LA SCUOLA E IL DIGITALE

IL RINOCERONTE

IL RINOCERONTE E’ STATO A “CATANIA DIDACTA”

Come potrebbe essere la scuola del futuro delle nuove tecnologie?

Difficile dirlo, anche se una idea qui a Catania ce la siamo fatta. La scuola sarà digitale e super tecnologica, con supporti elettronici, robotica, realtà aumentata, ambienti didattici innovativi 4.0 e contenuti editoriali nuovi per nuovi “ecosistemi di apprendimento” che gia oggi incominciano a definirsi.

In questo scenario per non “subire” l’intelligenza artificiale, dobbiamo pensare che il digitale è una risorsa per accelerare quella trasformazione del modello scolastico “trasmissivo” che appartiene al secolo scorso. Insomma bisogna accettare la sfida e dare senso al cambiamento.

La nascita dell’intelligenza artificiale generativa ha accelerato ulteriormente le trasformazioni in atto nella vita sociale e lavorativa di ciascuno di noi, scuola compresa. Impossibile per chi fa educazione o formazione pensare di vietare l’uso dell’intelligenza artificiale nelle scuole, in particolare a studenti che nel digitale ci sono nati e cresciuti. Meglio, anzi necessario, stare dentro il processo di cambiamento e provare a dare un forma e un significato nuovo al mondo dell’education.

Se ne è parlato i questi giorni a Catania a Didacta che, per numero di visitatori e di espositori è l’evento dedicato alla formazione e all’innovazione didattica più importante tra quelli che si svolgono in Italia.

Per il secondo anno consecutivo Didacta alla tradizionale edizione fiorentina abbina un appuntamento in Sicilia, a Catania, negli spazi di SiciliaFiera a Catania, animato da 535 eventi, e 175 aziende con proposte e soluzioni nel settore dell’EDU TECH.

L’edizione siciliana di quest’anno, “Uno sguardo al futuro: l’intelligenza artificiale”, è interamente dedicato all’IA, e alle sfide che la tecnologia digitale porta alla didattica tradizionale.

Nella tre giorni siciliana sull’educazione si è parlato (finalmente) di trasformazione, cioè di come il digitale cambierà la natura dei processi formativi edu educativi e su come potrebbe incidere sul senso stesso di questi processi. La scuola tornata al centro del dibattito pubblico oggi è forse la più grande sfida per il nostro paese, non solo le competenze, ma anche il sapere in senso lato. Senza saperi e competenze l’innovazione non funziona, ne nelle aziende né nella comunità. E senza senso l’innovazione che più che cambiare la nostra società la trasforma diventa un fine e non un mezzo come dovrebbe essere.

C’è poi un secondo aspetto della questione altrettanto interessante. La digitalizzazione della scuola e della formazione è un gran business, una sorta di “Unicorn Companies” in grado di cercare indotto sistema attraverso produzione culturale e innovazione.

Il settore dell “EDU-TECH” vale oggi circa 19,5 miliardi di euro, (Rreport di Edtech Italia, l’associazione di imprese italiane per l’educazione e le competenze del futuro).

Il trend, partito con la pandemia, è destinato a durare, per due motivi. Il primo è che solo il 4% dell’istruzione è digitalizzata, quindi c’è uno spazio molto ampio per l’introduzione di nuove tecnologie. Il secondo consiste nel fatto che l’istruzione è fondamentale per affrontare la complessità del presente e del futuro, e le sfide sociali cruciali delle competenze del mercato del lavoro e della transizione verde. L’unico veramente abilitante e trasversale.


SEGNALIAMO


NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (30) ambiente (29) amministrazione (21) arte (60) cinema (38) civismo (44) comunismo (22) cultura (312) democrazia (34) economia (69) elezioni (44) energia (17) europa (36) fascismo (26) filosofia (24) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (25) guerra (74) intelligenza artificiale (25) italia (31) lavoro (38) letteratura (36) mario pacelli (30) media (58) milano (19) musica (110) napoli (20) politica (335) potere (187) rappresentazione (20) religione (22) roma (23) russia (21) salute (62) satira (20) scienza (20) scuola (27) seconda guerra mondiale (45) sinistra (18) società (351) stefano rolando (31) storia (39) teatro (27) tecnologia (20) televisione (32) tradizione (27) ucraina (34) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI