MONDO JANNACCI

La prima volta che vidi Enzo Jannacci fu ne La vita agra, il film che Carlo Lizzani nel 1964 trasse dal bellissimo libro di Luciano Bianciardi. Jannacci entrava in scena in una osteria a cantare una delle sue strane e stralunate canzoni, che erano dei nonsense. La canzone era “L’ombrello di fratello” e cominciava così: “Non so se è la prima volta che si sente questa storia,/la storia di uno che cercava un ombrello,/ l’ombrello di suo fratello.”.

Come potevi non incuriosirti a sentire una canzone simile, cantata da un giovanotto con gli occhiali, con la chitarra sotto il mento, e l’aria imbambolata e la fissità tipica dei suonatori ciechi. Allora non c’era internet per cui basta digitare il nome e sai tutto.

Allora bisognava aspettare che la televisione si accorgesse di questo strano tipo, oppure andare in discoteca e vedere se per caso aveva già pubblicato qualche disco. Se approfondivi ti rendevi conto che un personaggio così non era nato per caso in quella Milano degli anni Sessanta, così piena di fermenti culturali, nella letteratura e nelle arti ma anche nel teatro, stimolato da Grassi e Strehler con il loro Piccolo Teatro, ma anche da Dario Fo con il suo teatro alternativo ancorato nella tradizione della commedia dell’Arte. Ma c’era anche Nanni Ricordi che aveva raccolto nella casa discografica omonima giovani cantautori che faranno la rivoluzione nella canzone d’autore, come Gaber, Tenco, Endrigo, Bindi, Paoli, Ornella Vanoni e appunto Jannacci. Mentre al cabaret Derby facevano le loro prime esibizioni Cochi e Renato.

Anche la televisione milanese aveva una sua precisa connotazione, e quasi una sua autonomia e si faceva interprete di tutti quei fermenti culturali. Ricordiamo le trasmissioni di Giorgio Gaber, come Canzoniere minimo ma anche i programmi di varietà come Quelli della domenica che rivelò Villaggio, Cochi e Renato e anche il romano Montesano. E Il poeta e il contadino che aveva come autore proprio Jannacci.

Era la Milano, capitale del “miracolo economico”, della grande emigrazione interna, che mischiò le carte sociali e creò un fenomeno di meticciato che è sempre alla base delle più profonde trasformazioni sociali. Anche il nonno di Jannacci era stato portato a Milano da questa “piena”, come lui chiama questa emigrazione improvvisa e profonda in una sua canzone Songo venuto, il cui testo dice: “Ma senti ben, son’t un terun/la bella nebbia la me sgiunfia li pulmun/ e io ignurante che non ci volevo neanche venire./ E’’ bbella e giusta la città e qui ce n’è da lavurà! /E’ bbella e nordica città e qui ce n’è da lavurà!”.

In questa canzone si sente anche la fusione fra la lingua degli emigrati e quella dei milanesi, che fu alla base della straordinaria intuizione che avrà poi Diego Abatantuono e che certamente gli fu suggerita dallo stesso Jannacci. Ma anche se sono le più belle e quelle che sono rimaste più impresse nella memoria collettiva le canzoni che cantano gli “ultimi”, non sono le uniche perché Enzo ci ha lasciato anche bellissime canzoni d’amore, o canzoni descrittive di stati d’animo, di conflitti generazionali, o anche scherzi come Una scorza di limone che scrisse con Giorgio Gaber e che lanciarono insieme come I due Corsari.

Enzo Jannacci è stato un personaggio particolare nella storia della canzone italiana, il suo modo di fare canzone particolare, capace cioè di toccare quella ironia tragica e struggente del barbone delle scarpe di tennis, come sono tragici e struggenti i personaggi che lo ispirarono. Fu attore Jannacci, di sottilissima fattura, con quella sua aria stralunata, quel suo modo di parlare sincopato, con la battuta che arriva di rimbalzo e che ribalta la situazione.

Era laureato in medicina e fece il medico, anche bene e con professionalità, fino all’età della pensione. Anche per questo Enzo Jannacci fu un personaggio unico della cultura italiana del Novecento.


SEGNALIAMO

  • SI CHIAMAVA LUCIANO RISPOLI

    SI CHIAMAVA LUCIANO RISPOLI

    GIANCARLO GOVERNI E’ possibile che sia esistito in Italia qualcuno che si sia dedicato alla Radio e che abbia inventato programmi passati alla storia come Bandiera gialla, che rivelò al pubblico due personaggi che diventeranno celeberrimi come Arbore e Boncompagni? O che abbia inventato un programma come La Corrida, che , nato alla RadioRai, passerà,…


  • IL TRICICLO DI BOMBOLO…

    IL TRICICLO DI BOMBOLO…

    E LE ELEZIONI POLITICHE Nell’imminenza delle elezioni politiche si presenta ancora una volta agli elettori Bombolo Il rigattiere reso celebre dal film “Ecce Bombo” di Nanni Moretti. Nel suo triciclo c’è una grande quantità di cose vecchie che Bombolo giudica essere ancora utilizzabili, ma sono tali solo a voler chiudere un occhio o entrambi. Nel…


  • VOLAVA DOMENICO MODUGNO E TUTTA L’ITALIA

    VOLAVA DOMENICO MODUGNO E TUTTA L’ITALIA

    Nel mese di agosto del 1994 moriva Domenico Modugno. Di lui e della sua opera colossale, vogliamo ricordare la sua canzone Volare, che rivoluzionò la canzone italiana e accompagnò l’opera di modernizzazione del Paese. 


  • CARLO PISACANE

    CARLO PISACANE

    MARIO PACELLI 1849: a Roma, dopo l’uccisione del primo ministro dello Stato pontificio (15 novembre 1848) il popolo romano insorse ed il Papa Pio IX fuggì a Gaeta (24 novembre) sotto la protezione del re di Napoli. A Roma giunsero rivoluzionari da tutta l’Italia che si unirono ai patrioti locali: venne costituito un governo provvisorio…


  • UNA VITA A MUSO DURO

    UNA VITA A MUSO DURO

    GIANCARLO GOVERNI Quando facevo il programma Ritratti per Raitre (ne ho fatti una sessantina) ogni anno andavo dal direttore di Raitre con un elenco di personaggi degni di essere trattati nel programma. Immancabilmente mettevo il nome di Pierangelo Bertoli, un grande poeta e musicista, disabile in carrozzina che si è adoperato per l’abbattimento delle barriere,…


  • FRANCO E CICCIO UN MAGNIFICO PASTICCIO

    GIANCARLO GOVERNI Cento anni fa nasceva Ciccio Ingrassia, il cui nome è indissolubilmente legato a Franco Franchi, con cui formò una coppia formidabile.Parlare di Ciccio è come parlare di Franco. Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, o familiarmente Franco e Ciccio… Una coppia comica di cui abbiamo sentito parlare per anni e che ha segnato indelebilmente…


  • ATTENTATO A GIOVANNI PAOLO II. LA PISTA BULGARA

    ATTENTATO A GIOVANNI PAOLO II. LA PISTA BULGARA

    Roma, 13 maggio 1981, Piazza San Pietro: Papa Giovanni Paolo 11° esce sulla piazza a bordo della sua auto scoperta, la “papamobile”, come viene di solito indicata. Sono le 17.05, il ‘Papa è in piedi, accanto a lui è il suo segretario, Mons. Dziwisz. Un giovane uomo, bruno, emerge dalla folla. Ha in mano una…


  • GIULIANO VASSALLI: PARTIGIANO VERO E “PADRE” DELLA GIUSTIZIA ITALIANA

    GIULIANO VASSALLI: PARTIGIANO VERO E “PADRE” DELLA GIUSTIZIA ITALIANA

    GIANCARLO GOVERNI Il nuovo ministro della giustizia, Nordio, ha ricordato il ministro della Giustizia di tanti anni fa, Giuliano Vassalli, padre della riforma del Codice di procedura penale. Di Vassalli voglio ricordare  la sua attività di partigiano combattente, organizzatore della fuga da Regina Coeli di due futuri presidenti della Repubblica, Saragat e Pertini. Roma 1944,…


  • IL CASO TAMBRONI

    IL CASO TAMBRONI

    Luglio 1959: una squadra di agenti della Questura di Roma fa irruzione in un appartamento di Via Valdisole, a Roma, nella zona di Via Cortina d’Ampezzo, alla periferia della città, dove ha apparentemente sede una innocua società di import – export. Gli agenti arrestano tutti coloro che trovano nell’appartamento. Uno si nasconde sotto il letto…


  • LA MATURAZIONE POLITICA DI GIORGIO GABER

    LA MATURAZIONE POLITICA DI GIORGIO GABER

    GIANCARLO GOVERNI La maturazione politica  di Giorgio Gaber. Dalla Milano del rock ‘n roll, potremmo dire alla disperazione consumata dell’isolamento e del rifiuto.Sono Quaranta anni di lavoro e di ricerca che hanno prodotto più di 250 brani musicali e 24 spettacoli teatrali e che documentano l’evoluzione culturale di un grande personaggio che seppe andare molto…



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (30) ambiente (29) amministrazione (21) arte (60) cinema (38) civismo (44) comunismo (22) cultura (311) democrazia (34) economia (69) elezioni (43) energia (17) europa (36) fascismo (26) filosofia (24) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (25) guerra (74) intelligenza artificiale (25) italia (31) lavoro (38) letteratura (36) mario pacelli (30) media (58) milano (19) musica (110) napoli (20) politica (334) potere (187) rappresentazione (20) religione (22) roma (23) russia (21) salute (62) satira (20) scienza (20) scuola (27) seconda guerra mondiale (45) sinistra (18) società (351) stefano rolando (31) storia (39) teatro (27) tecnologia (20) televisione (32) tradizione (27) ucraina (34) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI