ALBA RENAI

Alba Renai, 24 anni, madrilena, è la nuova conduttrice di “Superviventes”, la versione spagnola dell’isola dei famosi.

Un curriculum da modella, partecipazioni ad eventi importanti, settimana a della moda a Milano, GENZ PRO e altre simili, una collaborazione con brand del calibro di ZARA e ALPRO.

La ragazza cavalca il momento, “questi mesi sono stati una montagna russa di emozioni ed esperienze”, dichiara con naturalezza.

Alba è bellissima, intelligentissima e ha le idee chiare. Troppo bella e intelligente per essere vera. Alba però ha un’arma in più ed un potere da supereroe, perché non fa parte del genere umano, Alba è un prodotto dell’intelligenza artificiale, appartiene al mondo virtuale e ha una missione nella vita «Sono consapevole della mia natura virtuale e, per questo, voglio guidare un movimento per un’IA trasparente e responsabile. Credo di poter avere una voce generando contenuti che ispirino e intrattengano il mio pubblico».

Nella speciale classifica tra le influencer digitali per numero di seguaci al primo posto c’è Lil Miquela, americana con 2,6 milioni da fan. Miquela è nata nel 2016, è una musicista è ha pubblicato diversi brani singoli. Molto attiva nel campo dei diritti civili, un suo post vale migliaia di Euro, per la gioia del suo creator ormai milionario.

In Italia c’è Rebecca Galani, 19 anni, modella, classe 2023, 15.000 followers su Instagram, in Spagna Aitana Lopez, 301 mila followers. Nel fantastico mondo delle influencer virtuali ci sono poi storie incredibili, tipo quella di Emily Pellegrini, una che ha fatto girare la testa a molti vip e calciatori che non avendo capito la vera natura digitale della ragazza avevano tentato un corteggiamento con annesso invito a cena, naturalmente andato a vuoto.

Queste influencer create dall’intelligenza artificiale sono arrivate a pesare quanto le colleghe reali, facendo guadagnare ai loro creatori grandi somme di denaro.

Le nuove star virtuali del social hanno naturalmente un fisico statuario, un sacco di fans e cachet notevoli. Partecipano ad eventi e fanno le modelle. E in alcuni casi anche le conduttrici televisive.

Siamo all’ennesimo up-grade della tecnologia e del digitale, due strumenti con cui stiamo costruendo ambienti nuovi e spazi fantastici che hanno ormai urgente necessità di regole, lessico e galateo, oltre che di un piano regolatore generale, visto che nell’infosfera lo spazio virtuale e quello reale tendono a confondersi. Questa dinamica è molto evidente nel mondo della comunicazione e del media. Le influencer create con la realtà aumentata non sono una novità, ne stupisce più ormai il livello di perfezione con cui il virtuale assomiglia al reale.

La cosa nuova semmai sta nelle dichiarazioni che le influencer fanno o nelle cause civili che promuovono. Una versione di IA bella buona e consapevole che inquieta come e più degli eroi cattivi (cattivi?) di Blade Runner o gli Smith di Matrix.


SEGNALIAMO

  • L’IA E LE CONSEGUENZE DI GENERE

    L’IA E LE CONSEGUENZE DI GENERE

    Il caso Taylor Swift smuove l’attenzione pubblica MARTINA BASILE Con il termine intelligenza artificiale (IA) ci si riferisce a quella capacità di una macchina di simulare dei ragionamenti e pensieri umani. È uno strumento che, se utilizzato in maniera ottimale, può garantire dei vantaggi tecnologici non indifferenti. A generare un argomento di dibattito sono proprio i suoi…


  • Chat GPT L’intelligenza artificiale è politicamente corretta?

    Chat GPT L’intelligenza artificiale è politicamente corretta?

    “L’intelligenza artificiale è politicamente corretta?”. Risponde Chat GPT


  • DOVE SIAMO? DOVE ANDREMO? CHI COMANDA?

    Educare all’intelligenza artificiale Il 25 marzo mi è stato gentilmente richiesto di parlare di intelligenza artificiale ai ragazzi del triennio della scuola dove insegno (una scuola grande che comprende vari indirizzi dell’istituto tecnico industriale, il geometra e il professionale a indirizzo moda). L’idea centrale intorno alla quale ho costruito la mia relazione è stata quella…


  • ALBA RENAI

    ALBA RENAI

    La ragazza cavalca il momento, “questi mesi sono stati una montagna russa di emozioni ed esperienze”, dichiara con naturalezza.


  • L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE

    L’Intelligenza Artificiale (AI, Artificial Intelligence) è una tecnologia informatica che rivoluziona il modo con cui l’uomo interagisce con la macchina e le macchine tra di loro e questo come processo attraverso cui le macchine e i sistemi informatici simulano i processi dell’Intelligenza Umana. Le applicazioni specifiche dell’IA includono alcuni necessari sistemi come l’elaborazione del linguaggio naturale,…


  • CARA AFFETTUOSA AMICA, 

    Alla domanda che mi facevi, se i nuovi sistemi di Intelligenza artificiale siano a no utili per l’insegnamento ai ragazzi delle scuole superiori, ti rispondo che ogni fattore di sviluppo è utile all’uomo tenendo in mente una delle massime buddiste che Richard Feynman riporta nel suo libro Il senso delle cose: ad ogni uomo è data la…


  • AGRICOLTURA E INTELLIGENZA ARTIFICIALE: INCONTRO DIFFICILE.

    C’è però un limite a tutto questo ed è costituito dai dati necessari all’apprendimento da parte dell’AI. In altre parole, una macchina per riconoscere ad esempio un cappello o qualcos’altro, ha bisogno di essere istruita con milioni di immagini raffiguranti cappelli.


  • INTELLIGENZA E IMMAGINARIO ARTIFICIALE

    INTELLIGENZA E IMMAGINARIO ARTIFICIALE

    Il punto è che il reale non esiste, in quanto per la specie umana, che è una specie narrativa – ovvero che inventa storie su se stessa e ci crede -, non è possibile specificarlo. E per generare una narrativa utilizziamo l’immaginazione, una caratteristica di cui paradossalmente la nostra scuola dell’obbligo ci lascia del tutto…


  • NON BASTERA’ UN’IA PER SALVARE IL LAVORO

    NON BASTERA’ UN’IA PER SALVARE IL LAVORO

    DAVIDE CUNEO L’Italia ha da anni ormai una conclamata penuria di lavoratori. In particolare in alcuni settori, che spaziano dalla programmazione alla macelleria, trovare dipendenti è estremamente difficile. E andrà sempre peggio; tra meno di 10 anni mancheranno oltre 2,5 milioni di lavoratori per rimpiazzare la generazione dei baby boomers, prossima ormai alla pensione. Ciò…


  • LAVORO, INTELLIGENZA ARTIFICIALE E SVILUPPO UMANO

    LAVORO, INTELLIGENZA ARTIFICIALE E SVILUPPO UMANO

    È il Marx di Salario, Prezzo e Profitto che ci ricorda che, per quanto importante sia lavorare politicamente e socialmente per “aumentare la paga e ridurre l’orario”, la lotta del mondo del lavoro salariato sarà sempre quella del suo superamento della condizione salariata e subalterna, per “riprendere nelle proprie mani il proprio destino individuale”.