GLI USA SOTTO IL REGNO DI TRUMP COME RE DONALD I

Se la Corte Suprema degli Usa annullasse i verdetti dei tribunali statali e federali contro Donald Trump (come quello della Corte d’Appello Federale del 6 febbraio 2024) e determinasse che l’ex presidente americano fosse “above the law” (al di sopra delle legge) quando ha istigato il mancato colpo di stato nel gennaio del 2021 (con tanto di insurrezione al Campidoglio), gli Usa non eleggeranno un presidente, ma un re.

Per continuare a regnare, possibilmente come Donald I (ma sicuramente preferirá Trump I, considerando come ci tiene al brand), non avrá bisogno di riproporre i metodi perfezionati da autoritari come Vladimir Putin (Russia), Xi Jinping (China) e l’ayatollah Ali Khamenei (Iran), ma semplicemente cercando di far annullare il 22mo emendamento della Costituzione Usa.

Questo emendamento, approvato dal Congresso Usa nel 1947 e ratificato da soli 36 stati nel 1951, limita a due i mandati del presidente.

E non sará la prima volta che si é cercato di abrogare questo emendamento (presentato dopo che il presidente Franklin D. Roosevelt venne eletto per ben quattro volte). Infatti il primo tentativo di abrogarlo avvenne nel 1956, e negli anni successivi si é tentato di abrogarlo per ben 54 volte.

Se l’abrogazione non dovesse funzionare, Donald I (o Trump I) potrebbe far leva sullo stesso 22mo emendamento (ed il precedente 12mo emendamento), che non limita il numero dei mandati del vice presidente.

In questo caso, Donald I potrebbe dare magnanimamente il titolo di presidente ad un suo surrogato, mantenendo di fatto il trono in qualitá di vice presidente (in effetti replicando ció che Putin fece con il suo vice, Dimitry Medvedev).

Come ultima risorsa, potenzialmente legale, Donald I potrebbe impugnare il fatto che il 22mo emendamento si riferisce a due mandati consecutivi, pertanto potrebbe benissimo regnare indisturbato per altri otto anni, e magari alla matura etá di 87 anni passare il trono a suo figlio, Donald Jr., come Donald II.


SEGNALIAMO

  • GRAZIE CON MAX GONELLA


  • FRANZ JOSEPH HAYDN

    Povera, poverissima è la prima parte della sua vita. Ci sono dei momenti che non ha neanche abbastanza da mangiare. E infatti quando si parla del suo aspetto vengono fuori la bassa statura e la taglia striminzita, colpa della denutrizione, a cui, dopo, si sono aggiunti la calvizie e in faccia i segni del vaiolo.…


  • BUONSERA SIGNORINE …


  • Lo stress test di un Festival totalitario

    Lo stress test di un Festival totalitario

    Un’analisi dedicata alla 74esima edizione del Festival di Sanremo. Un rito totalitario. Un’autentica bulimia televisiva, una imponente polluzione transmediatica e forse l’ultimo alibi di quello che una volta chiamavano Televisione.


  • QUE VIVA AMERICAS!


  • GLI STRAUSS

    JOHANN STRAUSS FIGLIO 1825 – 1899 Papà era stato eletto Padre del Valzer; lui sale più in alto e ne diventa il Re (“Il Bel Danubio Blu”, che altro serve?) In una inchiesta dell’epoca risulta il più popolare personaggio di tutta l’Europa, preceduto solo dalla Regina Vittoria e da Bismarck. A diciannove anni richiede al…


  • QUANDO LA MUSICA CAMBIA IL MONDO

    QUANDO LA MUSICA CAMBIA IL MONDO

    Che emozione è vedere in un vecchio filmato conservato nelle Teche della Rai, due ragazzi del ’38 e del ’40 esibirsi con la stessa grinta di quando erano ancora due ragazzi, con una musica che ancora oggi, dopo 70 anni è ancora rivoluzionaria! Sto parlando, lo avete capito, di Adriano Celentano e di Antonio Ciacci…


  • JOHANN STRAUSS Padre 1804 – 1849

    C’era una volta…non c’è un modo diverso per cominciare questa bella fiaba che succede nel tempo giusto: l’ottocento, nel luogo giusto: Vienna, e dove alla fine tutti realizzano i loro desideri. Ma torniamo al principio. Come dicevamo, c’era una volta una giovane coppia che al numero 7 di Flossgasse a Vienna gestiva una locanda dove…


  • ANTONIO AMURRI


  • TUTTI AR MARE, TUTTI AR MARE

    TUTTI AR MARE, TUTTI AR MARE