LUTTI PUBBLICI E PRIVATI

Riflessione breve sulle modalità di rappresentare il congedo dai nostri cari che ci lasciano. Sarebbe naturalmente un paese senza libertà quello che volesse uniformare i funerali, con omelie uguali da Stato etico ed estetico.

Ma nella disuguaglianza, alcune vicende appaiono oggi ancora più disuguali. Pur con il naturale contenuto doloroso per famigliari e amici, per esempio la rappresentazione funebre che – soprattutto a Roma – riguarda i rappresentanti più simbolici del mondo dello spettacolo e della comunicazione. Tanto che Aldo Grasso parla di funerali che sono un continuum con i programmi televisivi dell’estinto e Francesco Merlo li racconta addirittura come “funerali felici”.

Sette milioni i telespettatori per il funerale di Maurizio Costanzo, due in più del capodanno televisivo di Amadeus, cinque in più della prima della Scala.


SEGNALIAMO


NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (31) ambiente (29) amministrazione (21) arte (61) cinema (40) civismo (45) comunismo (22) cultura (326) democrazia (38) economia (72) elezioni (54) energia (17) europa (49) fascismo (27) filosofia (26) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (29) guerra (84) intelligenza artificiale (28) italia (35) lavoro (38) letteratura (38) mario pacelli (30) media (60) milano (19) musica (115) napoli (20) politica (360) potere (199) rappresentazione (21) religione (23) roma (23) russia (25) salute (65) satira (20) scienza (21) scuola (27) seconda guerra mondiale (47) sinistra (18) società (371) stefano rolando (31) storia (40) teatro (28) tecnologia (20) televisione (36) tradizione (27) ucraina (35) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI