CIÒ CHE LE SINISTRE DOVREBBERO IMPARARE DALLE DESTRE

GIUSEPPE SCALETTA

Le destre urlano “Dio, Patria e Famiglia!”, e il tassello che rende loro così forti e così deboli le sinistre è proprio Dio. Sia le destre che le sinistre riconoscono l’importanza della patria e della famiglia, lo scontro politico, infatti, è su come questi due termini debbano essere coniugati, ovvero su cosa debbano significare e come questi valori debbano essere perseguiti. Famiglia arcobaleno, famiglie “tradizionali”, supporto alle famiglie così, supporto alle famiglie colà. Identità nazionale, sovranismo, particolarismo politico, questione meridionale, il ponte sì, il ponte no, la farina di instetti sì, la farina di insetti no. Ma Dio?

Solo le destre riconoscono a Dio un valore politico, le sinistre se ne sono completamente, felicemente e a mio giudizio stupidamente, disinteressate. E oggi ci lamentiamo, straniti, che le sinistre siano diventate intellettualistiche, elitarie, snob e donabbondianamente latinorumistiche.

Ma facciamo un passo indietro. Perché le destre riconoscono, a ragione, l’importanza di Dio? Perché sono costellate di persone sante e pie? Perché Dio è l’oppio dei populisti? O ancora, perché i cattolici in Italia sono tanti e servono i loro voti? Nessuna di queste domande ha capito che cosa sia Dio. Commetteremmo un errore se confondessimo il Dio di “Dio, Patria e Famiglia” con il Dio della Bibbia, del catechismo cattolico. Quel Dio è semplicemente un front men che la destra, per mancanza di fantasia probabilmente, ha chiesto in prestito dal cattolicesimo ma nulla di più. Il vero nome di quel Dio è “Rito”.

Il Dio che rende forti le destre non è il signore con la barba bianca a cui pregano, non è Salvini con il crocefisso; è la commemorazione di Acca Larenzia, è la beatificazione di Giorgio Almirante, la Pasqua di Atreju, la crociata agli e alle influencer. Sono questi riti a rendere le destre radicate, riconoscibili, comprensibili. A differenza delle sinistre, le destre sono sempre riuscite a costruire una religione (in)civile.

Maurizio Crozza, intervistando Checco Zalone che interpretava un politico di destra, chiese quale fosse il principale difetto della sinistra. La risposta fu: “l’incapibilità, […] non è che non siamo d’accordo con loro…è che quando parlano non ci capiamo un cazzo!”.

Il rito assolve proprio questo compito. Le sinistre lo snobbano stupidamente, lo considerano una strategia populista che cattura solo le pance della gente. Ma sbaglia. Ha confuso il laicismo con l’anticlericalismo, ha buttato il bambino con l’acqua sporca. Il rito serve proprio a essere compresi, a essere riconosciuti e a riconoscersi, a formarsi. Certo i riti possono essere superati, modificati, sostituiti, ma sempre con altri riti. Altrimenti accade ciò che è accaduto alle scorse elezioni. L’unica cosa che le sinistre riuscivano a dire alle campagne elettorali era che non erano destre e che le destre sbagliavano. Poco o nulla sulla loro identità.

In questo le sinistre non sono sicuramente aiutate dal contesto che da tempo è sempre più secolarizzato, disincantato. A confermare ciò sono i lamenti delle destre di fronte all’attacco culturale che stanno subendo. Io penso abbiano ragione quando dicono che i loro valori siano sotto attacco, semplicemente non sono solo i loro. Ogni valore è sotto attacco, ma sembra che siano gli unici ad accorgersene e a lamentarsene. Non stiamo vivendo a una crisi politica, stiamo vivendo la crisi del concetto di valore.

Ma se le destre continuano a lottare per i loro, noi sinistre siamo felicemente inconsapevoli di star applaudendo la nostra rovina.

Le sinistre italiane almeno sono fieramente singolariste, abbiamo prodotto una rivendicazione di diritti completamente ripulita da ogni lotta per i valori, e ci sorprendiamo che le persone non votano e chi vota sceglie le destre. Le sinistre non sono in crisi, questo presupporrebbe che almeno fossero consapevoli della crisi. Le sinistre sono cieche, semplicemente stupite di perdere.

Alle sinistre manca Dio, il nostro pensiero debole lo ha scacciato e ci siamo illusi che liberi significasse anche liberi di riti e valori. Da persona di sinistra vorrei un catechismo laico in cui la Costituzione fosse la nostra Bibbia. Vorrei la beatificazione di Mazzini, la commemorazione di Matteotti.
Vorrei una religione civile alla greca maniera però perché, se la destra ha una religione monoteistica e intollerante, io vorrei una religione civile politeistica.
In cui Mazzini e Gaber possano litigare uno a fianco all’altro nella vetrata della stessa cattedrale italiana.


SEGNALIAMO

  • CIPRO

    Il delicato incontro tra occidente e oriente La leggenda racconta che Afrodite, Dea greca dell’amore, della bellezza, dell’eros, nacque dalla schiuma del mare proprio qui, lungo le coste di questa piccola isola, rincantucciata nella parte più estrema del mediterraneo orientale. Il posto, Petra tou Romiou, indipendentemente dal significato mitologico, è molto bello: da una parte…


  • UN GIORNO DI VACANZA SCOLASTICA PER IL RAMADAN INDIGNA IL GOVERNO

    Nel calendario islamico, il Ramadan è il nono mese dell’anno, di 29 o 30 giorni, in base alle fasi della luna crescente e nell’anno in corso si conclude il 10 aprile. Questo mese in cui si pratica il digiuno, in commemorazione della prima rivelazione del Corano a Maometto, termina con grandi festeggiamenti a cui partecipa…


  • IL CIVISMO E  GLI ORATORI: E DON BOSCO?

    IL CIVISMO E  GLI ORATORI: E DON BOSCO?

    Interessante constatare che Don Bosco con i suoi oratori gestiva opere educative per i giovani per educarli ad  essere onesti e capaci lavoratori per avere un uso intelligente del tempo libero come interpreti ed operatori del comune senso civico .


  • MA ESISTE IL MALE?

    MA ESISTE IL MALE?

    Si tratta di una questione che ci trasciniamo dietro da millenni. Di fatto dalla sconfitta del politeismo. Quella dottrina aveva il vantaggio di riferirsi a un universo in cui le molte Divinità non erano necessariamente buone o giuste. Anzi, esse portavano con sé tutti i difetti e le cose brutte degli uomini, giustificando in tal…


  • PACEM IN TERRIS

    PACEM IN TERRIS

    La Pacem in Terris introdusse novità rinnovatrici per il magistero della Chiesa: l’inaugurazione di un nuovo modo di comunicare, nel senso dei destinatari del messaggio;


  • LA PACE FREDDA

    LA PACE FREDDA

    Di qui, anche la polemica, mai spenta, sui silenzi e i dilemmi di Pio XII. La guerra, finalmente, era finita. Essa aveva accumulato un caos di rovine, materiali e morali. Bisognava, da quel momento, riedificare il mondo. Il primo elemento della restaurazione sarebbe dovuto essere il ritorno a casa, pronto e rapido, di tutti i…


  • NOI, TUTTI EBREI

    NOI, TUTTI EBREI

    NOI, TUTTI EBREI Attorno alla tragica vicenda storica che, ancora una volta, coinvolge il Medio Oriente si va disseminando una sequela di approssimazioni, opinioni in libertà, opinioni teleguidate, fantasticherie innocenti o non. La densità di questo fiorire non deve stupire. È, purtroppo, un fenomeno ricorrente nei confronti sia del Popolo Ebraico che dello Stato d’Israele.…


  • NELL’ALBA E NELLA LUCE

    Per tutelare l’umanità da questo pericolo, sarebbe stato necessario procedere ad una limitazione progressiva e adeguata degli armamenti.


  • SANTA SUBITO


  • JESUS IS PALESTINIAN

    JESUS IS PALESTINIAN

    POLIS NOVARA Lo scandalo risiede nelle stragi di civili a Gaza e nell’attentato, non nel presepe di Luvol. L’artista fa giustamente il suo mestiere. E lo fa molto bene dal momento che l’installazione con il gesuita ucciso dalle pallottole viene rimossa in poche ore. Non è infatti un caso che tutta la città ne abbia…



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (30) ambiente (29) amministrazione (21) arte (60) cinema (38) civismo (44) comunismo (22) cultura (312) democrazia (34) economia (69) elezioni (44) energia (17) europa (36) fascismo (26) filosofia (24) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (25) guerra (74) intelligenza artificiale (25) italia (31) lavoro (38) letteratura (36) mario pacelli (30) media (58) milano (19) musica (110) napoli (20) politica (335) potere (187) rappresentazione (20) religione (22) roma (23) russia (21) salute (62) satira (20) scienza (20) scuola (27) seconda guerra mondiale (45) sinistra (18) società (351) stefano rolando (31) storia (39) teatro (27) tecnologia (20) televisione (32) tradizione (27) ucraina (34) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI