QUELLI DELLA DOMENICA

Nel 1967 nasce alla Rai di Milano un programma di varietà straordinario. Si chiama Quelli della Domenica e raccoglie quanto di meglio hanno proposto i cabaret di tutta Italia in fatto di comici. Il varietà diventa ben presto il punto di arrivo ed anche il punto di partenza verso una popolarità nazionale. Nelle tre edizioni che si sono susseguite, Quelli della Domenica fa conoscere ai telespettatori Cochi e Renato, Enrico Montesano, Pippo Franco, Pino Caruso, Ric e Gian e, soprattutto, Paolo Villaggio, a cui viene affidata la conduzione del programma.

Paolo Villaggio, prima di approdare in televisione, aveva lavorato per alcuni anni in un ufficio di una società siderurgica, dove aveva conosciuto e sperimentato quel mondo impiegatizio che diventerà la scena in cui vivono i suoi personaggi: Fantozzi; Fracchia ma anche la signora Pina, la moglie; Mariangela, la figlia che tutti scambiano per una bertuccia; Filini; la signorina Silvani; il direttore megagalattico che siede su poltrone di pelle umane; la contessa Serbelloni Mazzanti Vien dal Mar e tanti altri.

Villaggio ribaltò subito la figura del presentatore e instaurò – soprattutto attraverso il personaggio di Kranz, un prestigiatore tedesco, pasticcione ed anche un po’ sadico, a cui non riesce nessun esperimento – un rapporto conflittuale con il pubblico.

Il ragionier Ugo Fantozzi, prima di diventare uno straordinario personaggio della comicità slapstick moderna – quella della cadute e delle torte in faccia, per intenderci – sarà negli anni Settanta, una maschera italiana. Negli anni del boom e della grande trasformazione la maschera che ci aveva meglio rappresentato era stata quella di Alberto Sordi, dell’Italiano medio che si adatta ai tempi nuovi e cerca di sopravvivere. Fantozzi invece è l’individuo, il lavoratore medio (cioè l’impiegato), che viene stritolato dalla macchina burocratica, nel lavoro ma anche nella vita privata.

Questo personaggio nasce prima come personaggio letterario dalla penna di Paolo Villaggio e poi, prima di chiamarsi definitivamente Fantozzi per il cinema, in televisione si farà le ossa con il nome di Giandomenico Fracchia. Ma il carattere è lo stesso: pavido e vigliacco, letteralmente colto da paralisi di fronte ad un capoufficio dispotico – mirabilmente interpretato da Gianni Agus – scalognato e maldestro. La vittima designata del capitalismo imperante e delle sue logiche di potere.

Tutto il mondo di Fantozzi-Fracchia è costruito sull’iperbole. E come l’iperbole rappresenta la realtà in maniera esagerata e paradossale ma è proprio questa esagerazione che lo rende ridicolo e quindi comico. La vigliaccheria di Fracchia, l’incapacità di contraddire il capoufficio, viene giocata da Villaggio fino alle estreme conseguenze del paradosso, fino a far entrare il suo personaggio in una spirale autolesionistica da cui esce fuori sistematicamente distrutto.


SEGNALIAMO

  • IL CRISTALLO DELLA IMPRESENTABILITÁ

    IL BIGLIETTO DA VISITA DI STEFANO ROLANDO


  • LA VERITA’ FA BENE O FA MALE?

    LA VERITA’ FA BENE O FA MALE?

    Non possiamo neppure pensare che la battaglia per la salvezza del vero cinema possa integralmente ricadere sulle spalle degli autori e degli artisti che lo fanno.


  • MARIO RIVA E IL MUSICHIERE

    MARIO RIVA E IL MUSICHIERE

    Nella storia dei cambiamenti sociali e di costume del secolo scorso, Mario Riva conserva un posto speciale. Perché – insieme con Mike Bongiorno e il suo Lascia o raddoppia – fu tra i primi a rendere così popolare una trasmissione televisiva da indurre gli italiani, prima a riunirsi con la famiglia davanti al televisore il…


  • C’E’ SPETTACOLO E SPETTACOLO

    C’E’ SPETTACOLO E SPETTACOLO

    STEFANO TOROSSI “Gli spettacoli non sono più quelli di una volta!” Battuta da nonno davanti al televisore. Ci è quasi scappata dopo esserci sorbiti le troppo lunghe serate del Festival di Sanremo. Tranquilli, non abbiamo intenzione di lanciarci in una approfondita o superficiale analisi musicale o anche solo spettacolare del prodotto presentato quest’anno, in gara…


  • SAN REMO

    SAN REMO

    La prima sera, all’una e trenta, Fiorello era talmente spossato dalle canzoni e dall’attesa da faticare a carburare e cominciare la sua parte di spettacolo.


  • LUTTI PUBBLICI E PRIVATI

    LUTTI PUBBLICI E PRIVATI

    Riflessione breve sulle modalità di rappresentare il congedo dai nostri cari che ci lasciano. Sarebbe naturalmente un paese senza libertà quello che volesse uniformare i funerali, con omelie uguali da Stato etico ed estetico. Ma nella disuguaglianza, alcune vicende appaiono oggi ancora più disuguali. Pur con il naturale contenuto doloroso per famigliari e amici, per…


  • GIORGIO GABER

    GIORGIO GABER

    All’inizio degli anni Settanta c’è una svolta nella carriera di Giorgio Gaber. Mina gli fa scoprire il teatro, perché vanno in tournée insieme e Gaber scopre il contatto con il pubblico. “Facevo un’ora e un quarto per un pubblico che non era venuto per me, ma per Mina”. Mina faceva la seconda parte e nel…


  • LAURA

    LAURA


  • QUELLI DELLA DOMENICA

    QUELLI DELLA DOMENICA

    Villaggio ribaltò subito la figura del presentatore e instaurò – soprattutto attraverso il personaggio di Kranz, un prestigiatore tedesco, pasticcione ed anche un po’ sadico, a cui non riesce nessun esperimento – un rapporto conflittuale con il pubblico.


  • CINEMA: IL FIUME SOTTERRANEO

    CINEMA: IL FIUME SOTTERRANEO

    C’è un fiume sotterraneo di soldi statali che scorre continuamente e di cui nessuno si accorge , men che meno i giornalisti specializzati. Solo ieri ‘il fatto quotidiano’ ha dedicato un articolo alla signora Elkann, ma in concomitanza dei rinvii a giudizio dei fratelli Elkann per le note vicende ereditarie, delle quali evidententemente il capofila…



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (31) ambiente (29) amministrazione (21) arte (61) cinema (40) civismo (45) comunismo (22) cultura (326) democrazia (38) economia (72) elezioni (54) energia (17) europa (49) fascismo (27) filosofia (26) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (29) guerra (84) intelligenza artificiale (28) italia (35) lavoro (38) letteratura (38) mario pacelli (30) media (60) milano (19) musica (115) napoli (20) politica (360) potere (199) rappresentazione (21) religione (23) roma (23) russia (25) salute (65) satira (20) scienza (21) scuola (27) seconda guerra mondiale (47) sinistra (18) società (371) stefano rolando (31) storia (40) teatro (28) tecnologia (20) televisione (36) tradizione (27) ucraina (35) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI