UNA NUOVA SPERANZA

Di fronte a quello che accade in Francia ci si augura che non si ripeta l’errore che la classe dirigente del nostro Paese fece nel secolo scorso difronte alla rivolta giovanile del 68: aspirazioni e obiettivi delle nuove generazioni non trovarono alcuno sbocco nelle istituzioni democratiche, e rifluirono verso forme di dissenso sociale e di opposizione al sistema.
Un modo come un altro per dire «faccio da solo», un modo come un altro per affermarsi e legittimarsi come nuovo soggetto politico.

I partiti, occupati nella ricerca di nuovi equilibri, scelsero la strada del rifiuto. Si sparsero così i primi semi di quel fenomeno terroristico, e in particolare del terrorismo rosso, che dagli anni Settanta segnarono la storia del nostro Paese.

Ovviamente sarebbe una inutile esercitazione fare un paragone fra il mondo di oggi e il mondo di quegli anni, erano anni in cui la fabbrica guidava la società e la sinistra guidava la fabbrica. una sinistra che riusciva a contendere alle forze del capitalismo industriale il senso di marcia mentre oggi è la destra che riesce a guidare il senso comune del conflitto sociale.
Oggi la fabbrica non c’è più e la sinistra si è persa nel labirinto digitale. Come scrive Baumann la lotta di classe è sostituita dalla lotta per il riconoscimento.

La verità è che una volta realizzato il welfare la sinistra non ha avuto più nulla da proporre.
Così anche il partito della sinistra che era sopravvissuto allo tzunami di tangentopoli è finito per apparire all’opinione pubblica come una centrale di potere autonomo che si alimenta non tanto del consenso dei cittadini quanto di quello di una ristretta oligarchia che lo governa.
E quando questa oligarchia è stata messa sotto accusa ha cercato una soluzione nella segreteria al femminile. Sembra una operazione di marketing!
Ma come recita un vecchio detto popolare “la pezza è peggiore del buco”.

Oggi siamo alla democrazia dell’algoritmo, dal capitalismo industriale siamo passati a quello finanziario e rapidamente a quello della sorveglianza, e alle viste c’è quello dell’AI.
Siamo nel pieno di una fase di transizione e tutti questi fattori hanno cambiato la dialettica sociale buttando fuori campo la vecchia sinistra del contratto sociale.
Ci vuole un nuovo pensiero e una nuova speranza, come scrive Edgar Morin.


SEGNALIAMO

Oggi siamo alla democrazia dell'algoritmo, dal capitalismo industriale siamo passati a quello finanziario e rapidamente a quello della sorveglianza, e alle viste c’è quello dell'AI. Siamo nel pieno di una fase di transizione e tutti questi fattori hanno cambiato la dialettica sociale buttando fuori campo la vecchia sinistra del contratto sociale. Ci vuole un nuovo pensiero e una nuova speranza, come scrive Edgar Morin.

NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (31) ambiente (29) amministrazione (21) arte (61) cinema (40) civismo (45) comunismo (22) cultura (326) democrazia (38) economia (73) elezioni (55) energia (17) europa (50) fascismo (27) filosofia (26) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (29) guerra (84) intelligenza artificiale (29) italia (37) lavoro (38) letteratura (38) mario pacelli (30) media (61) milano (19) musica (115) napoli (20) politica (362) potere (199) rappresentazione (21) religione (23) roma (23) russia (25) salute (65) satira (20) scienza (21) scuola (27) seconda guerra mondiale (47) sinistra (18) società (374) stefano rolando (31) storia (41) teatro (28) tecnologia (20) televisione (37) tradizione (27) ucraina (35) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI