CARE CANEM

IL RINOCERONTE

La startup Domethics, attiva da anni nel campo della domotica, ovvero la scienza che si occupa della tecnologizzazione delle case e degli ambienti antropici in generale, sostenibile ha lanciato un nuovo prodotto: Carepet, una cuccia per cani dotata di sensori intelligenti in grado di tenere sotto controllo costantemente la salute del proprio cucciolo.

Questo strumento fornisce anche un report costantemente aggiornato attraverso un’app per smartphone e la possibilità di avvisare in tempo reale uno studio veterinario (per cui esiste peraltro un ulteriore prototipo di cuccia per monitorare i cani in degenza). L’idea è stata laminata in occasione di uno degli eventi più importanti a livello globale per l’innovazione, il CES di Las Vegas, in Nevada, cui partecipano alcune delle più promettenti menti dietro alle startup di ogni Paese, Italia inclusa. Ed è proprio dall’Italia che arriva una delle idee più inaspettate.

Che gli uomini amino profondamente i loro animali domestici non è certo una novità, nell’antica Roma, e nell’Antico Egitto i gatti erano tanto amati da essere considerati uno status symbol e meritare addirittura la mummificazione, un procedimento estremamente lungo, complesso e costoso, riservato ovviamente alla sola aristocrazia.

La “Cuccia” CARE PET è però l’apoteosi del lusso canino, uno strumento per il monitoraggio della salute che sembra superiore non solo all’attenzione dedicata alla maggior parte degli umani, ma anche alla maggior parte di coloro che vivono nel ricco Occidente.
Solo il 40% degli italiani infatti monitora lo stato della sua salute attraverso le diverse app preposte, e di questi solo la metà sono stati consigliati a riguardo dal loro medico, indice questo di un atteggiamento forse ancora troppo chiuso verso alcuni strumenti che le più recenti tecnologie ci mettono a disposizione.

Va anche detto che il monitoraggio, pur essendo importante, vale il giusto senza un’adeguata assistenza in caso di bisogno e il 78% dei medici italiani è convito che esistano una o più categorie di pazienti per i quali l’accesso alle cure non è debitamente garantito. Inoltre il 50,4% riporta casi in cui è la penuria di denaro a compromettere l’accesso alle cure necessarie, particolarmente grave per uno Stato che dovrebbe fornire assistenza sanitaria a tutti i cittadini.

Ancora, i servizi di cura a domicilio sono particolarmente carenti nel Belpaese a causa della penuria ormai cronica di infermieri, allettati da stipendi migliori all’estero. La nostra sanità resta dunque ancorata giocoforza ad uno status di “attesa”, per cui ci si occupa nell’immediato di chi si trova in difficoltà, più che di “iniziativa”, concetto che potremmo riassumere nel proverbio “meglio prevenire è meglio che curare”.
Tutto ciò peraltro a dispetto di quanto previsto dal PNRR, che avrebbe tra i primi obiettivi quello di preparare la sanità ad ulteriori eventuali epidemie future proprio attraverso la prevenzione.
A questi problemi si aggiungono poi le interminabili liste di attesa e i conti perennemente in rosso delle Regioni, cui il Covid ha dato un ulteriore duro colpo mai del tutto riassorbito.

Per non fare un torto a Domethics va comunque detto che in precedenza sono già stati implementati nel loro sistema domotico ecologico servizi dedicati alla cura della persona, in particolare degli anziani e dei soggetti fragili, ma talvolta i risultati di un’innovazione lasciata a briglia sciolta non possono che lasciarci quantomeno un po’ straniti.


SEGNALIAMO

  • L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE

    L’Intelligenza Artificiale (AI, Artificial Intelligence) è una tecnologia informatica che rivoluziona il modo con cui l’uomo interagisce con la macchina e le macchine tra di loro e questo come processo attraverso cui le macchine e i sistemi informatici simulano i processi dell’Intelligenza Umana. Le applicazioni specifiche dell’IA includono alcuni necessari sistemi come l’elaborazione del linguaggio naturale,…


  • CARA AFFETTUOSA AMICA, 

    Alla domanda che mi facevi, se i nuovi sistemi di Intelligenza artificiale siano a no utili per l’insegnamento ai ragazzi delle scuole superiori, ti rispondo che ogni fattore di sviluppo è utile all’uomo tenendo in mente una delle massime buddiste che Richard Feynman riporta nel suo libro Il senso delle cose: ad ogni uomo è data la…


  • AGRICOLTURA E INTELLIGENZA ARTIFICIALE: INCONTRO DIFFICILE.

    C’è però un limite a tutto questo ed è costituito dai dati necessari all’apprendimento da parte dell’AI. In altre parole, una macchina per riconoscere ad esempio un cappello o qualcos’altro, ha bisogno di essere istruita con milioni di immagini raffiguranti cappelli.


  • INTELLIGENZA E IMMAGINARIO ARTIFICIALE

    INTELLIGENZA E IMMAGINARIO ARTIFICIALE

    Il punto è che il reale non esiste, in quanto per la specie umana, che è una specie narrativa – ovvero che inventa storie su se stessa e ci crede -, non è possibile specificarlo. E per generare una narrativa utilizziamo l’immaginazione, una caratteristica di cui paradossalmente la nostra scuola dell’obbligo ci lascia del tutto…


  • NON BASTERA’ UN’IA PER SALVARE IL LAVORO

    NON BASTERA’ UN’IA PER SALVARE IL LAVORO

    DAVIDE CUNEO L’Italia ha da anni ormai una conclamata penuria di lavoratori. In particolare in alcuni settori, che spaziano dalla programmazione alla macelleria, trovare dipendenti è estremamente difficile. E andrà sempre peggio; tra meno di 10 anni mancheranno oltre 2,5 milioni di lavoratori per rimpiazzare la generazione dei baby boomers, prossima ormai alla pensione. Ciò…


  • LAVORO, INTELLIGENZA ARTIFICIALE E SVILUPPO UMANO

    LAVORO, INTELLIGENZA ARTIFICIALE E SVILUPPO UMANO

    È il Marx di Salario, Prezzo e Profitto che ci ricorda che, per quanto importante sia lavorare politicamente e socialmente per “aumentare la paga e ridurre l’orario”, la lotta del mondo del lavoro salariato sarà sempre quella del suo superamento della condizione salariata e subalterna, per “riprendere nelle proprie mani il proprio destino individuale”.


  • MI PIACE LO ZENZERO

    MI PIACE LO ZENZERO

    Poniamo, sempre per fantasticare, di scoprire che una vasta maggioranza sarebbe decisamente a favore del ritorno alla pena di morte per reati particolarmente gravi.


  • AUTONOMOUS STORE 

    AUTONOMOUS STORE 

    Tuday è l’ultimo progetto di Conad, con la collaborazione della cooperativa Dao e la partnership tecnologica per i pagamenti invisibili della paytech Nexi. Retail Hub è infine il gruppo che ha sviluppato la tecnologia per far funzionare il negozio, messa a punto dalla start up portoghese Sensei.


  • L’INTELLIGENZA RELAZIONALE

    Firenze. Per ripartire e sbloccare questo paese imballato, incapace di crescita e di coesione ci serve una intelligenza relazionale. Tradotto “per affrontare e vincere gli shock della modernità c’è bisogno di una grande azione dal basso, della partecipazione di tutti e di una spinta generativa delle nostre forze migliori”, forze che stanno nei territori e…


  • PER L’EUROPA FEDERALE E L’ITALIA EUROMEDITERRANEA

    PER L’EUROPA FEDERALE E L’ITALIA EUROMEDITERRANEA

    In generale non si può più accettare che le politiche ambientali, che hanno bisogno di interventi di lungo periodo e di grandi investimenti programmati con conseguenti mutamenti di abitudini e stili di vita, vengano subordinati ad uno scontro tutto ideologico e trattati quasi alla stregua di dispute social. Dire responsabilità di tutti anche in questo…