CARE CANEM

IL RINOCERONTE

La startup Domethics, attiva da anni nel campo della domotica, ovvero la scienza che si occupa della tecnologizzazione delle case e degli ambienti antropici in generale, sostenibile ha lanciato un nuovo prodotto: Carepet, una cuccia per cani dotata di sensori intelligenti in grado di tenere sotto controllo costantemente la salute del proprio cucciolo.

Questo strumento fornisce anche un report costantemente aggiornato attraverso un’app per smartphone e la possibilità di avvisare in tempo reale uno studio veterinario (per cui esiste peraltro un ulteriore prototipo di cuccia per monitorare i cani in degenza). L’idea è stata laminata in occasione di uno degli eventi più importanti a livello globale per l’innovazione, il CES di Las Vegas, in Nevada, cui partecipano alcune delle più promettenti menti dietro alle startup di ogni Paese, Italia inclusa. Ed è proprio dall’Italia che arriva una delle idee più inaspettate.

Che gli uomini amino profondamente i loro animali domestici non è certo una novità, nell’antica Roma, e nell’Antico Egitto i gatti erano tanto amati da essere considerati uno status symbol e meritare addirittura la mummificazione, un procedimento estremamente lungo, complesso e costoso, riservato ovviamente alla sola aristocrazia.

La “Cuccia” CARE PET è però l’apoteosi del lusso canino, uno strumento per il monitoraggio della salute che sembra superiore non solo all’attenzione dedicata alla maggior parte degli umani, ma anche alla maggior parte di coloro che vivono nel ricco Occidente.
Solo il 40% degli italiani infatti monitora lo stato della sua salute attraverso le diverse app preposte, e di questi solo la metà sono stati consigliati a riguardo dal loro medico, indice questo di un atteggiamento forse ancora troppo chiuso verso alcuni strumenti che le più recenti tecnologie ci mettono a disposizione.

Va anche detto che il monitoraggio, pur essendo importante, vale il giusto senza un’adeguata assistenza in caso di bisogno e il 78% dei medici italiani è convito che esistano una o più categorie di pazienti per i quali l’accesso alle cure non è debitamente garantito. Inoltre il 50,4% riporta casi in cui è la penuria di denaro a compromettere l’accesso alle cure necessarie, particolarmente grave per uno Stato che dovrebbe fornire assistenza sanitaria a tutti i cittadini.

Ancora, i servizi di cura a domicilio sono particolarmente carenti nel Belpaese a causa della penuria ormai cronica di infermieri, allettati da stipendi migliori all’estero. La nostra sanità resta dunque ancorata giocoforza ad uno status di “attesa”, per cui ci si occupa nell’immediato di chi si trova in difficoltà, più che di “iniziativa”, concetto che potremmo riassumere nel proverbio “meglio prevenire è meglio che curare”.
Tutto ciò peraltro a dispetto di quanto previsto dal PNRR, che avrebbe tra i primi obiettivi quello di preparare la sanità ad ulteriori eventuali epidemie future proprio attraverso la prevenzione.
A questi problemi si aggiungono poi le interminabili liste di attesa e i conti perennemente in rosso delle Regioni, cui il Covid ha dato un ulteriore duro colpo mai del tutto riassorbito.

Per non fare un torto a Domethics va comunque detto che in precedenza sono già stati implementati nel loro sistema domotico ecologico servizi dedicati alla cura della persona, in particolare degli anziani e dei soggetti fragili, ma talvolta i risultati di un’innovazione lasciata a briglia sciolta non possono che lasciarci quantomeno un po’ straniti.


SEGNALIAMO

  • MILANO, L’ESSENZIALE

    MILANO, L’ESSENZIALE

    Nella tre giorni del Wired Next Fest al Castello Sforzesco di Milano le ultime tendenze dal mondo scientifico, culturale, politico ed economico italiano e non solo. Grandi protagonisti l’intelligenza artificiale e il senso dell’innovazione, in tuitta la sua complessità. Stella Assange, Zero Calcare, Lina Galore, Paolo Benanti. Dove va il mondo… La star è Stella…


  • DELL’ARTIFICIALE COAZIONE AL PENSIERO ARTIFICIALE

    DELL’ARTIFICIALE COAZIONE AL PENSIERO ARTIFICIALE

    – Il pensiero pensa. Il pensiero non può fare altro. Pensa. Il pensiero sta dentro se stesso e nel tempo del suo divenire, con tutta la varietà di posizioni, dalla stasi vuota all’intenzionalità divagante. Da un pensiero all’altro. Si trova così, è consustanzialmente con sé stesso. E quando non è con sé non c’è il…


  • Glossario: Intelligenza Artificiale Generativa, di P. Pozzi e A. Luvison

    Glossario: Intelligenza Artificiale Generativa, di P. Pozzi e A. Luvison

    “Intelligenza artificiale generativa” è la parola prescelta da inserire come nel glossario che Democrazia futura ha iniziato a costruire.


  • NO COMMENT, SFIDA A GEMINI

    GIUSEPPE PUGLIESE Vorrei intitolare questo articolo: “No Comment”. I commenti li lascio a voi lettori. Ho sottoposto ad un software di intelligenza artificiale una matrice di un gioco molto conosciuto chiamato Sudoku. Ho chiesto al software se fosse al corrente delle regole e se era in grado di risolvere una matrice di questo gioco. Gli…


  • L’IA E LE CONSEGUENZE DI GENERE

    L’IA E LE CONSEGUENZE DI GENERE

    Il caso Taylor Swift smuove l’attenzione pubblica MARTINA BASILE Con il termine intelligenza artificiale (IA) ci si riferisce a quella capacità di una macchina di simulare dei ragionamenti e pensieri umani. È uno strumento che, se utilizzato in maniera ottimale, può garantire dei vantaggi tecnologici non indifferenti. A generare un argomento di dibattito sono proprio i suoi…


  • Chat GPT L’intelligenza artificiale è politicamente corretta?

    Chat GPT L’intelligenza artificiale è politicamente corretta?

    “L’intelligenza artificiale è politicamente corretta?”. Risponde Chat GPT


  • DOVE SIAMO? DOVE ANDREMO? CHI COMANDA?

    Educare all’intelligenza artificiale Il 25 marzo mi è stato gentilmente richiesto di parlare di intelligenza artificiale ai ragazzi del triennio della scuola dove insegno (una scuola grande che comprende vari indirizzi dell’istituto tecnico industriale, il geometra e il professionale a indirizzo moda). L’idea centrale intorno alla quale ho costruito la mia relazione è stata quella…


  • ALBA RENAI

    ALBA RENAI

    La ragazza cavalca il momento, “questi mesi sono stati una montagna russa di emozioni ed esperienze”, dichiara con naturalezza.


  • L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE

    L’Intelligenza Artificiale (AI, Artificial Intelligence) è una tecnologia informatica che rivoluziona il modo con cui l’uomo interagisce con la macchina e le macchine tra di loro e questo come processo attraverso cui le macchine e i sistemi informatici simulano i processi dell’Intelligenza Umana. Le applicazioni specifiche dell’IA includono alcuni necessari sistemi come l’elaborazione del linguaggio naturale,…


  • CARA AFFETTUOSA AMICA, 

    Alla domanda che mi facevi, se i nuovi sistemi di Intelligenza artificiale siano a no utili per l’insegnamento ai ragazzi delle scuole superiori, ti rispondo che ogni fattore di sviluppo è utile all’uomo tenendo in mente una delle massime buddiste che Richard Feynman riporta nel suo libro Il senso delle cose: ad ogni uomo è data la…



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (31) ambiente (29) amministrazione (21) arte (61) cinema (40) civismo (45) comunismo (22) cultura (326) democrazia (38) economia (73) elezioni (55) energia (17) europa (50) fascismo (27) filosofia (26) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (29) guerra (84) intelligenza artificiale (29) italia (37) lavoro (38) letteratura (38) mario pacelli (30) media (61) milano (19) musica (115) napoli (20) politica (362) potere (199) rappresentazione (21) religione (23) roma (23) russia (25) salute (65) satira (20) scienza (21) scuola (27) seconda guerra mondiale (47) sinistra (18) società (374) stefano rolando (31) storia (41) teatro (28) tecnologia (20) televisione (37) tradizione (27) ucraina (35) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI