IL DECLINO DEL “NEW YORK TIMES”

Il “New York Times” é diventato un giornale illeggibile. Me ne sono reso conto da quando ho cominciato ad accumulare sezioni del giornale senza averle lette. Tradizionalmente ho sempre acquistato l’edizione domenicale che, tra le nove sezioni, include il Magazine ed il Book Review.

Naturalmente sfoglio tutto il giornale, ma poi finisco per metterlo da parte perché gli articoli sono troppo lunghi, oppure incomprensibili, o non interessanti. La speranza é che, trovando un pó di tempo extra durante la settimana, possa tornare a riguardarlo con occhio meno critico. Ma non c’é niente da fare, dopo una settimana la pila di carta finisce diritta nel cestino del riciclo (che nella mia zona di New York City viene ritirato di venerdí).

Anche la sezione Book Review, in passato una delle migliori, se non la migliore, raccolta di recensioni dei nuovi libri, ultimamente non presenta mai libri di cui, se non interessato ad acquistarli, sarei propenso a leggerne la recensione. 

E pensare che anni fa, il Book Review del “New York Times” era cosí apprezzato che regalavo i suoi abbonamenti annuali a parenti e amici.

Essendo un patito della carta stampata, ho sostituito recentemente il “New York Times” con il “Wall Street Journal”, che ha due anime: quella giornalistica, molto interessate, informativa ed equilibrata, e quella dei commenti, molto reazionaria (al seguito della rete televisiva FOX che fa parte dello stesso gruppo).

Per evitare i commenti basta ignorare solamente tre pagine, mentre il resto del giornale, che si compone di due, tre sezioni nei giorni feriali e quattro sezioni al sabato (il “WSJ” non pubblica di domenica), offre articoli brevi ma esaurienti, di interesse pratico e scritti in un linguaggio discorsivo che invoglia a leggerli completamente.

Alla fine arriva la rivelazione dall’alto. Lo scorso 16 dicembre un lunghissimo articolo di James Bennet sul settimanale britannico “The Economist” ha messo tutto in prospettiva. Bennet é l’ex direttore delle pagine dei commenti del “New York Times” (che loro chiamano Op-Ed page), ed ora scrive per “The Economist”.

Bennet era stato licenziato dal “Times” nell’estate del 2020 perché aveva ospitato un articolo del senatore repubblicano dello stato dell’Arkansas, Tom Cotton, considerato troppo di destra. Bennet lo aveva giustificato come un articolo che compensava le molteplici posizioni spinte di sinistra del quotidiano. Contro Bennet ci si mise pure la NewsGuild-CWA, il sindacato dei giornalisti, che conta 1,500 aderenti del “Times” su un totale di 26,000 iscritti, occupati in 300 societá di media americane.

Nell’articolo, Bennet afferma che oggi “negli Usa i media seguono la pista del denaro offrendo ad un pubblico partigiano la versione della realtá che preferiscono”. 

Allo stesso tempo, peró, cita il suo ex capo al “Times”, Dean Baquet, che riconosce “come il ‘Times’ non comprende i punti di vista di molti americani”. 

L’articolo di Bennet rende chiaro il motivo per cui il “Times” non é piu’ leggibile, il che é un vero peccato, se lo si paragona al “Times” di appena un decennio fa (con l’esclusione della sezione “Sport” che é stata sempre illeggibile ed ora non piú parte del giornale).


SEGNALIAMO

  • “L’EDICOLA VIVENTE”: una scelta obbligata

    “L’EDICOLA VIVENTE”: una scelta obbligata

    “Alla ricerca dell’edicola perduta” potrebbe essere il titolo di un film di Spielberg dove un Indiana Jones va alla ricerca di una struttura con tanti giornali polverosi che attestano un’era passata. Speriamo che questa fantasia non si verifichi; per evitarla bisogna cambiare modello di business e far assumere alle edicole una funzione di vita e di impatto…


  • INGRATA PATRIA

    INGRATA PATRIA

    Libero di spaziare contro tutte le regole del giornalismo, libero di abbordare la notizia e soprattutto i personaggi famosi,


  • AGCOM VS. ZUCKENBERG

    AGCOM VS. ZUCKENBERG

    Le grandi piattaforme social sono un veicolo per “muovere” ulteriormente la diffusione di quei contenuti e farli conoscere che tuttavia non possono pretendere di usarli in forma gratuita adducendo il “compenso veicolare”.


  • PERCHÉ IL REGIME SIRIANO È “FUORI DALLA STORIA”

    PERCHÉ IL REGIME SIRIANO È “FUORI DALLA STORIA”

    INTERVISTA DI CARMEN LA SORELLA alla giornalista dissidente Wafa Ali Mustafa, vincitrice del premio Ipazia International Incontro Wafa Ali Mustafa,attivista, dissidente, giornalista siriana fuggita a Berlino, a Genova, dove ha ricevuto il Premio Ipazia International per il suo impegno a favore dei diritti umani, volto a costruire processi di pace a cominciare dal suo paese,…


  • CARO GIAMPAOLO,

    volete o vogliamo essere incisivi e concreti e non limitarci a un salotto culturale magari ricco di spunti per un esercizio mentale ormai obsoleto, ovvero il pensare, ma che resterebbe un patrimonio di pochi, interessante, stimolante, ma di pochi? Non inciderebbe infatti con la necessaria urgenza su una coscienza collettiva drogata, ovvero su una massa…


  • VERA, LA VERITA’

    E’ un romanzo che invita alla riflessione, che si snoda tra mille peripezie, incontri inattesi, l’emozione di salvare due bambini figli di Ahamed con una trama avvincente tra complicità e insidie e un epilogo nel segno dell’amore con un giovane incontrato ad un funerale.


  • CHI MANGIA MEGLIO TRA POVERI E RICCHI?

    IN QUESTO DUBBIO, IL NUOVO IDIOTA DIBATTITO DI QUESTI GIORNI Ennesima boutade di uno dei ministri di questo governo al meeting di Rimini, che pare stia diventando una lente d’ingrandimento di quella allarmante inadeguatezza che fa temere per le sorti del nostro Paese. Questa volta il protagonista è il ministro Lollobrigida, non nuovo nell’esternare teorie…


  • INDRO MONTANELLI

    INDRO MONTANELLI

    Montanelli restò a San Vittore tre mesi, durante i quali conobbe Mike Buongiorno, anche lui internato, e Giovanni Bertoni, un uomo arrestato per borsa nera e con alcuni precedenti penali, che affermava di essere il generale Fortebraccio della Rovere per cercare di carpire ai reclusi informazioni da passare ai tedeschi, che poco dopo (1944) lo…


  • ANDREA PURGATORI

    ANDREA PURGATORI

    Dopo momenti faticosi, era tornato alla ribalta con un prodotto ben fatto, moderno, forte della sua esperienza e solido per l’autorevolezza che esprimeva. Mi aveva confidato, di essere completamente preso, di non trovare più il tempo per la vita privata, solo ritagli e se ne rammaricava, ma era contento.


  • L’INTERVENTO – IL GIORNALISMO INVESTIGATIVO

    VIDEO SUL PROGETTO “INSIDE OVER”



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (31) ambiente (29) amministrazione (21) arte (61) cinema (40) civismo (45) comunismo (22) cultura (326) democrazia (38) economia (73) elezioni (55) energia (17) europa (50) fascismo (27) filosofia (26) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (29) guerra (84) intelligenza artificiale (29) italia (37) lavoro (38) letteratura (38) mario pacelli (30) media (61) milano (19) musica (115) napoli (20) politica (362) potere (199) rappresentazione (21) religione (23) roma (23) russia (25) salute (65) satira (20) scienza (21) scuola (27) seconda guerra mondiale (47) sinistra (18) società (374) stefano rolando (31) storia (41) teatro (28) tecnologia (20) televisione (37) tradizione (27) ucraina (35) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI