L’UOMO CHE LEGGE: MASCHIOCRAZIA

CONSIGLI DI LETTURA DAL DIRETTORE

Solo uomini seduti intorno al tavolo dove si prendono le decisioni che contano.

Come è appena accaduto – per citare una recentissima polemica – con i dieci membri nominati nel nuovo board dell’AIFA, l’agenzia Italiana del Farmaco.

Un’istantanea del potere che è un’eccezione?

No, come raccontano Emanuela Griglié e Guido Romeo nel loro nuovo libro

MASCHIOCRAZIA.

PERCHÉ IL POTERE HA UN GENERE SOLO (E COME CAMBIARE)

Dopo il successo del saggio Per soli uomini, vincitore del Premio Carosello 2023, Griglié e Romeo tornano con una indagine sul potere e il genere per capire se un mondo obsoleto, disegnato solo per un maschio “standard” si può davvero cambiare. Un mondo che non risponde alla vera diversità demografica, ma in cui anche molte donne una volta arrivate in posizioni di potere, tendono ad assumere e rafforzare gli stessi comportamenti patriarcali che le hanno ostacolate. 

Dal 2006 al 2022, la rappresentanza media delle donne nei parlamenti globali è aumentata dal 14,9% al 22,9%, mentre il numero medio di ministre è quasi raddoppiato. Questi cambiamenti evidenziano un’evoluzione significativa, con l’Italia che, nel giro di meno di un anno, ha visto due giovani donne assumere la leadership dei due partiti più influenti e la prima donna a rivestire il ruolo di Presidente del Consiglio, diventando un laboratorio di interesse internazionale.

Tuttavia, il potere femminile, sia nella sfera politica che in quella economica e sociale, rimane ancora lontano dall’essere consolidato in una rete influente e capillare. Lo ha dimostrato pochi giorni fa la presentazione del nuovo board dell’AIFA – Agenzia Italiana del Farmaco – con una foto che mostra i dieci membri del consiglio di amministrazione, tutti uomini. Un’immagine che sembra un riflesso moderno della copertina di MASCHIOCRAZIA. PERCHÉ IL POTERE HA UN GENERE SOLO (E COME CAMBIARE), il nuovo libro di Emanuela Griglié e Guido Romeo – con prefazione di Marta Cartabia – in uscita l’8 maggio 2024 per Codice Edizioni. La cover del libro è un invito: “Cherchez la femme“.Letteralmente. Viene mostrata Katharine Graham, unica e prima donna eletta, nel 1974, nel consiglio di amministrazione dell’Associated Press (23 membri, nella foto, durante una riunione a New York). Un’istantanea del potere. Che è già visivamente molto uniforme.

Dati alla mano, Maschiocrazia mostra che i progressi verso l’uguaglianza di genere non possono essere semplicemente etichettati come propaganda. Sebbene esistano esempi positivi, la presenza di donne nei ruoli di comando rimane sporadica e non sufficiente a cambiare radicalmente i modelli di leadership dominanti. Il problema è che siamo tutti – sì, anche le donne e i ragazzi più o meno fluidi della GenZ – molto più maschilisti e conservatori di quanto siamo disposti ad ammettere. Persino nella Germania che Angela Merkel ha governato ininterrottamente per vent’anni, soltanto il 41 per cento dei cittadini afferma di sentirsi a proprio agio con una donna capo del governo. Il cambiamento è dunque un’illusione? No, i dati indicano che qualcosa si muove e nel verso giusto: l’inclusione di più donne nei governi è stata associata a una diminuzione della corruzione, e in Europa sono emerse esperienze incoraggianti di ‘governo al femminile’, soprattutto nelle grandi città come Parigi e Barcellona. Eppure, il semplice fatto di avere donne al potere non garantisce un cambiamento positivo, specialmente se non vengono sfidati i modelli di potere esistenti, basati sull’idea tradizionale di “uomo forte” al comando.

Attraverso dati, interviste, ricerche scientifiche e cronaca recente, Emanuela Griglié e Guido Romeo mostrano una fotografia lucida e provocatoria di una mutazione epocale che la società contemporanea sta affrontando, e svela un quadro più complesso della semplice discriminazione di genere.

Tra le donne intervistate, Roberta Metsola – Presidente del Parlamento Europeo, Kaja Kallas – Prima Ministra dell’Estonia, e Vera Gheno – linguista e attivista per il linguaggio inclusivo.

MASCHIOCRAZIA. PERCHÉ IL POTERE HA UN GENERE SOLO (E COME CAMBIARE).

Editore: Codice Edizioni, 15 euro

 AUTRICE E AUTORE

Emanuela Griglié – Giornalista e autrice, si occupa principalmente di innovazione, cultura digitale e questioni di genere. Ha scritto e scrive per La Stampa, Repubblica, Vogue, Harper’s Bazaar, Esquire, Italia Oggi. Attualmente lavora nella comunicazione. È autrice di Per Soli Uomini, il maschilismo dei dati, dalla ricerca scientifica al design (Codice 2021). Su X è: @emgriglie

Guido Romeo – Giornalista e autore, è esperto di innovazione e comunicazione aziendale. Ha fatto parte delle redazioni di Il Sole24Ore e Wired. È autore di Per Soli Uomini, il maschilismo dei dati, dalla ricerca scientifica al design (Codice 2021) e di Silenzi di Stato, storie di trasparenza negata e di cittadini che non si arrendono (Chiarelettere 2016). Per il suo lavoro ha ricevuto premi nazionali e internazionali. Su X è: @guidoromeo


SEGNALIAMO

  • Quale futuro politico per l’Unione europea dopo il voto, di Bruno Somalvico

    Quale futuro politico per l’Unione europea dopo il voto, di Bruno Somalvico

    Il complesso quadro dei gruppi politici in seno al Parlamento europeo Bruno Somalvico Direttore editoriale di Democrazia futura In un breve commento Bruno Somalvico, direttore editoriale di Democrazia futura analizza “Quale futuro politico per l’Unione europea dopo il voto”. Nonostante la crescita dell’estrema destra e l’indebolimento dei governi dei due Paesi guida dell’Unione, il quadro politico europeo rimane sostanzialmente stabile.…


  • TORINO: FESTIVAL CINEMAMBIENTE

    Il Festival CinemAmbiente 2024 è la ventisettesima edizione di una manifestazione dedicata ai film a tema ambientale, organizzata dal Museo Nazionale del Cinema di Torino. Si svolge dal 4 al 9 giugno 2024 a Torino (quest’anno anche online sulla piattaforma OpenDDB, dove una selezione dei titoli in cartellone sarà visibile in replica sul sito dell’evento,…


  • Il premierato dello Stivale, di Gianfranco Pasquino

    Il premierato dello Stivale, di Gianfranco Pasquino

    Un’anticipazione del contributo di Democrazia Futura per la rivista trimestrale di Il Mondo Nuovo Gianfranco Pasquino Professore Emerito di Scienza politica nell’Università di Bologna Con l’articolo “Il premierato dello Stivale” della firma più prestigiosa che collabora a Democrazia futura, Gianfranco Pasquino, Professore Emerito di Scienza politica nell’Università di Bologna, anticipiamo online sul sito de Il Mondo nuovo il contributo…


  • Nerio Nesi, un socialista lombardiano tra idealità, realismo e concretezza, di Andrea Ricciardi

    Nerio Nesi, un socialista lombardiano tra idealità, realismo e concretezza, di Andrea Ricciardi

    A quasi quattro mesi dalla scomparsa lo storico Andrea Ricciardi traccia il profilo di Nerio Nesi.


  • DEDICHE MUSICALI


  • FAME


  • C’è già troppa frociaggine, di G. Barlozzetti

    C’è già troppa frociaggine, di G. Barlozzetti

    Un commento a caldo prima delle scuse ufficiali1 Guido Barlozzetti Conduttore televisivo, critico cinematografico, esperto dei media e scrittore Il nostro collaboratore Guido Barlozzetti ci segnala un suo commento a caldo pubblicato su Il Corriere dell’Umbria del 28 maggio che volentieri riprendiamo. 29 maggio 2024 Impossibile resistere, la battuta esce da un convegno pubblico ma riservato…


  • PROSPETTIVA VENSKI – PODCAST N°1 – GELO

    I libri da leggere almeno due volte nella vita


  • ANALFABETISMO E DISINFORMAZIONE

    UNA PARTITA FORSE EUROPEA


  • MIKE BONGIORNO, IL PARTIGIANO CHE FECE LA TV

    MIKE BONGIORNO, IL PARTIGIANO CHE FECE LA TV

    OGGI AVREBBE 100 ANNI Mike era nato negli Stati Uniti, da padre americano e da madre italiana. Quando Mike era un ragazzo, i genitori si separarono e lui seguì la mamma in Italia, dove lo colse la guerra: Mike, quando l’alleanza di Mussolini ci portò i tedeschi invasori in casa, entrò nella Resistenza. Fu catturato…