IL SOL DELL’AVVENIRE

Eravamo agli inizi del 1886 quando Filippo Turati, componendo le quartine per “L’inno dei Lavoratori” scriveva “… su venite in fitta schiera, sulla libera bandiera splende il sol dell’avvenir”.

Quel sole nascente aveva un immenso significato simbolico, ma probabilmente ignorava (o fingeva di ignorare) di avere alle spalle un’ancor più grande retroterra che aveva accompagnato tutta la Storia e la elaborazione degli ultimi millenni.

Non si trattava, infatti di un semplice appello verso il futuro. Il messaggio conteneva e diffondeva la ferma convinzione che stava per giungere un’Epoca illuminata finalmente dalla Giustizia e dalla Libertà.

Non si trattava certamente della prima volta che questa ineluttabile prospettiva si presentava ad agitare i cuori delle persone.

1800 anni prima le giovanissime comunità cristiane erano pervase dalla certezza che alla predicazione e alla Resurrezione del Cristo avrebbe fatto seguito prestissimo l’Avvento del Regno.

Ci volle la grandezza di pensiero e la capacità di convinzione di San Paolo per spiegare a quei primi cristiani che la prospettiva di palingenesi contenuta nel messaggio evangelico non era di carattere storico e non poteva essere applicata al divenire materiale delle cose del mondo.

Essa diventava così una dimensione strettamente individuale che corrisponde alla condizione stessa della specie umana e la caratterizza.

La consapevolezza della “necessità della morte” e della successiva nascita di una nuova Vita in cui si verrà giudicati e il Bene vincerà comunque sul Male è il vero elemento (almeno per quello che ci risulta) di differenziazione tra la nostra specie e le altre viventi sul pianeta Terra.

Naturalmente l’affermarsi di questa concezione astorica richiedeva, e richiede, l’esistenza di una struttura a carattere storico che si renda garante non soltanto della prospettiva finale ma soprattutto indichi le forme e le strade per portare ognuno a quel momento finale, ineludibile e insieme portatore di una nuova Vita.

Questo strumento è, naturalmente, la Chiesa che assume su di se l’onere di rappresentare sulla Terra, e soltanto nella dimensione materiale, quella superiore Comunità.

La Chiesa possiede dunque una straordinaria dimensione contemporaneamente temporale e atemporale.

Costituisce, insomma, il luogo della Identità e della Attesa.

Ora, il paradosso è che identità e attesa (stavolta senza maiuscola) sono le caratteristiche portanti sia del messaggio turatiano con cui abbiamo iniziato il ragionamento sia di gran parte delle forme di identità politica e culturale che si sono presentate dall’Ottocento in poi (e non sempre con caratteristiche positive o condivisibili).

La attesa di un momento finale (il sol dell’avvenire) in cui le cose verranno finalmente rimesse a posto necessita inevitabilmente di un organismo intermedio in cui siano già in vigore le regole che ci si auspica governeranno il mondo intero.

In assenza di questo intermediario storico prevalgono inevitabilmente posizioni estreme e velleitarie.

Se non vi un ponte che mi porti verso quel mondo più giusto e felice cosa mi può impedire di “pretendere” di tentare di realizzarlo ora?

E come non pensare che, se il bene non trionfa subito, la colpa sia degli indegni che fingono di rappresentarlo attualmente?

Tutto questo per cercare di sostenere che la società umana ha avuto sinora bisogno non soltanto di prospettive più vaste della sola vita di un individuo, ma anche di strutture sociali che anche nell’oggi garantissero di lottare per un obiettivo e, intanto, di cercare di applicarlo immediatamente.

Per Filippo Turati il sol dell’avvenire era affidato al Partito dei Lavoratori (poi Partito Socialista).

Gli altri avevano valori e prospettive diverse ma la logica era sempre la stessa: Identità ed Attesa, impegno nell’oggi e prospettiva storica.

Ma qualcosa deve essere successo nel corso degli ultimi anni, almeno in Italia.

Si è diffusa, sino a prevalere, l’idea che non si deve mai essere “divisivi”.

Vale a dire che non dovrebbero mai essere assunte posizioni o punti di vista che possano essere considerati fastidiosi da chi non ne condivide il contenuto.

La conseguenza immediata di questo prevalente atteggiamento è il divieto (o comunque la scomparsa) del giudizio in termini di valore generale e assoluto.

Faccio, se mi viene permesso, un esempio specifico.

Io posso essere, come sono, contro la genitorialità surrogata e tentar di agire in sede legislativa per impedirla.

Ma se spiego che si tratta di una pratica, a mio avviso, di carattere nazista che prefigura una società in cui non posso riconoscermi verrò considerato offensivo o, perlomeno, divisivo.

Se un credente condanna, in base al suo Credo, come inaccettabili alcuni comportamenti verrà valutato e condannato come non rispettoso delle libertà altrui.

Eccoci giunti al cuore della questione.

Gli esseri umani non condividono (e forse non hanno mai condiviso) una comune idea di società perfetta.

Il mio sol dell’avvenire non illuminerà mai una società in cui chi possiede il denaro possa affittare un corpo per divenirne poi padre o madre del frutto.

Sarei disposto a sacrificare una porzione di libertà e di democrazia in cambio del blocco di questa pretesa.

Ma chi la pensa diversamente dovrebbe solo avere il tranquillo coraggio di dirlo, dichiarandosi a favore di quel preteso diritto.

La non condivisione di principi anche morali non comporta alcun problema.

Ciò che è inaccettabile è la pretesa di elidere qualunque diversità, avendo come obiettivo formale il non essere divisivi.

Aggiungo, per finire, che questa logica sbianchettante è oggi particolarmente pericolosa.

Siamo, di tutta evidenza, sotto l’attacco e la pressione di una cultura di massa basata su valori assoluti e sulla prospettiva, a carattere storico, di costruzione di una società basata su quei valori.

L’attacco che il mondo islamico sta ancora una volta portando al nostro mondo dispone di modalità ed armi che lo rendono pericolosissimo.

Il coraggio suicida dei miliziani si unisce perfettamente con la disponibilità finanziaria pressoché assoluta.

Una straordinaria abilità diplomatica, unita alla capacità corruttiva permessa dal denaro innabondanza, ci porta ad accettare il dialogo con realtà che applicano regole che sarebbero per noi inaccettabili.

Il modificarsi del contesto internazionale con la presenza delle Nazioni provenienti dalle dittature comuniste crea un quadro ulteriormente preoccupante.

Oggi la battaglia si svolge drammaticamente in quel di Gaza ma presto potrebbe giungere sotto le nostre porte.

Ma noi non vogliamo essere divisivi.


SEGNALIAMO

  • L’UOMO CHE LEGGE: LA DIVULGAZIONE CIVILE

    LA REDAZIONE La divulgazione civile di Stefano Rolando «La parola “rappresentazione” racconta un teatro piuttosto complesso. Chi, come, perché, con quali esiti, con quali successi e insuccessi, agisce per rappresentare – dunque esprimere, raccontare, narrare, esternare – uno spettro di condizioni che vanno dall’identità (macigno storico-evolutivo) al sussurro (piuma di una confidenza finale). In un tragitto…


  • LE VARIE FORME O MODELLI DI LEGITTIMAZIONE POLITICA

    LE VARIE FORME O MODELLI DI LEGITTIMAZIONE POLITICA

    La politica come scienza filosofico-sociologica parte undicesima Quanto esposto nel precedente articolo ci riporta l’attenzione sulle “forme di governo”, già definite come distinte dalla legittimazione politica in sé, cioè dalla legittimazione fondante del comando politico, insomma, della politica basata sul comando/obbedienza, entrambi (questi) giustificati con il richiamo all’origine ideale – e dunque alla titolarità –…


  • IL MIO MONOLOGO SUL 25 APRILE


  • Affetto notte

    Affetto notte

    Alcune “Riflessioni sulle ombre di Acca Larenzia” esaminando il retroterra storico-culturale, psicologico e morale, degli eredi dei seguaci della Repubblica Sociale Italiana.


  • ANTON BRUCKNER 1824 – 1896

    “Per metà un dio, per metà un babbeo”. Così Mahler poco cristianamente (parlando proprio di lui che era cristianissimo) descrive Bruckner, grande musicista ma piccolo uomo. Umilissimo e insicuro, privo di carattere, terribilmente influenzabile da tutti: dai colleghi, dai critici, dai direttori d’orchestra, perfino dagli orchestrali. Primo di undici figli, Anton Bruckner entra presto in…


  • IL “PARCO NAZIONALE DEL TEVERE”, UNA PROPOSTA DI ECOITALIASOLIDALE

    Sono anni, dalla nascita del Movimento Ecologista ECOITALIASOLIDALE, avvenuto nel 2010, che proponiamo la realizzazione di un Ente unico di gestione del Tevere, anzi la realizzazione del “Parco Nazionale del Tevere” totalmente Plastic Free e totalmente accessibile, credendo fermamente che le persone di tutte le età e di tutti i livelli di abilità debbano avere…


  • FOLLOWER O FEDELI: PADRE PIO SU TIKTOK

    FOLLOWER O FEDELI: PADRE PIO SU TIKTOK

    Dalla chat al profilo TikTok: così Padre Pio comunica oggi coi suoi fedeli. 46mila sono i follower della pagina “La tua forza”, impegnati ad ascoltare i consigli e le preghiere generate dall’IA del santo di Pietrelcina. La chat con Padre Pio, diventata famosa pochi anni fa, dimostra come la tecnologia, inclusa l’intelligenza artificiale, possa essere…


  • SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE, SCIENZIATI IN ALLARME

    Il podcast della settimana di Stefano Rolando


  • MONDO FABRIZI

    MONDO FABRIZI

    Ma Aldo Fabrizi è anche un grande attore drammatico: il suo personaggio di don Pietro in Roma città aperta è forse quanto di meglio abbia saputo esprimere il nostro grande cinema in fatto di recitazione.


  • Teheran: guerra sì ma fuori dai propri confini

    Teheran: guerra sì ma fuori dai propri confini

    La Siria è diventata il campo neutro dove si combatte la sfida mondiale tra tutte le grandi potenze del mondo.