LA VITA DI SAUL STEINBERG IN ABRUZZO

Lo scorso anno, Bill Tonelli, uno scrittore-giornalista italo-americano (ex redattore capo della rivista “Esquire” prima di diventare noto autore di libri), é tornato nel piccolo paese di Tortoreto, sulla costa abruzzese, per completare le sue ricerche sul famoso vignettista Saul Steinberg.

Il 9 maggio 2024 Tonelli ha pubblicato la ricerca, un articolo di 15 pagine, sulla rivista online “Tablet”, creata da Alana Newhouse nel 2009 e finanziata da una fondazione ebraica. Da notare che Alana non é imparentata con la famiglia di Si Newhouse, famoso editore di riviste come “Vogue”, Vanity Fair” e “New Yorker”.

Nato in Romania e laureato al Politecnico di Milano, Saul Steinberg é diventato famoso in America disegnando le copertine della rivista “New Yorker” (1,3 milioni di copie settimanali). La piú famosa e replicata delle quali é stata quella del 29 marzo 1976: “A view of the world from 9th Avenue” (Il mondo visto dalla Nona Avenue), che ritrae la nona avenue di Manhattan, dopo la quale si vede direttamente l’Oceano Pacifico, mentre New Jersey, California, Giappone e Cina sono indicati da strisce che appena si intravedono.

Nel 1940, Steinberg, che all’epoca aveva 26 anni, fu internato da Milano a Tortoreto in quanto ebreo. Tonelli ha scoperto la sua storia nel 2004, durante una visita alla vicina Nereto, paese da dove era emigrato suo nonno.

Nel servizio per “Tablet”, intitolato “Saul Steinberg’s Beach House” (La casa al mare di Saul Steinberg), Tonelli spiega che dei 40 campi d’internamento creati in Italia, oltre la metá si trovano in Abruzzo, per via della geografia della regione isolata tra mare e monti.

All’arrivo a Tortoreto, Tonelli riporta che Steinberg scrisse nel suo diario: “Vedo il mare. Bellissimo. Sono stato fortunato”.

Il posto dove Steinberg fu internato dal regime fascista, assieme ad altri 45 indesiderati, si chiamava “Villa Tonelli” (ex Villa Ranalli, costruita nel 1920), non associata la famiglia di Bill.

Dopo un mese, a Steinberg (che in paese chiamavano Paolo, come Saul di Tarso, poi diventato San Paolo) fu permesso di lasciare l’Italia. Cosa che fece assieme ad Aloisi Gogg, che poi divenne direttore della Filarmonica del Wisconsin con il nome di Milton Weber. Tonelli ricorda che durante il periodo bellico fu permesso lasciare l’Italia solamente a 210 ebrei non italiani.

Da Tortoreto, il viaggio li portó prima a Roma, poi a Lisbona e quindi a New York City.

Nel 1957 Steinberg tornó a Tortoreto per un incarico per conto del “New Yorker”, ma non riconobbe Villa Tonelli poiché, confuso dai cambiamenti post bellici, si era recato a visitare un’altra villa per internati; inoltre, conclude Bill, i residenti di Tortoreto si erano dimenticati di lui e non ricevette l’accoglienza che si aspettava.

Steinberg é deceduto a New York City nel 1999.


SEGNALIAMO

  • VOTA ANTONIO

    Metà degli Italiani non vota e nessuno se ne preoccupa. Non leggo mai analisi, indagini, sondaggi sul fenomeno. Eppure sarebbe semplice. Prendi le liste elettorali e intervisti -ora che il mancato voto non è più reato- coloro che non si sono presentati al seggio. Ignoranza, indifferenza, noia, pigrizia, indignazione, superbia, confusione mentale potrebbero essere le…


  • Vertice europeo, “consiglio di guerra”, battaglie di parole fra divisioni e impotenze

    Vertice europeo, “consiglio di guerra”, battaglie di parole fra divisioni e impotenze

    I capi di Stato e di governo dei Paesi dell’Unione europea discutono dei conflitti e della politica europea di sicurezza e di difesa.


  • Verso le ‘nomination’ di Biden e Trump nella Corsa alla Casa Bianca

    Verso le ‘nomination’ di Biden e Trump nella Corsa alla Casa Bianca

    Giampiero Gramaglia ripercorre per Democrazia futura l’ultima intensa e del tutto probabilmente decisiva settimana elettorale oltre oceano di elezioni primarie.


  • VENICE

    VENICE

    Le polemiche sul «fascismo di pietra» sono paragonabili ad un fiume carsico. Riaffiorano quando meno te l’aspetti. Nel 2017, ad esempio, la storica Ruth Ben-Ghiat, italianista della New York University, vergò un articolo grondante fiele. Lamentava la presenza di troppe e ingombranti tracce del passato fascista. Defascistizzare il panorama. La vibrata indignazione l’aveva affidata alle…


  • VANNACCI TUOI

    Il nome ricorda un dispregiativo (i ragazzacci, i fattacci tuoi etc.) ma l’uomo deve essere, al di là delle apparenze, intelligente.Intanto ha un curriculum perfetto per i tempi che corrono e una serie di coincidenze che lo rendono alla moda.Prima di tutto è un militare, addirittura un generale. Che in tempo di guerre non guasta.E’…


  • UTOPIA VS REALISMO O VICEVERSA?

    UTOPIA VS REALISMO O VICEVERSA?

    FRANCO RAIMONDO BARBABELLA Utopia vs realismo o viceversa? Insomma, ci dobbiamo arrendere a quel che passa il presente o si può ancora progettare il futuro? Forse non è scandalosa una risposta razionalmente ottimistica, anche per l’Italia. Mentre mi pare scontato che nessuno definirà la nostra “epoca dell’utopia”, mi chiedo se è davvero più convincente definirla…


  • UNO SCIOPERO CONTRO IL LAVORO

    In molti casi i lavoratori scioperano per non perdere il lavoro, mentre questa volta in Francia i lavoratori scioperano per smettere di lavorare, forse perché nel paese la piena occupazione é garantita. Mentre ero a Lille, una cittá di 230.000 abitanti equidistante tra le vicine Parigi e Bruxelles, mi sono imbattuto in una delle tante dimostrazioni contro…


  • Una visita nel segno dell’Onu e del multilateralismo

    Una visita nel segno dell’Onu e del multilateralismo

    Giampiero Gramaglia riassume il viaggio a New York di Sergio Mattarella in due articoli.


  • UNA SFIDA AFFASCINANTE

    UNA SFIDA AFFASCINANTE

    Le liste civiche rappresentano una sfida affascinante nel panorama politico attuale, che cerca di bilanciare il cambiamento con la conservazione dei valori fondamentali. Nel passato, i partiti tradizionali hanno spesso deluso le aspettative, dimostrando di essere impantanati nella storia e incapaci di adattarsi alle esigenze attuali e future. Questo fatto spiega il motivo per cui…


  • UNA RIFORMA DEVE ESSERE GRANDE O NON È

    CLAUDIO SIGNORILE “Una riforma deve essere grande o non è” è il titolo di un articolo di Claudio Signorile che partendo dalla storia della Repubblica italiana ripropone il tema ormai classico dei destini dell’Europa. Il tema è oggi di particolare attualità nel contesto delle tensioni geopolitiche mondiali che potrebbero dare vita a nuovi equilibri e…



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (30) ambiente (29) amministrazione (21) arte (60) cinema (38) civismo (44) comunismo (22) cultura (312) democrazia (34) economia (69) elezioni (44) energia (17) europa (36) fascismo (26) filosofia (24) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (25) guerra (74) intelligenza artificiale (25) italia (31) lavoro (38) letteratura (36) mario pacelli (30) media (58) milano (19) musica (110) napoli (20) politica (335) potere (187) rappresentazione (20) religione (22) roma (23) russia (21) salute (62) satira (20) scienza (20) scuola (27) seconda guerra mondiale (45) sinistra (18) società (351) stefano rolando (31) storia (39) teatro (27) tecnologia (20) televisione (32) tradizione (27) ucraina (34) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI