LA SCALA MOBILE

IL RINOCERONTE

Secondo l’osservatorio sui consumi di Findomestic, la nota banca specializzata in credito al consumo, l’inflazione continua a rappresentare da un anno a questa parte la preoccupazione principale degli italiani.
Gli italiani oggi hanno paura che l’inflazione duri ancora a lungo, hanno tagliato le spese, fino in certi casi a rinunciare alle cure e alla prevenzione sanitaria, e non fanno figli.

Chi non ne ha pensa che continuerà a non averne per un pò, almeno fino a che non ci saranno incentivi per gli asili e un lavoro stabile.

L’inflazione è un problema serio, soprattutto se non ci sono sistemi di protezione sociale e meccanismi che ridistribuiscono la ricchezza efficaci. In Italia, caso unico in Europa, gli stipendi non aumentano da 30 anni, ed il 64% delle persone pensa che i prezzi continueranno a salire.

Del fatto che l’inflazione nel 2023 abbia rallentato la sua corsa sembra si siano accorti in pochi e la fiducia nei consumatori è tornata a diminuire: 8 italiani su 10 hanno registrato negli ultimi tre mesi rincari nei beni di consumo

Le famiglie cercano di limitare i danni, si tagliano le spese e si rinviano gli acquisti, anche i più necessari: il 36% del campione sceglie di posticipare, il 32% di rinunciare, circa un italiano su 3 prende in considerazione di acquistare nei prossimi mesi un bene a rate.

Difficile dire quanto abbia pesato l’inflazione sullo stile di vita degli italiani. Il consumatore di oggi è comunque più attento e consapevole rispetto al passato: 6 su 10 fanno più attenzione ai prezzi e alle promozioni, 1 su 2 dichiara di aver ridotto o eliminato le spese non strettamente necessarie e il 28% tende a rinviare gli acquisti più onerosi.

Si può ipotizzare che in media i beni al consumo abbiano subito un rincaro almeno pari al 15%. Basta fare i conti ad esempio su quanto gli italiani spendono per i propri figli, oggi circa 500 euro al mese per ogni figlio che abita in famiglia, più o meno il 15% in più rispetto a un anno.

Il rapporto dell’osservatorio di Findomestic è inoltre ricco di spunti molto interessanti. Tornando al tema della natalità ad esempio, dai dati forniti emerge che 4 coppie su 10 che ad oggi non ha figli non ha intenzione di averne in futuro. Le motivazione sono legate alle difficoltà economiche, alla mancata stabilità lavorativa e allo scarso sostegno nelle spese per asilo o baby-sitter. In altri termini sale l’inflazione e non i salari, il nostro sistema di welfare non riesce a garantire un numero sufficiente di prestazioni di cura e di assistenza come accadeva in passato.

Per quanto riguarda la stabilità lavorativa forse varrebbe la pena cambiare i punti di vista. Oggi il tema non è più solo il contratto. Si cambia mestiere oggi ogni 7,5 anni, o comunque si cambia il mondo di lavorare. Oggi si studia per tutta la vita perché le competenze, gli strumenti che servono a lavorare, cambiano velocemente. E chiaramente il “lavoro povero” è un rischio concreto per tutti, per le persone e per i mercati perchè oggi concentra le ricchezze, non le ridistribuisce con un minimo di equità come nel secolo scorso.

La società occidentale del rischio, fatta di uomini flessibili, sani e performanti oggi rende necessario un sistema di protezione sociale e di redistribuzione tendenzialmente universale, altrimenti si consuma, in un progressivo invecchiamento senza via di uscita.


SEGNALIAMO


NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (30) ambiente (29) amministrazione (21) arte (60) cinema (38) civismo (44) comunismo (22) cultura (311) democrazia (34) economia (69) elezioni (43) energia (17) europa (36) fascismo (26) filosofia (24) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (25) guerra (74) intelligenza artificiale (25) italia (31) lavoro (38) letteratura (36) mario pacelli (30) media (58) milano (19) musica (110) napoli (20) politica (334) potere (187) rappresentazione (20) religione (22) roma (23) russia (21) salute (62) satira (20) scienza (20) scuola (27) seconda guerra mondiale (45) sinistra (18) società (351) stefano rolando (31) storia (39) teatro (27) tecnologia (20) televisione (32) tradizione (27) ucraina (34) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI