PASSION ECONOMY E IMPRESE SOCIALI: ed anche volontariato?

La “passion economy”, mettendo insieme un po’ di Treccani, di Cambridge dictionary, di sentire comune di dottrina economico aziendale, è un modo di sviluppare un management che ha in sé uno scopo ed un “purpose” determinato e spiegabile che integra il sociale e l’economico-finanziario.

Alcune rappresentazioni operative:

-Andriani spa Società benefit (innovation food)incrementa il welfare del sistema con l’abbattimento delle emissioni di gas climaterante della propria produzione e produce alga spirulina in logica di economia circolare.

-Gesteco spa,una media azienda, sta contribuendo ad alcuni SDG’s tramite progetti agìti di salute e benessere(20 azioni aziendali),lavoro dignitoso e crescita economica(18 azioni),istruzione di qualità(14 azioni aziendali) ed altro ancora ,

-A2A con il 100 % dei rifiuti urbani raccolti ed avviati a recupero di materia ed energia,9 milioni di Km percorsi a emissioni zero,444 tonnellate di Co2 evitate,progetti educativi in iniziative culturali ed in azioni di sostegno alle comunità locali.

-Piccole imprese come l’artigiano Fortunale ,che produce una linea di maglieria ecologica e riciclabile(filati puri e biologici,colorando le fibre con tinture vegetali quali piante,fiori e radici con certificazione Igea Got e approvato da Wool Mark).

-la conceria Nuvolari Società Benefit srl con produzione di pellame biodegradabile,compostabile e metal free.

-Zurich Assicurazioni insieme ad Action Aid ha sviluppato azioni di recupero dei Neet-“Né-Né”(Not in Education, Employment or Training)tramite azioni di education gestite anche dai propri dipendenti.

-Medtronic ,con l’iniziativa Donne leader in Sanità, con una Masterclass di Design Thinking e Agile per valorizzare i talenti e l’unicità dei dipendenti,Everel Group con la promozione delle eccellenze delle comunità locali ed incubatore.

-Deloitte pone al centro della sua gestione l’azione Talent Experience che alimenta l’impegno quotidiano verso dipendenti perché possano essere piene di energia, sicure e consapevoli in tutti gli aspetti della loro vita.

Perché la passione non è tutto, ma, senza di lei, non vai lontano nel business tradizionale e sociale.

La definzione di “passion economy” avvalora questa tesi; è il titolo del libro The Passion Economy di Adam Davidson (2020), uno scrittore del New Yorker staff e cofondatore del Planet Money podcast della National Public Radio.

Un altro riferimento è il filosofo economista William MacAskill con il libro “Doing good BETTER”(2016);è’ stato uno dei fondatori del gruppo Giving What We Can, nato a Oxford nel 2009. I membri hanno promesso di devolvere almeno il 10% dei loro guadagni agli enti di beneficenza

Nella vita di tutti i giorni, la passione è sentimento intenso e violento (per lo più di attrazione o repulsione verso un oggetto o una persona); ha una sua valenza sensuale e di grande fascino;è una inclinazione vivissima, forte interesse, trasporto per qualche cosa.

Non è residuale e non è solo la “gig economy” , il modello”Uber for X”,il mettere a reddito l’hobbistica,ma è una via importante ,decisiva e spesso sostanziale per il sistema economico finanziario.

E’ un modo di combinare l’intangibile e il tangibile,sentimento e hardware economico. E’ un modo di essere:creativi con uno scopo preciso,motivati a costruire imprese sociali.

Specialmente nel settore dei servizi si sviluppa la passione e l’empatia per cui si offrono prodotti e servizi che sono “prodotti e servizi aumentati” :concretezza delle attività e dei prodotti con il valore aggiunto e “il vantaggio percepito” dell’orientamento alla soddisfazione del fruitore e del cliente compratore

Il volontariato per esempio,se professionalizzato e organizzato ,in logica di imprenditorialità sociale,in connubio con la struttura portante dell’impresa sociale profit e non profit ,crea strutture economiche significative della “passion economy” E’ un incubatore!:

1-la loro formula gestionale ha una fase iniziale creativa e sfidante,innovativa e scoutistica(trova i bisogni della società negli anfratti e negli interstizi perché agisce in prossimità con essi).E’ appassionata e calligrafica.

2-Nutre la stessa passione per alimentare la continuità gestionale.

3- Integra in modo bilanciato,la passione dell’utilità degli stakeholders e la passione dell’interesse dei soggetti economici- shareholders.

4-Condivide l’intenzionalità del “purpose” connotando la passione con un orientamento positivo “Ambientale, Sociale e di Governance(ESG)” sia del management e dei dipendenti sia della strategia deliberata. Spiegare e dimostrare con i numeri l’impatto generato.

5-Sviluppa il know how che il volontariato crea ,in primis, in modo gratuito,”farsi le ossa “ in strutture che non ti chiedono un margine di contribuzione,e poi fare il salto nella impresa sociale orientata al mercato.

6-Si può ipotizzare anche un veicolo iniziale molto usato come una “startup innovativa a vocazione sociale” (anche denominata “SIAVS”).Essa agisce in settori sociali(per es.assistenza sociale e sanitaria,educazione e formazione,tutela dell’ambiente ,tutela del patrimonio culturale,turismo sociale;università,formazione per fasce deboli.

7-confrontando due imprese sociali non profit è molto meglio quella che riesce a raggiungere gli stessi risultati sociali con minori costi.Evidente e certo,ma non percepito.

L’altruismo efficace è anche “come fare il bene “con il denaro e il tempo a disposizione: così afferma il “guru” MacAskill.


SEGNALIAMO


NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

alimentazione (31) ambiente (29) amministrazione (21) arte (62) cinema (42) civismo (47) comunicazione (18) comunismo (24) cultura (340) democrazia (40) economia (74) elezioni (65) europa (60) fascismo (30) filosofia (29) formazione (25) giorgia meloni (20) giovani (29) guerra (88) intelligenza artificiale (30) italia (41) lavoro (40) letteratura (43) mario pacelli (30) media (67) milano (20) musica (118) napoli (20) politica (394) potere (210) rai (18) rappresentazione (22) religione (23) roma (23) russia (26) salute (67) satira (20) scienza (21) scuola (27) seconda guerra mondiale (48) sinistra (19) società (407) stefano rolando (31) storia (44) teatro (29) tecnologia (20) televisione (42) tradizione (27) ucraina (37) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI