NATALE  SOLIDALE E GLI INCIAMPI FERRAGNI E MONTEZEMOLO.

Il Natale è una magia che fa sognare: desideri, propositi, cibo speciale, pensamenti e ripensamenti, natività,ritorni e incontri,parenti e famiglia,amici ritrovati.. Il Natale ha anche una funzione “catartica” perché ci fa vivere le esperienze belle e brutte nell’oblio della festa.    

Il Natale scalda sempre il cuore. E ci offre opportunità di dono e di consumismo solidale:un “ismo”  doveroso. Vogliamo essere più buoni e altruisti. 

Magari con qualche inciampo.  

Il caso Ferragni,con la gestione opaca della comunicazione di panettoni e uova di Pasqua a “marker sociale, ha “messo sugli scudi” il tema dell’ambiguità di alcune comunicazioni sociali che ti fanno percepire “altro dal vero” con un finalismo puramente commerciale. 

Oppure contraddizioni che sfuggono:Luca Cordero di  Montezemolo ,presidente di Telethon che chiede donazioni per fare  ricerca genetica e medica con grande successo,è anche presidente della Manifattura Sigari Toscani che,per definizione, vende,con grande successo, prodotti che sviluppano patologie oncologiche.E’ “washing” anche questo?. 

Si può sbagliare e riparare:vedremo se “errare humanum est,perseverare autem diabolicum”(S. Agostino d’Ippona,Sermones) 

Sono inciampi e contraddizioni che invitano i donatori a fare attenzione sulla veridicità dei fini e sulle contraddizioni di ruolo per esempio nelle persone delle organizzazioni che noi finanziamo con donazioni.E’ necessario ormai fare una “due diligence” sui finalismi valoriali e attivare la tracciabilità della donazione:prima,durante e dopo.   

E’ un tema che offre spunti di riflessioni e contraddizioni e non bisogna “fare di tutta l’erba un fascio”!.   

Anche quest’anno i mercatini delle Associazioni della “porta accanto”,delle fondazioni,degli  atelier solidali,dei  presepi e degli  alberi di Natale inducono a consumare acquistando  per guadagnare un po’ di valore solidale che non si limita a farci essere ‘un po’ più buoni a Natale’, ma costruisce un futuro di impatti  sociali positivi e di solidarietà,di salute e ricerca .Tutto questo però deve essere attendibile e certificato ex post da una rendicontazione e da una valutazione d’impatto.     

Quindi, il consumismo considerato giustamente e tradizionalmente, come una propensione negativa  al grande consumo , paradossalmente,a Natale,  può diventare un fenomeno positivo e da incentivare qualora sia collegato alla solidarietà in modo diretto e con la trasparenza spiegata.  

Se leggete un po’ di cronaca , le occasioni di ‘consumismo solidale’ sono numerose, legate a marchi storici della solidarietà laica e cattolica, della ricerca scientifica e sanitaria.Da esse si traggono finanziamenti per obiettivi di solidarietà , di merito,di ricerca.Certamente con le dovute cautele di verifica.   

Ci attende un futuro dove verrà rivalutato il “buonismo” che fino ad ora  è stato considerato un surrogato della bontà. 

Benvenga il “buonismo” dove il le donazioni saranno riparative e “rimediali”(famiglie con stipendi ridimensionati ed alla “terza settimana”) ,affronteranno la domanda inevasa di servizi sanitari(si vedano i dati dell’incremento dei tumori nel 2023  )per i quali  gli appuntamenti sono “senza fine”,aiuteranno i “senza tetto”,si farà ricerca scientifica e medica.   

 Il consumismo solidale di prodotti e di servizi ,il cui acquisto crea le condizioni per mantenere l’attività di non profit che per tutto l’anno continuano a svolgere la propria attività a favore di fasce deboli della popolazione è una virtu’,non è un “ismo”.   

Anzi bisognerebbe che il consumismo solidale diventasse una costante e rientrasse nelle abitudini di consumerismo(consumo razionale)in modo da dare una continuità al finanziamento dei progetti in essere.

Da eventi speciali di consumismo solidale Natalizio ad una attività di consumo solidale costante , per esempio tramite spazi dedicati solo a questo tipo di attività, al “cause related marketing” ove le imprese profit offrono una quota dei loro ricavi per i progetti sociali certificati nonché attivare delle sedute di”borsa della solidarietà” ove si crea “un recinto delle grida” in cui si espongono i progetti sociali da finanziare. 

Creare nelle città spazi per il business solidale;come abbiamo dato il permesso per spazi gratuiti davanti ai ristoranti così dovremmo avere spazi gratuiti per il business. sociale.    

E’ l’offerta di “prodotti progetto” che hanno un doppio valore:quello intrinseco del prodotto(che deve essere di qualità) e quello di “valore aggiunto sociale ” ,di sviluppo del progetto di solidarietà che si traduce nell’assistenza agli anziani ed ai bambini in difficoltà,ai malati con patologie diffuse o rare,ai clochard ed ai disoccupati,alle imprese in crisi.Presupposto è che le imprese sociali non profit o le imprese sociali profit (corporate social responsability agìta e misurata)devono far percepire ai consumatori il progetto che “sta dietro” al prezzo-donazione pagato per il prodotto e devono dimostrare i risultati ottenuti tramite le vendite di solidarietà.Oggi tutta questa attività deve essere misurata e valutata e tutte le imprese devono essere ad impatto sociale positivo.    

Il consumismo solidale aumenta la corretta fiducia del cliente nei confronti del fornitore e quindi si raggiungono obiettivi di sviluppo economico e sociale che incrementano il “capitale sociale” di un territorio, presupposto per  mantenere un livello di welfare accettabile ed essere competitivi.
Certo bisogna vigilare affinchè queste attività commerciali non sottendano speculazioni o opportunismi e quindi si deve chiedere trasparenza e responsabilità di gestione.  

In termini aziendali vuol dire sviluppare l’”accountability” nel non profit e nelle imprese sociali profit.In questa dimensione il consumismo assume “valore sociale e di solidarietà” offrendo un “supplemento d’anima” anche a prodotti di consumo “routinario”.Ancora una volta torniamo ad un nuovo concetto di impresa sociale e ad impatto sociale misurato e valutato.Per questo il consumismo solidale di Natale  è una virtu’. 


SEGNALIAMO

  • ROSA GENONI

    STEFANIA CONTI


  • TANGENTOPOLI, UN FALSO STORICO. IL DIRETTORE SODANO INTERVISTA MARCO FOLLINI

    TANGENTOPOLI, UN FALSO STORICO. IL DIRETTORE SODANO INTERVISTA MARCO FOLLINI

    MARCO FOLLINI DISAMINA UN MOMENTO DRAMMATICO DELLA STORIA DEL NOSTRO PAESE.


  • IL MORTO HA CATTURATO IL VIVO, CONVERSAZIONE CON FERDINANDO ADORNATO

    IL MORTO HA CATTURATO IL VIVO, CONVERSAZIONE CON FERDINANDO ADORNATO

    GIAMPAOLO SODANO Ferdinando Adornato, laureato in filosofia, giornalista, dopo una militanza giovanile nel Partito Comunista Italiano (è stato direttore della rivista La Città Futura, periodico della FGCI) pubblica nel 1980, con la filosofa ungherese Ágnes Heller, il libro intervista Per cambiare la vita. Ha lavorato a Panorama e a L’Espresso, collabora a la Repubblica come editorialista e pubblica per Rizzoli il pamphlet Oltre la sinistra. Nel 1992 è tra i fondatori e leader del movimento di Alleanza…


  • GIACOMO BRODOLINI. IL MINISTRO DEI LAVORATORI

    GIACOMO BRODOLINI. IL MINISTRO DEI LAVORATORI

    Particolarmente paradossale è stata la resistenza del PCI contro le riforme. I conservatori infatti sempre e con coerenza le hanno criticate, sino a oggi. I comunisti allora le ostacolavano perché dichiaravano di ritenerle troppo moderate;


  • PER UN SOCIALISMO NEL XXI° SECOLO

    PER UN SOCIALISMO NEL XXI° SECOLO

    20230520 IL FUTURO DEL COOPI E’NELL’EUROPEISMO INTERNAZIONALISTA FEDERALISTA Andrea Ermano nell’AdL del 11 maggio 2023 scrive «Risposta semplice: dobbiamo difendere l’UE perché essa rappresenta l’unico nostro baluardo di autonomia politica nell’epoca della globalizzazione. Laddove la questione politica fondamentale sta in fin dei conti nel rischio bellico di cui il neo-nazionalismo contemporaneo alimenta molti fattori di…


  • LA SOCIETA’ OPERAIA E DI MUTUO SOCCORSO

    POLIS, RONCIGLIONE La Società operaia e di mutuo soccorso di Ronciglione venne costituita il gennaio 1871. Dall’art 1 dello Statuto fondamentale di allora si desumono gli scopi sociali per i quali nacque:“ la SOMS ha per oggetto l’unione, la fratellanza ed il mutuo soccorso degli operai tra di loro; tende a promuovere l’istruzione, la moralità,…


  • IL MOVIMENTO OPERAIO CONTRO ALCOLISMO E STUPEFACENTI

    IL MOVIMENTO OPERAIO CONTRO ALCOLISMO E STUPEFACENTI

    “mentre il proletariato ha nell’alcolismo un nemico, che ne aggrava la sventurata condizione sociale e ne moltiplica i dolori e la degradazione, l’alcolismo ostacola il proletariato nella sua emancipazione dalla servitù capitalista, e ne impedisce l’elevarsi per le funzioni che la società socialista gli dovrà assegnare.”


  • L’UOMO CHE LEGGE: LA SINISTRA SOCIALE

    CONSIGLI DI LETTURA SETTIMANALI FONTE: SITO DELL’EDITORE DEL LIBRO La “sinistra sociale” ha rappresentato un’esperienza importante nella storia democratica del nostro paese. Un’area politica e culturale riconducibile alla tradizione del cattolicesimo sociale che si è sempre caratterizzata sul terreno della difesa e della promozione dei ceti popolari, dei ceti meno abbienti e dei lavoratori. Prima,…


  • IL SOL DELL’AVVENIRE

    IL SOL DELL’AVVENIRE

    Eravamo agli inizi del 1886 quando Filippo Turati, componendo le quartine per “L’inno dei Lavoratori” scriveva “… su venite in fitta schiera, sulla libera bandiera splende il sol dell’avvenir”. Quel sole nascente aveva un immenso significato simbolico, ma probabilmente ignorava (o fingeva di ignorare) di avere alle spalle un’ancor più grande retroterra che aveva accompagnato…


  • MEMORIAL UGO INTINI

    MEMORIAL UGO INTINI



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

alimentazione (31) ambiente (29) amministrazione (21) arte (62) cinema (42) civismo (47) comunicazione (18) comunismo (24) cultura (340) democrazia (40) economia (74) elezioni (65) europa (58) fascismo (30) filosofia (29) formazione (25) giorgia meloni (20) giovani (29) guerra (88) intelligenza artificiale (30) italia (41) lavoro (40) letteratura (43) mario pacelli (30) media (67) milano (20) musica (118) napoli (20) politica (391) potere (210) rai (18) rappresentazione (22) religione (23) roma (23) russia (26) salute (67) satira (20) scienza (21) scuola (27) seconda guerra mondiale (48) sinistra (19) società (405) stefano rolando (31) storia (44) teatro (29) tecnologia (20) televisione (42) tradizione (27) ucraina (37) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI