LA ROTTURA DELL’ORDINE POLITICO …

e il ritorno allo “Stato di natura”

La politica come scienza filosofico-sociologica parte settima

Un altro approfondimento sul concetto di ordine politico, che non è paragonabile al gioco dello shangai, dove lo spostamento di un’asticella in bilico fa crollare tutto il labile castello costruito con le altre asticelle. Pur nel suo equilibrio dinamico, la sua struttura flessibile regge perché e finché può contare sulla condivisione e “comunicazione” di alcuni princìpi e valori di fondo, che garantiscono questa struttura e quell’equilibrio (e, perciò, la tenuta complessiva del “sistema politico”). Condivisione e comunicazione che, a loro volta, si riflettono nelle leggi e che più in generale trovano espressione nel linguaggio politico, tanto vero che, per dirla con Joseph de Maistre: “Ogni degradazione individuale o nazionale è immediatamente annunciata da una degradazione rigorosamente proporzionale del linguaggio”.

Quando questo si deteriora, quando le leggi si trasformano e si riducono a pure convenzioni senza radici nella società (per le quali ubi societas, ibi ius), a pure regole formali, anzi formalistiche, e il conflittualismo e la lotta politica si traducono, dapprima nella vuota retorica e diatriba verbale, poi nell’insulto e nel disprezzo dell’avversario, la politica non è più in grado di assolvere al suo compito di ordine né l’ordinamento giuridico di garantirlo.

A questo punto viene meno quello spirito “civile” che, nella storia politica (e del pensiero politico), ha assunto vari nomi ma concettualmente simili: amicitia (per gli antichi, con significato originariamente “civile”, si ricordi Platone, Leggi, 739c: “Davvero comuni sono le cose degli amici”, cui fa eco Cicerone, Laelius. De amicitia, 4, che la definisce omnium divinarum humanorumque rerum cum benevolentia et caritate consensio); “amore” (a partire dal cristianesimo), e quindi “fraternità”, quale espressione di libertà e uguaglianza degli uomini-cittadini: amore che storicamente e concretamente si è via via coniugato quale sentimento di condivisione che teneva unito culturalmente un popolo stanziato su un territorio, con la patria, con la nazione, e così via.

A mano a mano che questi sentimenti “culturali” – naturalmente sempre combinati con l’interesse del suddito/cittadino, cioè col fattore economico – si sono progressivamente ridotti all’elemento puramente utilitario e che, quindi, la politica si è “economizzata” e la società politica/Stato si è risolta nella società economica/mercato, l’amicizia/amore civile, perdendo il proprio peso specifico, si sono ridotti all’interesse economico tout court: a questo punto, la vita civile si risolve e si dissolve nella vita privata con l’estenuazione della vita politica.

La riduzione “privatistica” della società sconfina, allora, nello “stato di natura” (come già si è fatto notare), sia pure uno stato di natura economico/utilitario e, quindi, artificiale, perdendo il suo carattere “pubblico” che fa di un insieme di individui un popolo (nelle varie accezioni via via storicamente acquisite) con valori e princìpi comuni, con scopi comuni.

Non tenendo e non contenendo, non controllando, perciò, la società “privata” – cui garantire il libero svolgimento dei rapporti umani – il conflittualismo sociale e la lotta politica si scatenano e così si viene preparando, appunto, una specie di ritorno allo “stato di natura” e tutto deve ricominciare da capo: la ricomposizione di un nuovo ordine su nuove basi che rinnovano l’eterno miracolo della politica, l’ordine/ ordinamento recuperato attraverso la riscoperta della “comunicazione” interrotta, dell’amicizia/amore civile, così felicemente espressa dal filosofo contemporaneo Jacques Maritain: “La società, la sua vita, la sua pace non possono sussistere senza l’amicizia (l’amicizia civile), che è la forza animatrice della società”, motivo che risale al pensiero classico-antico: “Riteniamo che la concordia è il più grande bene degli Stati, la cui unità è opera dell’amicizia” (Aristotele, Politica, 1262b, 14-15) “la quale, in quanto amicizia civile o politica, si fonda sul bene dell’altro” (Id., Etica Nicomachea, VIII, I-VI, 1155-1158b) e perciò – si è appena detto – si definisce anche come benevolenza (eunomia) e come concordia (homonoia).


SEGNALIAMO

  • Vertice europeo, “consiglio di guerra”, battaglie di parole fra divisioni e impotenze

    Vertice europeo, “consiglio di guerra”, battaglie di parole fra divisioni e impotenze

    I capi di Stato e di governo dei Paesi dell’Unione europea discutono dei conflitti e della politica europea di sicurezza e di difesa.


  • Verso le ‘nomination’ di Biden e Trump nella Corsa alla Casa Bianca

    Verso le ‘nomination’ di Biden e Trump nella Corsa alla Casa Bianca

    Giampiero Gramaglia ripercorre per Democrazia futura l’ultima intensa e del tutto probabilmente decisiva settimana elettorale oltre oceano di elezioni primarie.


  • VENICE

    VENICE

    Le polemiche sul «fascismo di pietra» sono paragonabili ad un fiume carsico. Riaffiorano quando meno te l’aspetti. Nel 2017, ad esempio, la storica Ruth Ben-Ghiat, italianista della New York University, vergò un articolo grondante fiele. Lamentava la presenza di troppe e ingombranti tracce del passato fascista. Defascistizzare il panorama. La vibrata indignazione l’aveva affidata alle…


  • UTOPIA VS REALISMO O VICEVERSA?

    UTOPIA VS REALISMO O VICEVERSA?

    FRANCO RAIMONDO BARBABELLA Utopia vs realismo o viceversa? Insomma, ci dobbiamo arrendere a quel che passa il presente o si può ancora progettare il futuro? Forse non è scandalosa una risposta razionalmente ottimistica, anche per l’Italia. Mentre mi pare scontato che nessuno definirà la nostra “epoca dell’utopia”, mi chiedo se è davvero più convincente definirla…


  • UNO SCIOPERO CONTRO IL LAVORO

    In molti casi i lavoratori scioperano per non perdere il lavoro, mentre questa volta in Francia i lavoratori scioperano per smettere di lavorare, forse perché nel paese la piena occupazione é garantita. Mentre ero a Lille, una cittá di 230.000 abitanti equidistante tra le vicine Parigi e Bruxelles, mi sono imbattuto in una delle tante dimostrazioni contro…


  • UNA SFIDA AFFASCINANTE

    UNA SFIDA AFFASCINANTE

    Le liste civiche rappresentano una sfida affascinante nel panorama politico attuale, che cerca di bilanciare il cambiamento con la conservazione dei valori fondamentali. Nel passato, i partiti tradizionali hanno spesso deluso le aspettative, dimostrando di essere impantanati nella storia e incapaci di adattarsi alle esigenze attuali e future. Questo fatto spiega il motivo per cui…


  • UNA RIFORMA DEVE ESSERE GRANDE O NON È

    CLAUDIO SIGNORILE “Una riforma deve essere grande o non è” è il titolo di un articolo di Claudio Signorile che partendo dalla storia della Repubblica italiana ripropone il tema ormai classico dei destini dell’Europa. Il tema è oggi di particolare attualità nel contesto delle tensioni geopolitiche mondiali che potrebbero dare vita a nuovi equilibri e…


  • UNA NUOVA SPERANZA

    UNA NUOVA SPERANZA

    La verità è che una volta realizzato il welfare la sinistra non ha avuto più nulla da proporre.


  • Una guerra o una simulazione concordata alla moviola?

    Una guerra o una simulazione concordata alla moviola?

    Abbiamo assistito ad una guerra al rallentatore, alla moviola, in cui i commentatori aspettavano l’arrivo dei droni lanciati dagli iraniani che ci avrebbero messo nove ore per raggiungere Israele.


  • UNA EREDITÀ FASCISTA ESISTE DAVVERO?

    UNA EREDITÀ FASCISTA ESISTE DAVVERO?

    Fascismo e monarchia a braccetto, una diarchia efficientemente espressa dal conferimento ad entrambi, dopo la guerra di Etiopia, del titolo di “Maresciallo dell’Impero”: avanti insieme per la strada della soppressione di ogni spazio di libertà individuale intesa come pericolo per il monolitismo dello Stato fascista, via alle polizie speciali ed ai Tribunali speciali per la…