LA QUESTIONE DEL CONSENSO

Fortunatamente siamo stati abituati a pensare che l’espressione e la condivisione del consenso da parte di un popolo verso i propri leader siano validi e positivi soltanto se avvengono con modalità esplicite e corrette, senza forme di costrizione o di controllo.

Attraverso un lungo percorso storico abbiamo convenuto fra noi che tali modalità corrispondono a libere elezioni con forze contrapposte che si possano affrontare liberamente.

Tale forma di determinazione del livello di consenso dovrebbe poi risultare unificante tra le varie Nazioni sino a permettere non soltanto garanzie sempre più vaste, ma soprattutto l’emergere di prassi ed obiettivi comuni.

Fortunatamente, dicevo, ma purtroppo fortunatamente solo per noi.

Emerge oggi, più forte che mai, una questione cruciale e, per certi versi, drammatica.

Proviamo a sviscerarla pezzo per pezzo.

In primo luogo la storia europea del Novecento ci ha mostrato come la correttezza delle pratiche democratiche non sia automaticamente in corrispondenza con lo sviluppo e la modernità di una società e delle sue Istituzioni.

Il fascismo italiano e il nazismo tedesco hanno ancora una volta reso evidente a tutti come forme gravemente autoritarie possano tranquillamente applicarsi a contesti grandemente avanzati su tutti gli altri piani.

Si è dissolta, insomma, quella identificazione fra la democrazia come nuovo e l’autoritarismo come vecchio e superato.

Un poco dispiace che in tale passaggio si sia sciolta anche l’equiparazione marxiana della borghesia come classe rivoluzionaria che precede in questo il proletariato, cui successivamente cederà lo scettro.

Ma l’Ebreo di Treviri se ne sarà fatto una ragione. Anche di questo, intendo.

Sopravvive, però, ancora abbastanza forte l’idea che il consenso ottenuto attraverso mezzi non democratici sia di una qualità comunque inferiore a quello che cerchiamo di ottenere e praticare nelle nostre democratiche Nazioni.

Detto diversamente siamo spinti a ritenere che non appena si indebolissero i sistemi illiberali di costrizione, quel consenso si dileguerebbe e le popolazioni sarebbero pronte a ribellarsi e ad aderire all’avanzata del Nuovo.

A poco serve, anche qui, ricordare che il consenso al regime fascista si diffuse e rafforzò ininterrottamente (e nonostante l’ignominia delle leggi razziali) sino al Giugno del ’40 e a quella disgraziata entrata in guerra.

Né sembra di ricordare vere forme di opposizione a Hitler e ai suoi gerarchi, fatte salve alcune coraggiose figure (anche esse generalmente legate al disastro bellico in cui il nazismo trascinò la Nazione Tedesca).

Insomma, per dirla rozzamente, dovremmo forse abituarci a scindere analiticamente il concetto di “libertà e democrazia” da quello di “autentico e profondo consenso”.

In altri termini, il popolo italiano (come molti altri popoli europei) ha fortunatamente scelto la forma democratica come sistema di espressione dei propri obiettivi.

Tuttavia ciò non significa e non implica che altri popoli non possano esprimersi e riconoscersi attraverso forme non liberali e non democratiche.

Ciò ci porta a una considerazione ulteriore.

Si annulla nei fatti la diffusa (e consolante) convinzione che se si lasciasse scegliere alla gente comune non vi sarebbero più guerre e sopraffazioni di qualunque genere.

Le guerre in particolare vengono abitualmente attribuite alla trista volontà di quei pochi che poi non le faranno davvero, mentre il popolo, cui toccherà combattere, sarebbe resistente e contrario.

In altri termini, siamo portati a pensare che i momenti tragici dell’Umanità si fondino sulla assenza del consenso collettivo e siano quindi il frutto della essenza autoritaria degli Stati.

So bene quanto sia sgradevole e difficile da accettare questo ragionamento.

Ma non possiamo ignorare la diffusione e la profondità del consenso che ancora oggi lega la stragrande maggioranza del popolo russo a Vladimir Putin e alla sua costante aggressione, non soltanto militare, contro il mondo occidentale.

È giunto però il momento di una soluzione di continuità nel nostro modo di ragionare sul Mondo e sulla Storia.

È stato sin troppo facile attribuire la persistenza di regimi autoritari alle conseguenze dei vari regimi comunisti nel mondo e alla loro contorta caduta.

In quei luoghi, pensavamo, l’avvento della Libertà era stato bloccato dal Comunismo ed ora che si inseriscono nel libero mondo capitalistico le popolazioni pretenderanno, ed otterranno, di esprimersi liberamente.

I gerarchi potranno reprimere quanto vogliono ma senza il Consenso dei loro popoli non potranno proseguire il loro cammino.

Ma se il vero consenso non fosse direttamente legato alla libertà di espressione?

Se fosse possibile, anche a livello di massa, riconoscersi pienamente e sostenere una forma statuale che non ti concede le più elementari forme di espressione?

Se lo sviluppo economico potesse essere completamente sganciato da quel che noi consideriamo sviluppo sociale?

Vi sono anche (e talvolta purtroppo) forme di riconoscimento e consenso che non corrispondono a quelle da noi costruite e sviluppate.

Il generale attacco che il mondo islamico va nuovamente conducendo (ammesso che abbia mai smesso) al mondo occidentale si fonda su un convinto e coinvolto consenso di massa.

Esso non viene scalfito da coraggiose azioni di singole persone, in prevalenza donne.

Dispone di mezzi, sia militari sia finanziari, che gli permettono di attaccare o corrompere qualunque avamposto della civiltà che considera altra da sé.

Può essere che il suo cuore corrisponda alla natura violentemente patriarcale che lo caratterizza. Ciò ci porta a domandarci come possa piacere alle nostre eroiche studentesse che sostengono Hamas e il regime anti – femminile imposto in Palestina, ma questo non ci aiuta molto a capire.

La vera questione è che una gran parte dell’Umanità si esprime (ancora?) con modalità che non corrispondono a quelle liberali e democratiche che noi abbiamo scelto, talvolta anche da tempo.

Solo questo punto di vista può permetterci di capire la apparente tranquillità con cui degli esseri umani offrono la loro vita ad una causa che evidentemente condividono sino in fondo, e anche oltre.

Ma non si deve pensare che ragionar così ci porti ad accettare quel che non si può e non si vuole.

Dovrebbe piuttosto servirci ad elidere definitivamente l’illusione che la libertà sia la dimensione verso cui procede la specie umana come frutto inevitabile dell’apprendimento e della coscienza.

I percorsi, dei popoli come dei singoli, si realizzano attraverso un tale numero di mediazioni e di passaggi da renderli non classificabili.

La stessa presenza e crescita della risorsa di consapevolezza, che pure ci appare essenziale, è determinata da infiniti e contraddittori fattori.

Forse, una volta appurato definitivamente questo, sarà possibile guardare lucidamente al Tempo e al Mondo che ci circonda con un carico di problemi e di confusione di cui illusoriamente avevamo pensato di esserci liberati.

Nel tempo in cui viviamo quasi nessun verdetto giudiziario viene recepito e vissuto sotto la confortante formula del “giustizia è stata fatta”.

SEGNALIAMO

  • 25 LUGLIO 1943: FU UNA COSA SERIA?

    25 LUGLIO 1943: FU UNA COSA SERIA?

    25 luglio 1943: ore 17,15: nella sala del Mappamondo di Palazzo Venezia a Roma inizia l’ultima seduta del Gran Consiglio del Fascismo, istituito da Mussolini nel 1922. La sua composizione è stata via via ampliata fino a raggiungere gli attuali 31 membri: ne fanno parte i ministri fascisti, i vertici delle organizzazioni del partito compreso…


  • ATREJU

    ATREJU


  • CURZIO MALAPARTE

    CURZIO MALAPARTE

    Corte di Assise di Chieti, 22 marzo 1926: si celebra il processo contro cinque persone (Amerigo Dumini, Albino Volpi, Giuseppe Viola, Augusto Malacria e Amleto Poveromo) imputati di aver ucciso il 10 giugno 1924 a Roma il deputato socialista Giacomo Matteotti. Tra i testimoni a difesa citati da Roberto Farinacci, Segretario del P.N.F. e avvocato…


  • EDGARDO SOGNO

    EDGARDO SOGNO

    MARIO PACELLI 23 agosto 1974: il sostituto procuratore della Repubblica di Torino Luciano Violante emette un ordine di cattura a carico del Conte Edgardo Sogno dei Rata del Vallino e di Luigi Cavallo: l’accusa è di aver tramato “al fine di mutare la Costituzione dello Stato e la forma di Governo con mezzi non consentiti…


  • FASCISTI E COMUNISTI GIOCAVANO A SCOPONE

    “Fascismo” e “Comunismo”, sono messi qui tra virgolette e con la maiuscola a segnalare che per ora li useremo soltanto in riferimento alle aree di pensiero che rappresentano e non, come faremo successivamente, come realtà storicamente esistite e, forse, ancora esistenti. Si tratta di due universi teorici che hanno alle spalle e portano con sè…


  • GIORGIA MELONI E I CONTI CON LA STORIA: UN’OCCASIONE MANCATA

    Con la scomparsa della figura di Silvio Berlusconi è giunto il momento di fare un’analisi in sede storica degli effetti provocati da Tangentopoli e dai tre decenni successivi in quella che è stata definita impropriamente come Seconda Repubblica. La storia del presente ha trovato legittimamente spazio nella produzione storiografica contemporanea. Pierre Nora con il suo…


  • GOVERNO DEL CAMBIAMENTO O CAMBIAMENTO DI GOVERNO

    GOVERNO DEL CAMBIAMENTO O CAMBIAMENTO DI GOVERNO

    EUGENIO SANTORO Draghi, chi era costui? In 100 giorni l’attivismo della Meloni ha quasi cancellato il ricordo di Draghi. Eppure l’ex Governatore della BCE aveva governato con vasto consenso tirando fuori il Paese dai guai nei quali era finito con i Governi bi e tricolore,e si era imposto a livello internazionale restituendo al Paese un…


  • IL CASO TAMBRONI

    IL CASO TAMBRONI

    Luglio 1959: una squadra di agenti della Questura di Roma fa irruzione in un appartamento di Via Valdisole, a Roma, nella zona di Via Cortina d’Ampezzo, alla periferia della città, dove ha apparentemente sede una innocua società di import – export. Gli agenti arrestano tutti coloro che trovano nell’appartamento. Uno si nasconde sotto il letto…


  • IL COMIZIO


  • IL FASCISMO E LA PANCIA DEGLI ITALIANI

    IL FASCISMO E LA PANCIA DEGLI ITALIANI

    Il biglietto da visita di Stefano Rolando affronta l’annosa questione del fascismo italiano.