicano un regime cooperativo con le norme dell’Unione.


  • SETTIMANA CORTA E PRODUTTIVITÀ COGNITIVA

    SETTIMANA CORTA E PRODUTTIVITÀ COGNITIVA

    Gli orari di apertura delle fabbriche erano di 18 ore con prevalenza di bambini e donne (non scolarizzati), più esili e adattabili a fabbriche somiglianti a “gironi infernali” per 80 ore settimanali (fino a 13 ore giornaliere).


  • SEI POVERO È COLPA TUA: (E IO STO CON I DIVANISTI)

    SEI POVERO È COLPA TUA: (E IO STO CON I DIVANISTI)

    Il tema è molto complesso ed accompagna la politica da secoli. La povertà dipende da tanti fattori, dove si abita, la conformazione del nucleo famigliare, le risorse della famiglia, la salute per citarne alcune. È poi un concetto quasi sempre relativo, cioè rinvia al livello delle disuguaglianze sociali, e cambia nel contesto economico in cui…


  • RIGENERARE NAPOLI

    RIGENERARE NAPOLI

    Il Centro di Produzione RAI di Napoli festeggia quest’anno il 60° dell’Anniversario dalla sua fondazione. Il libro LA FABBRICA TELEVISIVA edito nel 2007 racconta tutta la storia della RAI di Napoli.


  • QUANDO LA SICILIA NON È COME L’ITALIA

    Il PIL pro capite medio dell’intero Paese è 30.136 euro, quello della Sicilia è 18.823, vale a dire poco più della metà. 


  • QUALE 2024 CI ATTENDE?

    QUALE 2024 CI ATTENDE?

    Una connessione più robusta che conduca verso forme istituzionali imprenditoriali di investimento con orientamenti ESG (environment, sustainability, governance) e scelte strategiche attraverso CSR (corporate social responsibility)