YOLO È UNO SFOGATOIO

IL RINOCERONTE

Avendoci letto, studiato e scritto in tempi non sospetti, temo che ormai YOLO, grandi dimissioni, quiet quitting e sdraiati siano diventati Hype un pò (molto) mainstream e velocemente destinati a perdere di fascino, proprio perché in questi anni e mesi non hanno generato niente di più che la rappresentazione di un disagio: serve una rappresentanza, e possibilmente serve una sostanza. E servono ormai modi nuovi di organizzare il conflitto, che c’è oggi più che mai, non solo nel mondo del lavoro.

Gironzolando in quel fantastico e dorato mondo delle rappresentazioni che è Instagram ho trovato “generazione Yolo”, un account che parla di lavoro e di frustrazioni variamente connesse alle occupazioni quotidiane che le persone normali intrattengono per campare.

Generazione Yolo è uno sfogatoio di persone che si lamentano della propria condizione lavorativa, di cui vale la pena parlare perché il tema è serio. Il lavoro che perde di senso e di valore è una questione con cui anche i non addetti ai lavori come me hanno dovuto familiarizzare. È discutibile invece il modo con cui si parla del problema che “anestetizza” nell’individualismo rivendicazioni che secondo me sono giuste e legittime.

È chiaro che non si può lavorare solo per pagare un affitto: un monolocale alla Barona costa 1000 euro al mese spese escluse, tre mesi di caparra e tre di anticipo quando si entra! Ed è ovvio che se negli ultimi 30 anni lo stipendio non cresce c’è un problema che riguarda tutti, per primi gli imprenditori che non riescono a trattenere le persone in azienda o non hanno a disposizione un mercato interno che ne sostenga le produzioni. Ma è altrettanto ovvio che se il lavoro è povero la soluzione oggi non è non lavorare. In mancanza di altri sistemi di redistribuzione della ricchezza ci teniamo per ora quelli che abbiamo che sono le tasse e il lavoro, cercando di capire come ridurre le disuguaglianze e come contrastare le povertà.

Sul tema del lavoro si sono consumate le battaglie politiche e sociali più dure degli ultimi secoli. Se oggi esiste un welfare è perché a qualcuno è venuto in mente di organizzare un conflitto che c’era, socializzando le storie individuali, aggregando idee su proposte su cui si è misurato un consenso e mobilitando persone, in carne ed ossa, reali.
Sarebbe giusto oggi aspettarsi che chi rivendica diritti e condizioni migliori facesse qualcosa di simile.

Sempre a propositi di generazione YOLO fossi io giovane sarei decisamente più attratto da messaggi più radicali e magari più affascinanti, parlerei di mondo pulito, di pace, di scuola, di un mondo più giusto, e vorrei opportunità più che lavorare il meno possibile, o il giusto, secondo i punti di vista. Mi si obietterà che vengo da una cultura del lavoro che ormai è passata, ma continuo a pensare che i conflitti fondamentali sono quelli generati quando le persone non sono d’accordo su come sono distribuiti i diritti civili e politici in termini sociali ed economici.

E penso anche che il vero ruolo della politica e dei partiti nella storia è spesso quello di socializzare il conflitto. Se oggi si tende a rappresentare i conflitti come una rappresentazione rissosa e teatrale dove tutto diventa individuale e sempre più personalistico, si fa un gioco delle parti che non sfida per davvero la realtà e le relazioni del potere costituito, perché per sfidare il potere occorre socializzare il conflitto. Fare politica appunto.


SEGNALIAMO


NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

alimentazione (31) ambiente (29) amministrazione (21) arte (62) cinema (42) civismo (47) comunicazione (18) comunismo (24) cultura (340) democrazia (40) economia (74) elezioni (65) europa (60) fascismo (30) filosofia (29) formazione (25) giorgia meloni (20) giovani (29) guerra (88) intelligenza artificiale (30) italia (41) lavoro (40) letteratura (43) mario pacelli (30) media (67) milano (20) musica (118) napoli (20) politica (394) potere (210) rai (18) rappresentazione (22) religione (23) roma (23) russia (26) salute (67) satira (20) scienza (21) scuola (27) seconda guerra mondiale (48) sinistra (19) società (407) stefano rolando (31) storia (44) teatro (29) tecnologia (20) televisione (42) tradizione (27) ucraina (37) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI