L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA ED IL TERZO SETTORE CIVICO

Quale ruolo per il Terzo Settore civico con l’autonomia differenziata del ddl Calderoli?Ci si domanda come il terzo settore potrà agire e reagire in questa situazione di autonomia differenziata?

Fermo restando che l’iter parlamentare ed attuativo si è attivato vale la pena fare alcune considerazioni riguardo al ruolo del Terzo Settore civico.

Il terzo settore avrà una funzione di  sviluppo dell’asset civico dei territori perché il possibile differenziale fra il centro nord e il sud obbliga il terzo settore con le sue imprese sociali non profit ed il volontariato ad avere una funzione di riequilibrio, ma anche se così non fosse cioè se si rimanesse nella situazione disequilibrio vigente e corrente,esso costituirebbe un’operazione di valore aggiunto percepito dai cittadini.Non dimentichiamo che il “purpose” delle imprese sociali non profit e quello di sviluppare attività di interesse generale.

Infatti tutto questo ancora una volta sottolinea il ruolo sussidiario del terzo settore e quindi della importanza della sua prossimità nei confronti della domanda e del suo valore sociale.

Operando con vicinanza calligrafica,nei  territori, ha sempre gestito operativamente la risposta ai bisogni della domanda quindi anche in questo caso dovrebbe affiancare al dibattitito sulla bontà o meno delle scelte macro anche  l’operatività “industriale” del rispondere ai bisogni sociali e civici.

Nel concreto analizziamo due tipologie di non profit ed il loro comportamento rispetto all’autonomia differenziata:

1^tipologia: il terzo settore che ha dei finanziamenti che derivano dai trasferimenti e contrattazioni di servizio con i comuni, le province e le regioni a fronte di servizi erogati, è abbastanza evidente che tutto questo si collegherà all’entità del monte totale dei trasferimenti di base che sono fatti dallo Stato calcolando i LEP(Livelli Essenziali di Prestazione).

Si pensi,prevalentemente, alle cooperative sociali ed imprese sociali del d.lgs 112/17, ma anche alle organizzazioni di volontariato che svolgono servizi strutturati per conto di comuni,province e regioni.

La perequazione tra le varie regioni della  autonomia differenziata si traduce in una “ par condicio” dei cittadini nell’ esercitare la capacità e l’esigibilità di fruizione di diritti civili e sociali con un assetto di costi ed una risposta ai fabbisogni standard per cui esiste un avanzamento di equità.

Il sistema terzo settore finanziato tramite bandi(gare)e trasferimenti di comuni,province e regioni coprirà le esigenze dei minori  in difficoltà, le patologie sociali,le fasce deboli per disabilità e  tante altre esigenze sociali in modo sussidiario.

Si consideri che ormai è un dato che tutte queste realtà deboli nonché i circa 5,6 milioni di cittadini in povertà assoluta(2022), trovano un ruolo riparativo  importantissimo nelle imprese sociali non profit.

Così è per assetto aziendale e formula imprenditoriale delle non profit i cui costisono decisamente inferiori rispetto a quelli che si avrebbero se i servizi fossero erogati dallo Stato o da aziende private .

Ovviamente tutto questo sarà il risultato di una nuova negoziazione fra comuni, province e regioni nei confronti di questo terzo settore che ha dei costi strutturati che devono essere ristorati da nuove tariffe o prezzi di contrattazione

2^ tipologia:il terzo settore(associazioni di volontariato,fondazioni erogative,aziende di promozione sociale ecc-con riferimento prevalente al d.lgs 117/17)che,di massima, non è oggetto di trasferimenti, ma si regge su quote associative, donazioni, contributi di “fondazioni di origine bancaria” ed altre,di fund raising nei confronti dei singoli e delle imprese .

E’  chiaro che questo Terzo Settore dovrà sviluppare fortemente attività di acquisizione di fondi, ma anche di volontari che ,a costo zero o quasi zero, svolgeranno ,in modo professionalizato, una serie di servizi di sussidiarietà  agìta.

Paradossalmente per il terzo settore di volontariato ci saranno delle opportunità a patto che si consideri opportunità il fatto di poter svolgere la propria attività per il tramite di una copertura  di costi che non si basa sul trasferimenti pubblici ,ma su flussi finanziari esterni nella logica del fundraising di tipo donativo,di tipo commerciale con campagne ad hoc di vendita di prodotti per avere flussi di finanziamento, con flussi di  entrate derivanti dalla gestione per esempio di somme filantropiche erogate da imprese o da persone singole che fanno scelte filantropiche o di mecenatismo.

Con un nuovo paradigma ove le donazioni di tipo filantropico e donativo oggi hanno subìto una trasformazione:infatti i filantropi-donatori sono anche investitori  vogliono delle certezze sia sulla destinazione del finanziamento e sia sulla redditività di impatto sociale con  indicatori di impatto

Il terzo settore ,specialmente al Sud,deve dimostrare la sua funzione  riparativa ,ma anche  di sviluppo dell’attività  civica a favore dei cittadini.

Si deve sviluppare  coesione sociale tramite attività concrete che producono valore aggiunto per il territorio nella logica del capitale sociale di Putnam e Coleman e concretizzare i diritti civili e sociali della popolazione che tanto sono citati  all’interno del  ddl 615 .

C’è  un cambiamento di paradigma tale per cui su una materia come la sanità e la socio assistenza si dovranno trovare formule imprenditoriali  e giuridiche ,che a differenza di altre tipologie di materie di trasferimento, riescano a sviluppare un livello di offerta simmetrico rispetto alla domanda con costi inferiori.

Alcune considerazioni di contesto generale indicano che l’autonomia differenziata  avrà dei tempi lunghi di attuazione parziale:questa è una certezza(1,5-2 anni).

Una volta approvato anche dalla Camera dei Deputati il ddl  615 del Senato, si dovranno sviluppare e approvare i LEP che  sono lo snodo critico

Prima il  Comitato Cassese deve  creare,valutare  l’efficacia teorica dei  LEP e calcolare  ex ante l’impatto degli indici creati per  poi verificarli ex post(c’è il dibattito aperto se l’impatto può essere calcolato “a monte” oppure se può essere soltanto verificato” a valle”) 

Una ulteriore nota di metodo:sì alla creatività ed all’ingegno dei LEP,ma bisogna anche considerare se i flussi di dati per gli indici  sono accessibili e di facile attivazione.

Comunque alcune regioni già oggi affermano che vorrebbero avere tutte  le materie di cui  si fa riferimento a fronte degli articoli 116 e 117 della Costituzione .

Sono 23 le materie che possono essere oggetto di Autonomia differenziata. Tra queste  alcune di criticità per il welfare come la tutela della salute istruzione, sport, ambiente, energia, trasporti, cultura.

Sono materie di legislazione concorrente quelle relative a: rapporti internazionali e con l’Unione europea delle Regioni; commercio con l’estero; tutela e sicurezza del lavoro; istruzione, salva l’autonomia delle istituzioni scolastiche e con esclusione della istruzione e della formazione professionale; professioni; ricerca scientifica e tecnologica e sostegno all’innovazione per i settori produttivi; tutela della salute; alimentazione; ordinamento sportivo; protezione civile; governo del territorio; porti e aeroporti civili; grandi reti di trasporto e di navigazione; ordinamento della comunicazione; produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell’energia; previdenza complementare e integrativa; coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario; valorizzazione dei beni culturali e ambientali e promozione e organizzazione di attività culturali; casse di risparmio, casse rurali, aziende di credito a carattere regionale; enti di credito fondiario e agrario a carattere regionale(art 117 della Costituzione).

 Quattordici sono le materie definite dai LEP,: si tratta di materie di competenza concorrente Stato-Regioni su cui gli standard minimi delle prestazioni dovranno essere assicurati su tutto il territorio nazionale.

La determinazione dei Lep( criteri che determinano il livello di servizio minimo che deve essere garantito in modo uniforme sull’intero territorio nazionale) sono l’esperanto attuativo.

I LEP sono  il “dare le gambe” all’autonomia indifferenziata e sono l’elemento basico per rendere esigibili i diritti civili e sociali dei  cittadini. Garantendo la coesione economica e sociale tra i vari territori in un contesto di costi e fabbisogni standard(servizi pubblici garantiti con un uso più efficiente delle risorse pubbliche) , nei limiti delle risorse rese disponibili nella legge di bilancio e considerando il quadro finanziario delle Regioni.Sono possibili compartecipazioni di copertura dei costi da parte delle regioni.

  E’ certamente  un piatto ricco per le regioni ricche ,che rischia però di aumentare il differenziale con le regioni meno dotate (nel sud per esempio)anche se alcune scelte di concertazione fra vari attori economici(comuni,imprese sociali non profit e profit) potrebbero attenuare questo divario.

Ed  inoltre l’articolo 9 garantisce per tutte le regioni il finanziamento della  spesa storica  e varierà per” l’effetto specchio” cioè se si aumenteranno i flussi finanziari per le regioni che hanno determinati livelli dei LEP,aumenteranno anche di default le erogazioni per le regioni che non hanno chiesto l’autonomia.

 Inoltre facendo riferimento anche all’articolo 119 della Costituzione, bisogna istituire un fondo perequativo senza alcun vincolo di destinazione per i territori con minore capacità fiscali .

Tutto questo dovrà avvenire preparandosi e preparando una classe dirigente e di management adeguata a questi tipi di cambiamenti perché il terzo settore si porrà sempre e comunque in una realtà di mercato dove i cittadini apprezzeranno  il suo operato se soddisfatti e quindi saranno anche motivati a finanziare tutto questo terzo settore che integra l’efficacia e l’efficienza operativa e “vestendo” i LEP con  valorialità sociale e civile.


SEGNALIAMO

  • Il sogno in cabina, di Beppe Attene

    Il sogno in cabina, di Beppe Attene

    Vecchi e nuovi gattopardismi Beppe Attene Autore, sceneggiatore e manager audiovisivo, già responsabile della produzione di Cinecittà Beppe Attene ne “Il voto in cabina” commenta per Democrazia futura quanto emerso dalla recente campagna elettorale ovvero quelli che nell’occhiello sono definitivi come “vecchi e nuovi gattopardismi” esprimendo “Il solito manicheismo contro l’Altro privo di programmi, obiettivi e strumenti”: “Entrambi…


  • Doppio sogno georgiano, di Giulio Ferlazzo Ciano

    Doppio sogno georgiano, di Giulio Ferlazzo Ciano

    Le incognite che pesano sull’inclusione della Georgia nell’Unione europea Giulio Ferlazzo Ciano Dottore di ricerca in Storia contemporanea Giulio Ferlazzo Ciano, prendendo spunto dai recenti scontri a Tbilisi contro la Legge sulla Trasparenza e l’Influenza straniera, descrive “Le incognite che pesano sull’inclusione della Georgia nell’Unione europee” che sono numerose e di varia natura, ovvero politiche,…


  • Puntare sull’Europa per salvare il capitalismo democratico e la democrazia liberale, di Carlo Rognoni

    Puntare sull’Europa per salvare il capitalismo democratico e la democrazia liberale, di Carlo Rognoni

    L’analisi di Martin Wolf ci aiuta a capire i rischi di deriva autoritaria emersi dal voto europeo Carlo Rognoni  Giornalista, ex vicepresidente del Senato, già consigliere di amministrazione della Rai  A una settimana dal voto europeo Carlo Rognoni in “Puntare sull’Europa per salvare il capitalismo democratico e la democrazia liberale” dopo aver riassunto i sei…


  • Tutti al tavolo della diplomazia, tranne i belligeranti, di Giampiero Gramaglia

    Tutti al tavolo della diplomazia, tranne i belligeranti, di Giampiero Gramaglia

    Giampiero Gramaglia Giornalista,co-fondatore di Democrazia futura, già corrispondente a Washington e a Bruxelles “Tutti al tavolo della diplomazia, tranne i belligeranti”. così Giampiero Gramaglia intitola il suo aggiornamento settimanale sull’evoluzione dei conflitti in Medio Oriente e in Ucraina. Sul primo fronte – scrive l’ex direttore dell’Ansa – “[…] mentre il negoziato per una tregua, duratura o definitiva, può davvero essere alle…


  • Per una nuova sovranità politica di fronte all’escalation delle guerre e allo strapotere della tecnoscienza. Ribadire lo spirito di Helsinki, di Bruno Somalvico

    Per una nuova sovranità politica di fronte all’escalation delle guerre e allo strapotere della tecnoscienza. Ribadire lo spirito di Helsinki, di Bruno Somalvico

    Podcast del 12esimo fascicolo di Democrazia futura Bruno Somalvico Direttore editoriale di Democrazia futura Il dodicesimo fascicolo della nostra rivista, l’ultimo del 2023, sebbene in larga parte predisposto sin dai primi mesi del nuovo anno, esce con grave ritardo suddiviso nelle quattro parti che ormai caratterizzano la nostra rivista trimestrale: Hermes (geopolitica), Techné (comunicazione media…


  • VOTO UE E G7

    VOTO UE E G7

    Come le lezioni Covid e Green New Deal avrebbero dovuto insegnare. Il voto UE ci dice peraltro di non sottovalutare la “svolta” intergenerazionale di giovani sotto i 25 anni che in Germania e Francia o in Belgio e Finlandia per esempio hanno votato in una quota significativa AFD o FN o Finn oppure si sono…


  • PER NIENTE “ULTIMO”

    Dunque la metà degli italiani (e’ utile ricordare in quanti votano) sembrano privilegiare il bipolarismo. C’è un giovane cantante che ha deciso di chiamarsi “Ultimo”.Fosse il vero nome, potresti pensare che sia l’autoesortazione che i genitori di una famiglia gia’ troppo numerosa si sono fatti al momento del suo concepimento.E’ probabile, invece, che sia una…


  • La vera alternativa europea, di Pier Virgilio Dastoli

    La vera alternativa europea, di Pier Virgilio Dastoli

    Dopo il voto del 9 giugno 2024 Pier Virgilio Dastoli Presidente Movimento Europeo Italia In un commento a caldo il Presidente del Movimento europeo Italia Pier Virgilio Dastoli spiega come “Per evitare il rischio che la nave dell’Unione europea possa virare effettivamente a destra e cioè verso un indebolimento delle regole democratiche, è necessario un patto…


  • Quale futuro politico per l’Unione europea dopo il voto, di Bruno Somalvico

    Quale futuro politico per l’Unione europea dopo il voto, di Bruno Somalvico

    Il complesso quadro dei gruppi politici in seno al Parlamento europeo Bruno Somalvico Direttore editoriale di Democrazia futura In un breve commento Bruno Somalvico, direttore editoriale di Democrazia futura analizza “Quale futuro politico per l’Unione europea dopo il voto”. Nonostante la crescita dell’estrema destra e l’indebolimento dei governi dei due Paesi guida dell’Unione, il quadro politico europeo rimane sostanzialmente stabile.…


  • I Grandi Paesi svoltano a destra, l’Europa tiene la barra al centro, di Giampiero Gramaglia

    I Grandi Paesi svoltano a destra, l’Europa tiene la barra al centro, di Giampiero Gramaglia

    I risultati delle elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo1 Giampiero Gramaglia Giornalista,co-fondatore di Democrazia futura, già corrispondente a Washington e a Bruxelles “I grandi Paesi svoltano a destra, l’Europa tiene barra al centro”, così Giampiero Gramaglia riassume il voto per il rinnovo del Parlamento europeo nei 27 paesi dell’Unione. Nonostante i grossi scossoni in Francia e Germania…



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (31) ambiente (29) amministrazione (21) arte (61) cinema (40) civismo (45) comunismo (22) cultura (326) democrazia (38) economia (73) elezioni (55) energia (17) europa (50) fascismo (27) filosofia (26) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (29) guerra (84) intelligenza artificiale (29) italia (37) lavoro (38) letteratura (38) mario pacelli (30) media (61) milano (19) musica (115) napoli (20) politica (362) potere (199) rappresentazione (21) religione (23) roma (23) russia (25) salute (65) satira (20) scienza (21) scuola (27) seconda guerra mondiale (47) sinistra (18) società (374) stefano rolando (31) storia (41) teatro (28) tecnologia (20) televisione (37) tradizione (27) ucraina (35) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI