BOLOGNA. RADICI FESTIVAL

POLIS BOLOGNA

Mille contrarie maniere di vita

Prosegue l’intreccio di storie e memorie, civili e ambientali, che appartengono al territorio bolognese attraverso il “Radici. Festival delle memorie civili ed ambientali”. Tre giornate, a metà giugno, per tenere vive storie di lavoro, di comunità e di rapporto col territorio. Tra spettacoli, laboratori, concerti, trekking e free camping la terza edizione del Radici Festival ha registrato un notevole successo, in particolare tra le giovani generazioni.

Radici Festival non è solo un evento culturale, ma un vero e proprio progetto di valorizzazione del territorio bolognese: attraverso una serie di talk e di attività, il pubblico ha potuto conoscere meglio le vicende che hanno caratterizzato la vita lavorativa e comunitaria del territorio, riscoprendo l’importanza del rapporto con l’ambiente e con la comunità stessa. Un festival nato e realizzato da Libera Bologna, dal Comitato per le Onoranze ai Caduti di Marzabotto, dall’Associazione tra i Familiari delle Vittime della Strage della Stazione di Bologna e da altre significative realtà per riflettere collettivamente su cosa significhi fare memoria oggi.

Accanto agli interventi di scrittori e intellettuali, musica e spettacoli hanno accompagnato momenti di intrattenimento e riflessione, dimostrando come arte e cultura possano contribuire a mantenere vive le radici di una comunità. Tra i momenti più significativi del festival va certamente nominato l’intervento di Stefano Nazzi, giornalista de “Il Post” e autore del celebre podcast “Indagini” (premiato nel 2023 come podcast dell’anno nella categoria true crime). Nazzi ha ripercorso le vicende della banda della Uno Bianca, organizzazione criminale che tra il 1987 e il 1994 ha compiuto numerose azioni delittuose tra Emilia-Romagna e Marche, causando più di 20 morti e un centinaio di feriti. La testimonianza del giornalista ha offerto una prospettiva dettagliata e coinvolgente circa uno dei capitoli più oscuri della storia recente locale, ricordando l’importanza della memoria storica per la costruzione di una comunità consapevole e unita.

Rilevante è stata anche la scelta dei luoghi che hanno ospitato il Radici Festival di questo giugno: Bologna e il Parco Storico di Montesole, simboli di memoria e resistenza. Una terra storicamente calda, capace di riportare al centro un fare memoria non solo strettamente concernente l’ambito umano, ma anche un fare memoria di un paesaggio egualmente protagonista del patrimonio culturale della regione: “Ormai sul nostro territorio si leggono anche i segni delle piogge, del clima che cambia, di una crisi climatica sempre più grave. Frane e allagamenti ne sono la dimostrazione più evidente. È per questa ragione che quest’anno abbiamo deciso di devolvere in sostegno dei Comuni del nostro Appennino colpiti dall’alluvione dello scorso anno il ricavato di tutte le donazioni che raccoglieremo”, si legge sulla pagina social del Radici Festival.

Il tempo passa e fa giustizia delle memorie private e pubbliche, ma ciò non significa perderne le radici. Affermare ciò sarebbe ingenuo: le radici sono mutamento, cambiano forma a poco a poco. Le radici di una comunità non sono infatti stabilite da sempre e per sempre: un territorio nasce a partire da determinate radici, nel corso della sua esistenza ne acquista altre e ne perde altre ancora.

Decidere quali siano le proprie radici culturali è, per alcuni antropologi, un’operazione arbitraria: da un insieme molto vario e contraddittorio di tradizioni si sceglie di mantenere una parte di queste e di scartarne altre. Il concetto di identità è certamente più delle radici da cui si sviluppa: è composto da contaminazioni esterne e da volontà interne.

Perché avvicinarsi alle radici di culture altre (altre nel tempo e nello spazio) quando ancora non sono chiare le proprie? La risposta è: per uscire dal provincialismo, per godere del beneficio del confronto e per scegliere quali radici integrare e quali invece lasciare indietro. “Indago le culture altre – risponde Maurizio Bettini, antropologo e filologo classico – perché mi piace pensare che esistano mille contrarie maniere di vita. E queste mille contrarie maniere di vita sono il libro delle culture. Ecco perché vedere scomparire o alterare le culture fa soffrire: perché è come vedere bruciare una biblioteca”.

In tema di radici culturali, sarebbe un errore confondere quindi l’antropologia con la nostalgia, la storia con la politica, la memoria privata con quella collettiva. Scavare nelle radici di un territorio e di una comunità significa interessarsi alla sua cultura, considerarla come qualcosa di prezioso, ma soprattutto pensare che conoscere altre culture non sia solamente interessante in sé, ma che aiuti a conoscere meglio anche la propria identità.

Sulla scia delle riflessioni che ruotano attorno al grande filone del fare memoria, il Radici Festival ha così dato spazio a un lungo ragionamento politico e di costruzione di comunità che proseguirà con entusiasmo anche il prossimo anno: è importante infatti attraversare luoghi, storie, trame, mutamenti e memorie collettive per continuare a nutrire le nostre radici.


SEGNALIAMO

  • È QUESTA L’ULTIMA GENERAZIONE?

    È QUESTA L’ULTIMA GENERAZIONE?

    Ultima Generazione prosegue instancabile le sue proteste a favore del green. Presenti alla cerimonia della Festa della Repubblica e sdraiati al suolo per impedire il passaggio del corteo, gli ecoattivisti han chiesto a Mattarella di creare un fondo permanente e preventivo di 20 miliardi per riparare ai danni delle catastrofi climatiche. Le azioni di disobbedienza…


  • I GIOVANI E L’ASTENSIONISMO DAL VOTO

    I GIOVANI E L’ASTENSIONISMO DAL VOTO

    Solo negli ultimi giorni due rappresentanti della new generation sono comparsi a Tagadà, il programma pomeridiano in diretta su La7, insieme a giornalisti ed esponenti della politica, rigorosamente equilibrati in base alla par condicio. Questi ultimi si sono approcciati con le due voci fuori dal coro non senza un pregiudizievole atteggiamento di sospetto se non…


  • CONFESSIONI DI UN ROAD-BLOCKER


  • “L’EDICOLA VIVENTE”: una scelta obbligata

    “L’EDICOLA VIVENTE”: una scelta obbligata

    “Alla ricerca dell’edicola perduta” potrebbe essere il titolo di un film di Spielberg dove un Indiana Jones va alla ricerca di una struttura con tanti giornali polverosi che attestano un’era passata. Speriamo che questa fantasia non si verifichi; per evitarla bisogna cambiare modello di business e far assumere alle edicole una funzione di vita e di impatto…


  • RUOLO DELL’IMPRESA MIGRANTE

    FLUSSI MIGRATORI,TREND DEMOGRAFICI,MERCATO DEL LAVORO,RUOLO DELL’IMPRESA MIGRANTE PER PROMUOVERE UNO SVILUPPO SOSTENIBILE NEI PAESI D’ORIGINE…PIANO MATTEI. L’impatto del declino demografico nella popolszione in eta’ di lavoro in italia, sta assumendo dimensioni tali da rischiare di compromettere qualsiasi prospettiva di sviluppo sostenibile, eppure iltema non viene minimamente posto all’attenzione del dibattito politico, al fine di definire,…


  • L’ORO BLU

    L’ORO BLU

    La sete atavica di Agrigento e l’annunciato quanto atteso stato di calamità naturale legato alla siccità è solo uno degli esempi e dei fenomeni visibili di una questione complessa che implica soluzioni di sistema, costose in termini di risorse e di costi sociali, ma non più rinviabili.


  • FOLLOWER O FEDELI: PADRE PIO SU TIKTOK

    FOLLOWER O FEDELI: PADRE PIO SU TIKTOK

    Dalla chat al profilo TikTok: così Padre Pio comunica oggi coi suoi fedeli. 46mila sono i follower della pagina “La tua forza”, impegnati ad ascoltare i consigli e le preghiere generate dall’IA del santo di Pietrelcina. La chat con Padre Pio, diventata famosa pochi anni fa, dimostra come la tecnologia, inclusa l’intelligenza artificiale, possa essere…


  • L’ INVERNO DELLA DEMOGRAFIA…

    L’ INVERNO DELLA DEMOGRAFIA…

    “Ho smesso di fumare. Vivrò una settimana di più e in quella settimana pioverà a dirotto.” Woody Allen, 1979, Manhattan. L’inverno della demografia in Italia. Si sa da anni che siamo nel pieno dell’inverno demografico. Sappiamo che in Italia non si fanno figli e che il Belpaese è il più vecchio tra i paese dell’Europa,…


  • ALBA RENAI

    ALBA RENAI

    La ragazza cavalca il momento, “questi mesi sono stati una montagna russa di emozioni ed esperienze”, dichiara con naturalezza.


  • BRAINS DRAIN

    Gli Italiani sono un popolo di migranti, per lo più abituati a percepirsi come tali, nonostante le ultime ondate migratore dall’est Europa e dal sud del mediterraneo. Negli anni però è decisamente cambiato il profilo dell’italiano che va via dal Belpaese. Il lavoro resta la motivazione più frequente, ma oggi chi emigra ha mediamente più…



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

alimentazione (31) ambiente (29) amministrazione (21) arte (62) cinema (42) civismo (47) comunicazione (18) comunismo (24) cultura (340) democrazia (40) economia (74) elezioni (65) europa (61) fascismo (30) filosofia (29) formazione (25) giorgia meloni (20) giovani (29) guerra (88) intelligenza artificiale (30) italia (41) lavoro (40) letteratura (43) mario pacelli (30) media (67) milano (20) musica (118) napoli (20) politica (396) potere (210) rai (18) rappresentazione (22) religione (23) roma (23) russia (26) salute (67) satira (20) scienza (21) scuola (27) seconda guerra mondiale (48) sinistra (19) società (407) stefano rolando (31) storia (44) teatro (29) tecnologia (20) televisione (42) tradizione (27) ucraina (37) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI