QUO VADIS

(tradotto dove andiamo, da dove veniamo e cosa mangiamo stasera)

POLIS TRENTO

Quo vadis, “I dilemmi del nostro tempo” è il titolo del Festival dell’Economia di Trento, arrivato ormai alla sua diciannovesima edizione. Tema complesso e complicato, sicuramente affascinante, derivato di un mondo che cambia e che andrebbe letto con paradigmi differenti e pensiero lungo, o laterale, secondo i casi e le angolature. 

Il festival mette al centro i temi di una modernità che secondo alcuni è una fase di transizione, secondo altri di rottura, o ancora di metamorfosi (personalmente propendo per quest’ultima suggestione). Il mondo che c’è oggi è scandito dall’emergenza climatica, dal digitale, da un profondo cambiamento della demografia, o ancora da conflitti la cui soluzione è sempre più difficile. A Trento si ragiona dunque sulla direzione e sul senso di questo cambiamento, mettendo i temi sul tavolo senza preoccuparsi troppo delle soluzioni, che oggettivamente non si vedono. Niente di straordinariamente nuovo quindi, ma almeno si fa spazio un esercizio di consapevolezza, sempre apprezzabile. Il digitale, ormai è noto, cambia il mondo e il nostro modo di vivere. Per fortuna non ci è dato sapere cosa accade domani. Ma nel frattempo almeno sappiamo che è tempo di capire, citando Woody Allen, “dove si va, da dove si viene e soprattutto cosa si mangia stasera per cena”. 

Il festival di Trento, tra l’altro, capita mentre ISTAT certifica l’inverno demografico e la povertà educativa che affligge l’Italia, e ad una settimana dal voto per le Europee, al termine di una campagna elettorale mediocre come poche se ne sono viste.

Più prosaicamente i temi per noi abitanti del Belpaese sono il lavoro, il welfare e la sanità, messi in crisi dalla transizione demografica, cosa di cui si incomincia finalmente a parlare. La diffusione della povertà in tutte le sue declinazioni e sfumature, assoluta e relativa, educativa ed economica, compreso il tema spiazzante del lavoro povero, con buona pace di chi è contrario a meccanismi di redistribuzione del reddito mediante sistemi universalistici. La presenza di grande parte della politica a Trento, infine, mostra come di idee in giro ce ne siano poche e spesso confuse: un paradosso se si pensa che si vota non solo per decidere chi va a rappresentarci in Europa, ma soprattutto per decidere che Europa si vuole essere, visto che l’Europa sembra essere, almeno a quanto viene fuori da questo festival, l’orizzonte più utile per tutti i cittadini europei.  

TORINO

Trento non è il solo Festival dell’Economia che si tiene nel periodo tra maggio e giugno. Da pochi anni, ce n’è un secondo a Torino, è verde anziché arancione, e ha che simbolo un albero anziché uno scoiattolo. La competizione tra le due città la vince Trento: cinque Nobel a tre, un numero maggiore di turisti, visitatori e star tra gli ospiti, e maggiore attenzione sui media nazionali. Del resto l’originale è sempre meglio della copia. Ma se la competizione aiuta sempre, forse in questo caso è sembrata fuori luogo. A naso, quello torinese prova ad essere più di sinistra del fratello maggiore trentino, per come oggi l’economia possa essere di sinistra… Nella sostanza, sia le questioni sia la difficoltà nel pensare soluzioni percorribili e sostenibili sono le stesse. Il pensiero unico secondo il quale il mercato risolve tutto continua ad essere l’orizzonte nel quale prendono forma analisi e soluzioni, nonostante la crisi nel neoliberismo e del turbo capitalismo finanziario. Forse di nuovo c’è, finalmente, la consapevolezza che lo Stato serve, e che serve capire che tipo di Stato si vuole per noi e per chi viene dopo di noi. 


SEGNALIAMO

  • La vera alternativa europea, di Pier Virgilio Dastoli

    La vera alternativa europea, di Pier Virgilio Dastoli

    Dopo il voto del 9 giugno 2024 Pier Virgilio Dastoli Presidente Movimento Europeo Italia In un commento a caldo il Presidente del Movimento europeo Italia Pier Virgilio Dastoli spiega come “Per evitare il rischio che la nave dell’Unione europea possa virare effettivamente a destra e cioè verso un indebolimento delle regole democratiche, è necessario un patto…


  • Quale futuro politico per l’Unione europea dopo il voto, di Bruno Somalvico

    Quale futuro politico per l’Unione europea dopo il voto, di Bruno Somalvico

    Il complesso quadro dei gruppi politici in seno al Parlamento europeo Bruno Somalvico Direttore editoriale di Democrazia futura In un breve commento Bruno Somalvico, direttore editoriale di Democrazia futura analizza “Quale futuro politico per l’Unione europea dopo il voto”. Nonostante la crescita dell’estrema destra e l’indebolimento dei governi dei due Paesi guida dell’Unione, il quadro politico europeo rimane sostanzialmente stabile.…


  • I Grandi Paesi svoltano a destra, l’Europa tiene la barra al centro, di Giampiero Gramaglia

    I Grandi Paesi svoltano a destra, l’Europa tiene la barra al centro, di Giampiero Gramaglia

    I risultati delle elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo1 Giampiero Gramaglia Giornalista,co-fondatore di Democrazia futura, già corrispondente a Washington e a Bruxelles “I grandi Paesi svoltano a destra, l’Europa tiene barra al centro”, così Giampiero Gramaglia riassume il voto per il rinnovo del Parlamento europeo nei 27 paesi dell’Unione. Nonostante i grossi scossoni in Francia e Germania…


  • La scelta azzardata di Macron, di Alberto Toscano

    La scelta azzardata di Macron, di Alberto Toscano

    Il vero terremoto politico è quello scatenato dalla decisione di sciogliere il Parlamento Alberto Toscano Giornalista e scrittore già Presidente dell’Associazione della stampa estera a Parigi  Il vero terremoto politico è quello scatenato dalla decisione di sciogliere il Parlamento non dai risultati del voto essendo la sconfitta della maggioranza presidenziale macroniana largamente annunciata dai sondaggi. Alberto…


  • QUALE ESITO DEL VOTO

    … E SU QUALE FAGLIA PER IL FUTURO DELL’EUROPA “OLTRE” L’ASTENSIONE? Voto europeo e astensione incombente ma verso una quale stabilità del quadro complessivo? Nonostante le guerre, le poli-crisi economica, sociale e migratoria e le sfide ambientali e dopo l’uscita dal Covid – secondo le previsioni – si assegnerà fiducia alla democrazia e agli assetti…


  • DUM ROMAE CONSULITUR, SAGUNTUM EXPUGNATUR

    DUM ROMAE CONSULITUR, SAGUNTUM EXPUGNATUR

    Annibale stava provocando Roma in attuazione del suo progetto di conquista. Così, mentre a Roma non si sapeva che pesci pigliare e si continuava a discutere sul da farsi, Annibale prendeva Sagunto e la distruggeva. Fu questo l’innesco della seconda guerra punica, che durò ben sedici anni, finché sotto il comando di Scipione l’Africano l’esercito…


  • I GIOVANI E L’ASTENSIONISMO DAL VOTO

    I GIOVANI E L’ASTENSIONISMO DAL VOTO

    Solo negli ultimi giorni due rappresentanti della new generation sono comparsi a Tagadà, il programma pomeridiano in diretta su La7, insieme a giornalisti ed esponenti della politica, rigorosamente equilibrati in base alla par condicio. Questi ultimi si sono approcciati con le due voci fuori dal coro non senza un pregiudizievole atteggiamento di sospetto se non…


  • Intervento dell’On.le Giacomo Matteotti

    SOLLECITIAMO LA FORMAZIONE DEGLI STATI UNITI D’EUROPA “La disputa non è tra liberismo e protezionismo, ma ritorna sotto di essa la disputa fondamentale, l’immanente contrasto degli interessi di classe. Nelle varie forme di protezione, e nei conseguenti contrasti di categorie e di nazioni, chi è meno avvantaggiato e chi è più danneggiato, è sempre il…


  • Futuri equilibri politici incerti nell’Unione europea, di Giampiero Gramaglia

    Futuri equilibri politici incerti nell’Unione europea, di Giampiero Gramaglia

    Il voto per il rinnovo del Parlamento europeo 1 Giampiero Gramaglia Giornalista,co-fondatore di Democrazia futura, già corrispondente a Washington e a Bruxelles Da ieri 6 giugno in Olanda sino a domenica 9 giugno con modalità orari e leggi diverse Paese per Paese 373 milioni di cittadini europei sono chiamati al voto per rinnovare il Parlamento europeo. Giampiero Gramaglia esamina sulla…


  • Fra speranza di tregua in Medio Oriente e paura dei missili in Ucraina, di Giampiero Gramaglia

    Fra speranza di tregua in Medio Oriente e paura dei missili in Ucraina, di Giampiero Gramaglia

    La situazione sui due principali fronti bellici alla vigilia del voto europeo1 Giampiero Gramaglia Giornalista,co-fondatore di Democrazia futura, già corrispondente a Washington e a Bruxelles Rimane sempre incerto il quadro dei conflitti nello scacchiere medio-orientale come sul fronte ucraino. Nella sua quinta corrispondenza  dedicata ai due conflitti nel fascicolo primaverile di Democrazia futura Giampiero Gramaglia…