UNA VIRTU’ CIVICA:”MENS SANA IN CORPORE SANO”

La locuzione di Giovenale (I sec.d.C) “mens sana in corpore sano” è interpretata e tradotta operativamente dalle organizzazioni sportive profit (dato n.a.) e non profit (circa 130.000 comprensive di quelle culturali e di animazione). In Italia appare evidente che la pratica sportiva passa attraverso  l’associazionismo ed ancora una volta ritorna il modello del civismo come servizi per il welfare dei cittadini. 

Il termine “mens” è spesso ed univocamente riferito al concetto di intelligenza, mentre il significato più pregnante è “anima, carattere, coscienza, disposizione d’animo”. E  quindi le organizzazioni sportive danno un senso allo sport integrando le tecniche, le abilità e i talenti con i valori e i principi del vivere “per e nella” qualità della vita e in un “welfare distribuito”. Il “corpore sano” è inteso in logica relativa all’età, ma appare evidente che “fare attività motoria” è un presupposto di prevenzione e sempre più dello “stare meglio”.

Lo sport educa o dovrebbe educare e quindi è profittevole per il” sistema paese”, territorio, comunità; promuovere lo sport sviluppa senso civico e aiuta il “civis” a diventare attore della “civitas” e del welfare territoriale.  

Il civismo come produttore di welfare passa attraverso l’attività sportiva in senso lato, altruistico e non come opportunismo di business.  

Sono circa 15,5 milioni gli italiani che praticano regolarmente uno sport. Gli “sportivi specchio”(che si interessano di sport)sono circa 35 milioni. Il calcio è ovviamente il più praticato(34%),ma anche il nuoto rappresenta il 29% come disciplina praticata.   

L’attività sportiva educa le giovani generazioni al rispetto dei valori e ai sani principi della convivenza. Lo sport, infatti, ha il potere di trasmettere ai giovani i valori della solidarietà, della lealtà, del rispetto delle regole e del rispetto dell’altro. Ovviamente non stiamo scrivendo della tifoseria violenta con un profilo di ignoranza.

Si interpreta un ruolo sociale praticando uno sport e “giocando”. Mantenendo l’ equilibrio fra il risultato agonistico e il risultato sociale dello sport. Lo sport antico e  preistorico si basava sull’allenamento utile per le provviste di cibo (per esempio nuoto , lotta e lancio di oggetti).Lo attestano pitture di 15.000 anni  trovate in Francia, Mongolia, Egitto e Giappone. Via via fino alla prima Olimpiade in Grecia nel 776 a.C. ad  Olimpia e poi i giochi sportivi romani fino al 393 d.C   

 La continuità della pratica sportiva e gli allenamenti sono palestra di determinazione e di metodo, in una costanza di attività creativa che rinnova la motivazione a raggiungere gli obiettivi.  

Senza fanatismo, ma con la relazione efficiente fra risorse e risultati. Tutto questo è facilitato e si inserisce nel contesto dell’associazionismo sportivo del non profit. E questa imprenditorialità sociale è forza aggregante e sviluppa appartenenza tale da svolgere una funzione di  di socializzazione.  

Infatti “essere giocatore” di una squadra implica una responsabilizzazione sugli atteggiamenti e sui comportamenti. E’ integrazione culturale(anche etnica) con valorizzazione della persona al di là del proprio “status economico” e scolastico. E’ equilibrio e mantenimento dei fondamentali economico-finanziari dell’associazione sportiva con oculatezza gestionale per svolgere con continuità il ruolo di “educazione sportiva”.  

Le squadre diffondono i valori della lealtà, del rispetto reciproco e del concetto di partecipazione allo sport con un eventuale senso di sacrificio finalizzato al raggiungimento di obiettivi comuni e condivisi.  

Questo viene gestito solo dal non profit sportivo che non vuole avere dividendi da distribuire, ma solo da reinvestire in una corretta e dinamica concezione dell’imprenditorialità sociale.  

Lo sport è “linguaggio” di integrazione e di penetrazione sociale per creare coesione.

Siamo abituati allo sport legato solo ai grandi eventi mediatici, agli stadi rutilanti, al “calcio spettacolo”, al ciclismo discusso e spesso chiacchierato.  

Ma ci sono anche le associazioni di podismo e corsa, le polisportive, gli ski club, le storiche canottieri, i campi di calcio periferici dove le associazioni sportive svolgono una funzione di promozione, preparazione e performance sportiva ma anche una grande funzione di comunità per persone che magari non praticano lo sport, ma ne respirano il senso originario.   

Anche questo è un pezzo del non profit che ha una funzione fondamentale nella nostra società. Non si contrappone, ma richiama alla responsabilità .  

L’”altro sport” è spesso speculativo e incredibilmente ricco,così ricco da perdere spesso il senso del limite e tale da indurre a comportamenti poco etici.  

 Lo sport non professionistico significa anche ottocentomila dirigenti che complessivamente in un anno dedicano quasi 150 milioni di ore di lavoro volontario    

La rapida evoluzione degli scenari economici e sociali porta profondi cambiamenti in tutti quei “fenomeni/eventi/accadimenti” che sono al contempo “economici” e “sociali”.   

Lo sport è uno di questi fenomeni ed ha bisogno di strutturarsi in un assetto istituzionale e organizzativo inteso come elemento portante e di sostegno per lo sviluppo ed il mantenimento dell’offerta di servizi sportivi.  

Il tessuto connettivo che aumenta il livello di efficacia delle performance sportive e dei risultati ludici e di “entertainment” raggiunti   è rappresentato dalla capacità di management intesa come la migliore combinazione delle risorse a disposizione evitando sia l’emotiva abnegazione che può far perdere di vista le esigenze di una razionale gestione delle organizzazioni sportive sia il freddo approccio  quasi meccanicistico e di stile produttivo quasi che lo sport si configurasse come una “catena di montaggio” di atti sportivi.   

Senza volontariato sportivo il tessuto connettivo dello sport non regge. Con un avvertimento: il modello tradizionale di conduzione della società sportiva legato al solo volontariato deve essere integrato con lo sviluppo di un management associativo retribuito. Le associazioni sportive “polvere” devono aggregarsi e costituire aziende sportive non profit ove si possano assumere manager  specializzati nello sport evitando di continuare nella scelta di dirigenti cooptati e senza preparazione specifica.

Il dirigente sportivo moderno deve saper gestire un bilancio, applicare le normative giuridico fiscali, impostare un piano di marketing, pianificare l’attività, reclutare monitorare e valutare i propri collaboratori, implementare la comunicazione nei confronti dei media mantenendo nel contempo le relazioni con le federazioni di appartenenza e con le istituzioni locali di riferimento.   

Tutto questo è lo sport “doc” che interpreta autenticamente il detto “mens sana in corpore sano”.  


SEGNALIAMO

  • LA RIVOLUZIONE CIVICA DI UN PROGETTO-PAESE CONTRO LA FRAMMENTAZIONE COMPETITIVA

    LA RIVOLUZIONE CIVICA DI UN PROGETTO-PAESE CONTRO LA FRAMMENTAZIONE COMPETITIVA

    Roberto Napoletano, commentando la tragedia di Casamicciola, ha parlato di “Paese spezzato” per “colpe sistemiche di una politica che ha scelto la frammentazione decisionale”. Tutto risalirebbe alla riforma del titolo V° della Costituzione quando nel 2001, per un modo approssimativo e demagogico di concepire il regionalismo, si è dato vita ad un sistema confuso di…

    SCOPRI


  • IL DILEMMA DEL CIVISMO

    IL DILEMMA DEL CIVISMO

    La strada che porta alla costituzione di una federazione dei mondi civici, per loro natura dispersi e locali, sarà ancora irta e difficile. Il rapido riposizionarsi dei partiti ad ogni consultazione elettorale, o peggio ad ogni nuovo sondaggio, rende la politica più emotiva, tattica e ancorata al continuo evolversi delle opinioni di un elettorato sempre…

    SCOPRI


  • LA RIVOLUZIONE CIVICA DI UN PROGETTO-PAESE CONTRO LA FRAMMENTAZIONE COMPETITIVA

    LA RIVOLUZIONE CIVICA DI UN PROGETTO-PAESE CONTRO LA FRAMMENTAZIONE COMPETITIVA

    Va riformata la legge elettorale nazionale per recuperare il rapporto tra cittadini ed eletti e invogliare con ciò i molti che oggi si sono allontanati dal sistema democratico a impegnarsi di nuovo in uno slancio riformatore. Perciò una nuova legge elettorale o proporzionale pura con preferenza o maggioritaria con collegi uninominali. Una impostazione questa che…

    SCOPRI


  • L’ARIA DEI COMUNI RENDE LIBERI

    L’ARIA DEI COMUNI RENDE LIBERI

    FRANCO RAIMONDO BARBABELLA Parafrasando l’antico adagio passato dalle città tedesche del Medioevo a quelle italiane, si potrebbe dire che “l’aria dei comuni rende liberi”. Spirava infatti aria di libertà nell’incontro dei rappresentanti di una cinquantina di liste e movimenti civici dei comuni delle quattro regioni dell’Italia centrale, Marche, Lazio, Toscana e Umbria, svoltosi sabato 28…

    SCOPRI


  • GLI STATI GENERALI DI LETIZIA

    GLI STATI GENERALI DI LETIZIA

    L’Italia è un paese complicato e variegato. Serve una politica “Place sensitive”, capace di valorizzare le differenze dei territori nel quadro di un bene comune”.

    SCOPRI


  • IL CIVISMO SALVA IL PAESE

    IL CIVISMO SALVA IL PAESE

    Tutto l’arco dei partiti politici ha pagato alle elezioni legislative del 2022 un caro prezzo alla disaffezione, alla crisi di fiducia, all’isolamento reputazionale del sistema dei partiti politici. Insieme alle irrisolte ragioni socio-logistiche degli impedimenti a votare, questi fenomeni hanno alzato la soglia dell’astensionismo (così come in seno al civismo italiano si è colto fin dall’inizio della…

    SCOPRI


  • NEL SEGNO DEL CIVISMO

    NEL SEGNO DEL CIVISMO

    Il convegno vedrà la partecipazione di qualificati relatori e di esponenti del civismo su un complesso di argomenti che nell’insieme delineano le fondamentali filiere di riflessione su cui si svilupperà il dibattito in questa sede e dopo per una sintesi che contribuirà …

    SCOPRI


  • UN APPUNTAMENTO DA NON PERDERE

    Oltre 80 liste civiche espressione di tante comunità umbre, toscane, marchigiane e laziali si riuniranno sabato 22 aprile per costituire l’Alleanza Civica dell’Italia Centrale.

    SCOPRI


  • È VIVA TOLENTINO

    STEFANO GOBBI

    SCOPRI


  • AREZZO, LA POLITICA DEI CITTADINI

    Alcuni amministratori eletti grazie a queste esperienze hanno manifestano recentemente la volontà di mettersi in rete per scambiare buone pratiche rivolte ad individuare soluzioni ai problemi crescenti di natura economica e sociale.

    SCOPRI



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (30) ambiente (29) amministrazione (21) arte (60) cinema (38) civismo (44) comunismo (22) cultura (312) democrazia (34) economia (69) elezioni (44) energia (17) europa (36) fascismo (26) filosofia (24) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (25) guerra (76) intelligenza artificiale (25) italia (31) lavoro (38) letteratura (36) mario pacelli (30) media (58) milano (19) musica (110) napoli (20) politica (337) potere (189) rappresentazione (20) religione (22) roma (23) russia (21) salute (62) satira (20) scienza (20) scuola (27) seconda guerra mondiale (45) sinistra (18) società (352) stefano rolando (31) storia (39) teatro (27) tecnologia (20) televisione (32) tradizione (27) ucraina (34) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI