AUTONOMOUS STORE 

IL RINOCERONTE

Il primo “autonomous store” italiano, cashierless, cioè senza casse, si chiama Tuday ed è stato inaugurato a Verona qualche giorno fa. Si ispira ai negozi totalmente digitali, senza casse e senza cassieri, di Amazon negli Stati Uniti o quelli di Tesco a Londra. A Verona però, diversamente dai supermercati Amazon in cui si accede e si paga solo tramite app, si possono usare anche le carte di credito di debito. 

Tuday è l’ultimo progetto di Conad, con la collaborazione della cooperativa Dao e la partnership tecnologica per i pagamenti invisibili della paytech Nexi. Retail Hub è infine il gruppo che ha sviluppato la tecnologia per far funzionare il negozio, messa a punto dalla start up portoghese Sensei.

Lo store funziona in questo modo. Dal momento in cui il cliente entra, viene seguito dalle telecamere sparse in tutto il supermercato con una “tecnologia computer vision”: intelligenza artificiale, occhi elettronici e sensori posizionati sugli scaffali. Le telecamere osservano e registrano ogni prodotto che i clienti prendono, e sugli scaffali sono posizionati sensori che rilevano il cambio di peso ogni volta che un alimento viene prelevato. 

In pratica si entra e si scelgono i prodotti, si mettono nella borsa, o nello zaino e si va nell’area del pagamento, dove telecamere e bilance intelligenti “leggono” la spesa fatta. Il cliente vede gli acquisti fatti, paga con carta o con l’app e se ne va. Per la cronaca l’app si chiama “Tuday Prendi & Vai”, registra anagrafiche e abitudini di anagrafiche senzienti, meglio di un fidelity card.

Tuday è cashierless, ma non workless, non ci sono i cassieri ma restano i lavoratori, addetti agli scaffali e all’assistenza dei clienti, un pò come avviene oggi negli store che hanno casse self service. Del resto, come proprio Amazon insegna con i suoi magazzini altamente automatizzati, la sostituzione del lavoro umano con la macchina è possibile solo su una parte dei processi, non sull’intero processo.
Per ora almeno. Nel frattempo lo sforzo di estendere la sostituzione di lavoratori con macchine super intelligenti indebolisce sempre di più il lavoratore, che essendo potenzialmente sostituibile vale sempre di meno…. 


SEGNALIAMO

  • WORKING POOR E GRANDI DIMISSIONI

    WORKING POOR E GRANDI DIMISSIONI

    È da 30 anni (TRENTA) che in Italia non aumentano gli stipendi. Aumenta solo il numero di lavoratori poveri, di part time involontari, di contratti a tempo determinato e aumenta il livello di disuguaglianza tra i ricchi sempre meno e sempre più ricchi e i poveri, sempre più numerosi e sempre più poveri. Sappiamo che…

    SCOPRI


  • IL COLORE DELL’8 MARZO

    IL COLORE DELL’8 MARZO

    Qual’è il colore dell’8 marzo?Il giallo, quello della mimosa, che quest’anno va a ruba per colpa della siccità, a sentire Coldiretti Vicenza «Una mimosa su tre è andata persa», quindi cari maschi, se volete fare i galanti fate attenzione al prezzo e al mercato nero (esiste anche il metta nero dei fiori, da sempre). Nel…

    SCOPRI


  • POVERO RE, E POVERO ANCHE IL CAVALLO

    POVERO RE, E POVERO ANCHE IL CAVALLO

    Il mercato del lavoro è diventato dinamico, per non dire irrequieto: il 46,7% degli lavoratori italiani inoltre lascerebbe l’attuale lavoro e il 64,4% degli occupati dichiara di lavorare solo per guadagnare i soldi necessari per vivere o fare le cose che piacciono, senza altre motivazioni esistenziali. Questo vale in particolare per il 69,7% dei giovani…

    SCOPRI


  • UGUAGLIANZA, OPPORTUNITÁ E CAPACITÁ

    L’idea stessa che i redditi da lavoro siano insufficienti obbliga a ripensare tanto alle povertà in tutte lo loro dimensioni quanto alle disuguaglianze, non solo in termini di accettabilità ed equità sociale, ma anche in funzione del rapporto tra quello che si spende e i risultati che si ottengono. Una questione di politiche e di…

    SCOPRI


  • UNO SCIOPERO CONTRO IL LAVORO

    In molti casi i lavoratori scioperano per non perdere il lavoro, mentre questa volta in Francia i lavoratori scioperano per smettere di lavorare, forse perché nel paese la piena occupazione é garantita. Mentre ero a Lille, una cittá di 230.000 abitanti equidistante tra le vicine Parigi e Bruxelles, mi sono imbattuto in una delle tante dimostrazioni contro…

    SCOPRI


  • LAVORO, ALLARME GRANDI DIMISSIONI VOLONTARIE DI GIOVANI NOMADI GLOBALI

    La fuga post pandemica dal posto di lavoro rappresenta la vera sfida per le aziende che vogliono cambiare ed attrezzarsi in tempo utile per attrarre talenti e trattenere i propri dipendenti. Calo demografico Negli ultimi 5 anni la popolazione italiana in età di lavoro (16-64 anni) è diminuita di 753 mila unità a causa del…

    SCOPRI


  • Il CIVISMO D’AZIENDA NELL’IMPRESA SOCIALE

    La sussidiarietà aziendale (filiera sussidiaria) è presupposto della sussidiarietà perché, a fronte dell’aziendalizzazione della pubblica amministrazione, si prospetta una integrazione di tipo aziendale con il privato non-profit e profit; un insieme di aziende private che strutturano una “partnership” con le aziende pubbliche sui risultati aziendali finalizzati al bene comune.  

    SCOPRI


  • QUANDO I “DIPENDENTI” DIVENTANO “PADRONI”!

    Leggendo i giornali economici e le pagine economiche dei giornali nonché vedendo alcune trasmissioni televisive e i social si innalza una sorta di “peana” dei risultati positivi delle imprese. E’ notizia quotidiana leggere o sentire di incrementi di fatturati, di dividendi con un EBITDA (Erning Before Interest Taxes Depreciation and Amortisation-Margine Operativo Lordo) sempre positivo.    Mentre tutto questo avviene sono aperti…

    SCOPRI


  • LE IMPRESE “ABITANO” IL TERRITORIO

    “Abitare il territorio” è un concetto interpretabile sotto vari aspetti: urbanistico, sociologico, antropologico, demografico, etologico, ma anche in termini economico aziendali.  Cercherò di declinare “abitare [dal lat. habitare, propr. «tenere», frequent. di habere «avere»] il territorio (dal lat. territorium, der. di terra)” come rapporto fra le imprese-aziende ed il territorio in logica di responsabilità sociale e quindi, per approccio economico…

    SCOPRI


  • LA GENERAZIONE Z-Gen Z E L’IMPRESA SOCIALE DOVE NON SENTIRSI “SBAGLIATI”

    Essi sono attenti e critici sulle narrazioni manipolanti e basano i propri sogni su una realtà sedimentata. Il portfolio prodotti -servizi delle imprese deve trasmettere valore sia economico sia di soddisfazione e valore sociale. Per la Gen Z lo scopo -purpose dell’impresa deve irradiarsi da noi: aiuta a sbloccare il tuo pieno potenziale ed entrare…

    SCOPRI



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (30) ambiente (29) amministrazione (21) arte (60) cinema (38) civismo (44) comunismo (22) cultura (312) democrazia (34) economia (69) elezioni (44) energia (17) europa (36) fascismo (26) filosofia (24) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (25) guerra (76) intelligenza artificiale (25) italia (31) lavoro (38) letteratura (36) mario pacelli (30) media (58) milano (19) musica (110) napoli (20) politica (337) potere (189) rappresentazione (20) religione (22) roma (23) russia (21) salute (62) satira (20) scienza (20) scuola (27) seconda guerra mondiale (45) sinistra (18) società (352) stefano rolando (31) storia (39) teatro (27) tecnologia (20) televisione (32) tradizione (27) ucraina (34) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI