POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDO

L’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E dal 2025 si parte con la differenziata del tessile, una massa di rifiuti da discarica che oggi costituisce un problema sempre più serio.

All’interno del palinsesto di Ecomondo, nell’area dedicata al Textile District, è stato presentato il Quaderno Tessile 2023, nel corso dell’incontro intitolato “Ecodesign, EPR, riciclo. Roadmap per un tessile circolare”. Il fashion trash ed usa e getta galleggia sui mari assieme alle isole di plastica, il tutto mentre le grandi case di moda tentano la via della sostenibili e del green, che, non ce ne voglia nessuno, sa molto di green washing.

Qualche numero: la filiera del tessile è responsabile del 10% delle emissioni globali di carbonio, consuma circa 93 miliardi di metri cubi di acqua nella sola produzione e scarica nei mari circa 500.000 tonnellate di microfibre. Numeri impressionanti, e costantemente in aumento i questi ultimi anni.

Tra il 2015 e il 2020 la produzione di prodotti tessili è quasi raddoppiata e il consumo di capi e di abbigliamento secondo le previsioni dovrebbe crescere del 63% entro il 2030. 

L’industria della moda rappresenta uno dei settori a più alto impatto ambientale. Ed è anche uno dei importanti nell’economia europea, con oltre 400 mila realtà produttive e miliardi di euro di fatturato.

Nell’industria tessile inoltre si usano prodotti chimici inquinanti che rendono difficile il riciclo di materia prima, e le fibre naturali diventano di conseguenza sempre più care e sempre più rare, a fronte di una produzione di indumenti che genera una grande quantità di rifiuti tessili lungo le catene di fornitura ma anche a livello industriale e consumer. 

La rivoluzione green invece potrebbe essere quella che si indossa, basterebbe cambiare il modo di consumare. O comperare meno e meglio, magari sperando che i prodotti fatti con criteri meno impattanti abbiano un costo ragionevole, accompagnando lo sforzo dei grandi brand alla ricerca di fibre riciclabili e processi di produzione più puliti.

Ad Ecomondo si è fatto il punto sulle strategie future. Considerando che dal 2025 entrerà in vigore l’obbligo di raccolta differenziata per i prodotti tessili occorrerà investire nei sistemi di raccolta differenziata, di cernita, di riutilizzo e di riciclo. Ed in questo investimento saranno direttamente coinvolte le aziende produttrici.

In questo scenario, le due parole chiave della riconversione green della moda sono la riciclabilità dei capi e l’educazione al consumo sostenibile.

Oggi solo l’1% degli scarti tessili sono riutilizzati, e l´85% della produzione finisce in discarica

L’educazione di tutti gli stakeholder infine diventa un catalizzatore importante di questo processo, per coinvolgere non solo la produzione e la distribuzione ma anche i consumatori che, con le proprie scelte d’acquisto, hanno un ruolo estremamente importante nell’orientare l’industria.


SEGNALIAMO

  • I TRENI DI ASSUNTA

    I TRENI DI ASSUNTA

    ALDO DI RUSSO Non fatevi ingannare dal titolo. Assunta era mia nonna, ma non possedeva treni, figuriamoci! Avete presente una donna del sud come l’avete vista sempre nelle fotografie dei servizi sulla antropologia dei nostri anni sessanta?Bene, quella era la nonna Assunta, per me unica e speciale, ma allo stesso tempo, uguale a tutte le…

    SCOPRI


  • INTERVISTA A FRANCESCA STRATICO’

    INTERVISTA A FRANCESCA STRATICO’

    Una leadership condivisa, per combattere l’eccessiva personalizzazione dei partiti. Sarà affiancata infatti da Laura Specchio, professionista milanese e già capogruppo di Alleanza Civica e Presidente della Commissione Lavoro e Sviluppo Economico della Giunta Sala e Andrea Fora, imprenditore sociale e consigliere regionale in Umbria, dove guida il movimento politico Civici per, i quali si succederanno,…

    SCOPRI


  • PER UNA ECONOMIA LOCALE E CIRCOLARE

    I pro dei termovalorizzatori sono in primo luogo, la riduzione delle discariche, la produzione di energia non fossile, e la produzione di ceneri che possono essere raccolte e usate per produrre metalli (componente dei rifiuti non combustibile) e per l’edilizia (la cenere viene usata nell’impasto per produrre mattoni o malte cementizie).

    SCOPRI


  • LA FINANZA FOLGORATA SULLA VIA DI DAMASCO

    LA FINANZA FOLGORATA SULLA VIA DI DAMASCO

    La finanza folgorata sulla via di Damasco. Da chi? Anche da alcune Direttive che la Comunità europea ha emanato in questo ultimo decennio. Il pianeta implode sotto un clima ribelle; il sociale stenta a trovare la coesione; la governance istituzionale si polarizza: o troppo dirigista o troppo anarchica. La finanza deve fare la sua parte…

    SCOPRI


  • FUTURO – CULTURA – AMBIENTALISMO

    EMANUELA CASA DEL COLLETTIVO MELAINSANA Uno dei temi piu dibattuti nella società contemporanea di oggi è il tema dell’ambientalismo; molti, a più riprese, stanno cercando di far leva sui principali punti della crisi climatica, cercando in tutti i modi una strategia per porvi rimedio o anche solo per accettarla.Le domande che guidano questo articolo sono,…

    SCOPRI


  • LA BOTTIGLIA DI VINO È “SOSTENIBILE”?

    Ma ancora più significativa, dal punto di vista dei consumi di CO2, è un’altra battaglia che Walter sta conducendo fino al punto di proporre che la UE vieti l’utilizzo per i vini fermi di bottiglie di peso superiore ai 600 g.

    SCOPRI


  • QUALE 2024 CI ATTENDE?

    QUALE 2024 CI ATTENDE?

    Una connessione più robusta che conduca verso forme istituzionali imprenditoriali di investimento con orientamenti ESG (environment, sustainability, governance) e scelte strategiche attraverso CSR (corporate social responsibility)

    SCOPRI


  • EDILIZIA SOSTENIBILE: il “cavallo di Troia” finanziario

    EDILIZIA SOSTENIBILE: il “cavallo di Troia” finanziario

    In Italia la relazione fra il” comparto edilizia e costruzioni “e banche pesa il 50% degli investimenti fissi lordi di capitale. Però il settore delle costruzioni edili (dagli edifici alle grandi opere)rappresenta anche il processo industriale che influisce maggiormente sul carico inquinante dell’ambiente.Di conseguenza le azioni intraprese in edilizia assumono una rilevanza significativa per la sostenibilità…

    SCOPRI


  • LE AZIENDE CONTRO L’AMBIENTE ED IL SOCIALE cioè “no ESG”

    Il Wall Street Journal-WSJ,in un articolo del 9 Gennaio 2024, notizia la campagna di resistenza delle imprese al controllo ambientale e sociale del proprio business.   La sintesi è nel titolo: The Latest Dirty World in Corporate America:ESG”( L’ultima parolaccia nel mondo aziendale americano: ESG).   E’ una rivolta di un certo numero di leader aziendali che stanno…

    SCOPRI


  • LA PAZIENZA DEL CONSUMATORE (ELETTRICO)

    DANIELE FICHERA Come molti altri utenti sto subendo da qualche settimana il tambureggiante assalto degli operatori che per conto delle società elettriche promuovono le offerte di passaggio al mercato libero di chi è in regime di “maggior tutela”. In alcuni casi si arriva a praticare vera e propria “misinformazione” relativamente all’ obbligo e ai tempi…

    SCOPRI



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (30) ambiente (29) amministrazione (21) arte (60) cinema (38) civismo (44) comunismo (22) cultura (311) democrazia (34) economia (69) elezioni (43) energia (17) europa (36) fascismo (26) filosofia (24) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (25) guerra (74) intelligenza artificiale (25) italia (31) lavoro (38) letteratura (36) mario pacelli (30) media (58) milano (19) musica (110) napoli (20) politica (334) potere (187) rappresentazione (20) religione (22) roma (23) russia (21) salute (62) satira (20) scienza (20) scuola (27) seconda guerra mondiale (45) sinistra (18) società (351) stefano rolando (31) storia (39) teatro (27) tecnologia (20) televisione (32) tradizione (27) ucraina (34) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI