LE LUMACHE LE MACCHINE E L’UMANITÀ

Carrara 9 settembre

Possiamo coesistere con le macchine?

Tanto per cominciare dobbiamo capire una volta per tutte che l’IA è “diversa” da noi, o meglio è diversamente intelligente da noi esseri umani, un pò come le lumache che mangiano il basilico nel giardino.

Le lumache sono sicuramente intelligenti: sanno cosa vogliono, sanno come organizzarsi e sanno come trovare il basilico nel giardino. You tube è un pò come la lumaca nel giardino che cerca il basilico. Sa che deve farci cliccare su un pulsante per farci guardare un video, sa come “studiarci” e quali strategie adottare per farci fare il prezioso clic. Così come la lumaca pensa al basilico e gironzola nel giardino, l’algoritmo di youtub ragiona sul clic e ci studia nel web. Niente di più.

A noi non passa nemmeno per l’anticamera del nostro cervello, umano, di metterci a discutere o di confrontarci con una lumaca: è impossibile ragionare con una lumaca. Lo stesso dovrebbe valere per YouTube: è un algoritmo. Non possiamo aspettarci che l’algoritmo pensi autonomamente “attenzione: questo è un utente minorenne ed ha bisogno di protezione”. È una macchina che non comprende il contesto. Siamo noi che dobbiamo dire alla macchina cosa fare.

Quindi invece di preoccuparci cosa possono fare le macchine a noi umani dobbiamo essere noi a decidere cosa dire di fare alle macchine. E dobbiamo essere noi a fare le leggi per decidere cosa è accettabile che le macchine facciamo, e cosa non lo è.
O come le macchine devono fare quello per cui sono programmate.

Da qui la seconda domanda: come è possibile che l’intelligenza artificiale, che è tra di noi e ha trasformato praticamente tutto il nostro ecosistema non sia ancora entrata nel dibattito pubblico?

Il problema è della politica, non della tecnologia, che è una delle caratteristiche più tipica dell’umanità. L’uomo Tecnosapiens semplicemente ha costruito e costruisce strumenti per rispondere ai suoi bisogni. Poi ha inventato un modo per risolvere i conflitti e governarli, questione oggi urgente e attuale più che mai. La politica serve a governare il conflitto, a socializzarlo. Lo fa attraverso organizzazioni e partiti, che organizzano e danno una forma alle tensioni che “naturalmente” si generano nella distribuzione delle risorse o nelle asimmetria dei diritti sociali e civili. Il passaggio al digitale ha generato nuovi conflitti nella nostra società, e la politica non se ne è occupata: ha anestetizzato le tensioni, ha polarizzato e trasformato in rissa il dibattito evitando di provare davvero a intervenire sui rapporti di forza esistenti.
Oggi abbiamo un mondo nuovo che conosciamo solo in parte, senza leggi, senza governo, senza direzione e senza stratega. Siamo ancora in tempo ovviamente. Ma dobbiamo occuparcene ora, da subito, non domani.

Sempre a Carrara una mostra (bellissima) sul Noocene, neologismo che mette assieme “mente” o ‘ragione’ e “nuovo”, coniato dal filosofo Hub Zwart che immagina una transizione oltre l’Antropocene, l’era in cui tutto è centrato sull’uomo ed in cui l’umanità pensante trasforma e assimila il mondo. La cosa interessante della mostra è il tentativo di andare oltre l’idea della persona al centro, mantra che ci ha accorciato vista e vita negli ultimi 30 anni, superando le tendenze individualistiche e mettendo al centro l’ecosistema, le relazioni tra tutto il vivente. Umani e lumache comprese.

Siamo noi a dover decidere se le macchine diversamente intelligenti devono fare parte del nostro ecosistema.

Da incorniciare il tema del festival: “Cosa ci rende umani? Cosa rende umano il nostro agire? Per comprendere l’orizzonte generale dell’esperienza umana, fra natura e cultura, non si può prescindere dal legame con gli altri. Bisogna rischiare di abitare il mondo insieme ad altri e quindi rischiare di essere umani. Definire i contorni dell’umano vuol dire fare i conti con disuguaglianze e iniquità, con forze che sono costantemente in bilico fra umanità e disumanità.”


SEGNALIAMO


NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (31) ambiente (29) amministrazione (21) arte (61) cinema (40) civismo (45) comunismo (22) cultura (326) democrazia (38) economia (73) elezioni (55) energia (17) europa (50) fascismo (27) filosofia (26) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (29) guerra (84) intelligenza artificiale (29) italia (37) lavoro (38) letteratura (38) mario pacelli (30) media (61) milano (19) musica (115) napoli (20) politica (362) potere (199) rappresentazione (21) religione (23) roma (23) russia (25) salute (65) satira (20) scienza (21) scuola (27) seconda guerra mondiale (47) sinistra (18) società (374) stefano rolando (31) storia (41) teatro (28) tecnologia (20) televisione (37) tradizione (27) ucraina (35) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI