LA POLITICA COME SCIENZA FILOSOFICO-SOCIOLOGICA PARTE 2

Interdisciplinarità e unitarietà del concetto di politica

Data la complessità della politica contemporanea – globalizzata e globalizzante – è ormai invalsa la propensione, non solo nell’impostazione accademico-didattica ma, più in generale, nella politica culturale, di tenere presente in modo particolare ed esplicito l’interdisciplinarità, termine oggi considerato erroneamente sostitutivo, anziché espressivo, di una visione originariamente e necessariamente unitaria, anche quando inapparente, del sapere e della prassi e che in ogni caso rivela la carenza o l’estrema fragilità di una concezione che contraddittoriamente confonde l’unità di fondo con quella risultante dal mosaico (inter- e multi-disciplinare) il quale, del resto, presuppone già un disegno di partenza. Chiarito questo, il contributo delle varie discipline diventa preliminare per quanto segue.

Cercare di capire, oggi, la politica senza conoscere l’economia o, altro esempio, le trasformazioni culturali o, ancora, i grandi cambiamenti geo-demografici, significa molto più che nel passato votarsi all’incomprensione della politica stessa.

Mi forzerò, in queste riflessioni, di tenere presenti i risultati salienti delle varie scienze sociali e politiche, ma anche della filosofia politica, pur privilegiando la prospettiva storica: storia dei processi politici, storia del pensiero politico e così via.

Parto, a proposito di quest’ultimo, da due affermazioni di metodo:
1) non possiamo capire il pensiero politico senza conoscere la politica contemporanea, ma vale anche l’inverso;
2) non possiamo capire la politica contemporanea a prescindere dal pensiero politico contemporaneo (che, per non piccola parte, l’ha promossa e non solo influenzata).

Ma pensiero politico e politica contemporanei si inseriscono, a loro volta, in un contesto storico più ampio e questo ci rimanda in particolare alla storia – al processo storico – che precede e prepara la contemporaneità. Di qui, l’importanza del rapporto tra politica e storia: non c’è, infatti, nulla meglio della storia che ci possa far cogliere i cambiamenti della realtà politica contemporanea, che proprio nella storia si sono venuti e si vengono preparando, in particolare nella storia della cultura politica, a sua volta tributaria della cultura tout court. Ma il richiamo a quest’ultima ci suggerisce una seconda premessa a rafforzamento della prima.

La politica non è tutto e, anche se si parte dalla famosa affermazione aristotelica che sta alla base del pensiero politico occidentale – ossia che l’uomo è animale politico (e con cui Aristotele definiva l’uomo non la politica, nel senso quanto meno che l’uomo è naturalmente politico) – non possiamo dimenticare l’altra verità, già intravista dall’antichità ma precisamente scoperta dal cristianesimo: che prima di essere animale sociale e politico (secondo la traduzione della Politica aristotelica utilizzata da San Tommaso d’Aquino) l’uomo è individuo-persona, è una identità ontologica (unitaria) irrepetibile ed è questa che entra nella relazione sociale e politica.

Il riconoscimento appena esposto va, allora, completato con i seguenti:
1) la politica ha rapporto con l’uomo, l’uomo-individuo-persona, l’uomo sociale, l’uomo economico, l’uomo religioso, ecc.;
2) la politica – lo studio della politica – non può prescindere dall’economia, dalla religione e dalle corrispondenti forme di (auto-) organizzazione;
3) uno studio del pensiero politico non può prescindere dal rapporto con il pensiero sociale, economico, religioso, culturale in genere.

Donde l’importanza della conoscenza del pensiero politico e, dunque, della politica (la quale è, contestualmente, pensiero politico e azione politica, fattori reciprocamente integranti l’esperienza politica nella sua specificità), dentro la quale e in riferimento alla quale si calano gli eventi che, però, in essa non si esauriscono, perché, alla fine, è l’uomo, con la sua libertà, con la sua razionalità, con le sue passioni ed emozioni, a fare la storia politica, la storia tout court (e solo in questo senso ne è fatto: la storia è storia dell’uomo che si fa…).

Ciò – per tirare una prima conclusione – significa tener conto delle basi antropologiche della politica. Questa, insomma, implica una più generale concezione dell’uomo, affermazione che vale tanto per il mondo classico (si è accennato all’uomo come zoon politkòn) e medioevale (l’uomo animal politicum et sociale) quanto moderno (l’uomo giusnaturalistico-contrattualistico e utilitarista) e contemporaneo (sia l’individuo portatore dei diritti umani e naturalmente degli interessi economici, intesi – i primi e i secondi – in senso individualistico, sia l’individuo sociale che definisce la “persona” umana).

Di qui, si ribadisce, l’importanza, accanto alla storia politica, della filosofia politica, importanza che non viene offuscata da quelle “scienze sociali” che implicano ed esprimono l’odierna concezione “scientifica” (epistemologico-scientifica) dell’uomo: nel senso che anche l’egemonia “scientifica” del sapere contemporaneo comporta una vera e propria concezione dell’uomo e anzi, ancor prima, da questa concezione nasce e matura (si ricordi la tempestiva e acuta intuizione di Fernand Braudel che ha qualificato le scienze sociali come la “storiografia del presente”).


SEGNALIAMO

  • Il sogno in cabina, di Beppe Attene

    Il sogno in cabina, di Beppe Attene

    Vecchi e nuovi gattopardismi Beppe Attene Autore, sceneggiatore e manager audiovisivo, già responsabile della produzione di Cinecittà Beppe Attene ne “Il voto in cabina” commenta per Democrazia futura quanto emerso dalla recente campagna elettorale ovvero quelli che nell’occhiello sono definitivi come “vecchi e nuovi gattopardismi” esprimendo “Il solito manicheismo contro l’Altro privo di programmi, obiettivi e strumenti”: “Entrambi…


  • Doppio sogno georgiano, di Giulio Ferlazzo Ciano

    Doppio sogno georgiano, di Giulio Ferlazzo Ciano

    Le incognite che pesano sull’inclusione della Georgia nell’Unione europea Giulio Ferlazzo Ciano Dottore di ricerca in Storia contemporanea Giulio Ferlazzo Ciano, prendendo spunto dai recenti scontri a Tbilisi contro la Legge sulla Trasparenza e l’Influenza straniera, descrive “Le incognite che pesano sull’inclusione della Georgia nell’Unione europee” che sono numerose e di varia natura, ovvero politiche,…


  • Puntare sull’Europa per salvare il capitalismo democratico e la democrazia liberale, di Carlo Rognoni

    Puntare sull’Europa per salvare il capitalismo democratico e la democrazia liberale, di Carlo Rognoni

    L’analisi di Martin Wolf ci aiuta a capire i rischi di deriva autoritaria emersi dal voto europeo Carlo Rognoni  Giornalista, ex vicepresidente del Senato, già consigliere di amministrazione della Rai  A una settimana dal voto europeo Carlo Rognoni in “Puntare sull’Europa per salvare il capitalismo democratico e la democrazia liberale” dopo aver riassunto i sei…


  • Tutti al tavolo della diplomazia, tranne i belligeranti, di Giampiero Gramaglia

    Tutti al tavolo della diplomazia, tranne i belligeranti, di Giampiero Gramaglia

    Giampiero Gramaglia Giornalista,co-fondatore di Democrazia futura, già corrispondente a Washington e a Bruxelles “Tutti al tavolo della diplomazia, tranne i belligeranti”. così Giampiero Gramaglia intitola il suo aggiornamento settimanale sull’evoluzione dei conflitti in Medio Oriente e in Ucraina. Sul primo fronte – scrive l’ex direttore dell’Ansa – “[…] mentre il negoziato per una tregua, duratura o definitiva, può davvero essere alle…


  • Per una nuova sovranità politica di fronte all’escalation delle guerre e allo strapotere della tecnoscienza. Ribadire lo spirito di Helsinki, di Bruno Somalvico

    Per una nuova sovranità politica di fronte all’escalation delle guerre e allo strapotere della tecnoscienza. Ribadire lo spirito di Helsinki, di Bruno Somalvico

    Podcast del 12esimo fascicolo di Democrazia futura Bruno Somalvico Direttore editoriale di Democrazia futura Il dodicesimo fascicolo della nostra rivista, l’ultimo del 2023, sebbene in larga parte predisposto sin dai primi mesi del nuovo anno, esce con grave ritardo suddiviso nelle quattro parti che ormai caratterizzano la nostra rivista trimestrale: Hermes (geopolitica), Techné (comunicazione media…


  • VOTO UE E G7

    VOTO UE E G7

    Come le lezioni Covid e Green New Deal avrebbero dovuto insegnare. Il voto UE ci dice peraltro di non sottovalutare la “svolta” intergenerazionale di giovani sotto i 25 anni che in Germania e Francia o in Belgio e Finlandia per esempio hanno votato in una quota significativa AFD o FN o Finn oppure si sono…


  • PER NIENTE “ULTIMO”

    Dunque la metà degli italiani (e’ utile ricordare in quanti votano) sembrano privilegiare il bipolarismo. C’è un giovane cantante che ha deciso di chiamarsi “Ultimo”.Fosse il vero nome, potresti pensare che sia l’autoesortazione che i genitori di una famiglia gia’ troppo numerosa si sono fatti al momento del suo concepimento.E’ probabile, invece, che sia una…


  • La vera alternativa europea, di Pier Virgilio Dastoli

    La vera alternativa europea, di Pier Virgilio Dastoli

    Dopo il voto del 9 giugno 2024 Pier Virgilio Dastoli Presidente Movimento Europeo Italia In un commento a caldo il Presidente del Movimento europeo Italia Pier Virgilio Dastoli spiega come “Per evitare il rischio che la nave dell’Unione europea possa virare effettivamente a destra e cioè verso un indebolimento delle regole democratiche, è necessario un patto…


  • Quale futuro politico per l’Unione europea dopo il voto, di Bruno Somalvico

    Quale futuro politico per l’Unione europea dopo il voto, di Bruno Somalvico

    Il complesso quadro dei gruppi politici in seno al Parlamento europeo Bruno Somalvico Direttore editoriale di Democrazia futura In un breve commento Bruno Somalvico, direttore editoriale di Democrazia futura analizza “Quale futuro politico per l’Unione europea dopo il voto”. Nonostante la crescita dell’estrema destra e l’indebolimento dei governi dei due Paesi guida dell’Unione, il quadro politico europeo rimane sostanzialmente stabile.…


  • I Grandi Paesi svoltano a destra, l’Europa tiene la barra al centro, di Giampiero Gramaglia

    I Grandi Paesi svoltano a destra, l’Europa tiene la barra al centro, di Giampiero Gramaglia

    I risultati delle elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo1 Giampiero Gramaglia Giornalista,co-fondatore di Democrazia futura, già corrispondente a Washington e a Bruxelles “I grandi Paesi svoltano a destra, l’Europa tiene barra al centro”, così Giampiero Gramaglia riassume il voto per il rinnovo del Parlamento europeo nei 27 paesi dell’Unione. Nonostante i grossi scossoni in Francia e Germania…



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (31) ambiente (29) amministrazione (21) arte (61) cinema (40) civismo (45) comunismo (22) cultura (326) democrazia (38) economia (73) elezioni (55) energia (17) europa (50) fascismo (27) filosofia (26) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (29) guerra (84) intelligenza artificiale (29) italia (37) lavoro (38) letteratura (38) mario pacelli (30) media (61) milano (19) musica (115) napoli (20) politica (362) potere (199) rappresentazione (21) religione (23) roma (23) russia (25) salute (65) satira (20) scienza (21) scuola (27) seconda guerra mondiale (47) sinistra (18) società (374) stefano rolando (31) storia (41) teatro (28) tecnologia (20) televisione (37) tradizione (27) ucraina (35) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI