ERNEST CHAUSSON 1855 – 1899

MICROBIOGRAFIE RISTRETTE ESTATE

Nasce in una ricca famiglia borghese. Il padre è uno dei costruttori che stanno rifacendo Parigi secondo i piani del Barone Haussman.

Due suoi fratelli muoiono mentre è ancora bambino e questo accentua il suo carattere introverso. Verso i dieci anni si avvicina alla musica ma, per far piacere a papà, accetta di studiare legge e diventa avvocato senza avere mai avuto il minimo interesse per la professione.

Frequenta invece con avidità i salotti letterari dove incontra il meglio dell’epoca. Si iscrive ai corsi di composizione del Conservatorio di Parigi con Massenet. Non riesce a vincere il prestigioso Prix de Rome. Deluso, lascia il Conservatorio ma continua a studiare privatamente con Franck.

Viaggia molto. Assiste alle prime rappresentazioni delle opere di Wagner che lo influenzano profondamente.

Finalmente, avendo risolto grazie a un provvidenziale testamento ogni problema finanziario, si sposa e può dedicarsi con tranquillità alla composizione. Apre con la moglie un salotto dove approdano continuamente nuovi artisti, fra cui Debussy, con cui nasce una grande amicizia.

A quarantaquattro anni il dramma! Durante una vacanza a Limay, in una gita di gruppo in bicicletta, infila una ripida discesa, sbanda e muore rompendosi la testa contro un muro di mattoni.

La stupidità dell’incidente alimenta un gran vociare di amici e conoscenti e comincia a girare l’ipotesi di un suicidio drammatico, fantasioso e anche un po’ ridicolo. Nessuna traccia di frenata e la consapevolezza che Chausson stava attraversando un periodo di depressione a causa della salute vacillante e della sua ipocondria, fanno pensare al peggio. Naturalmente, nessuna conferma.

Ingiustamente nell’ombra, Chausson è un compositore interessante ma sfortunato nel trovarsi a vivere in un’epoca ricca di personalità più grandi di lui. E’ stato comunque un vivace promotore culturale come segretario della Societè Nationale de Musique, organizzatore di incontri intellettuali di artisti, musicisti e pittori e collezionista in contatto con il mondo degli impressionisti.

SCOPRI DI PIÚ


SEGNALIAMO


NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (30) ambiente (29) amministrazione (21) arte (60) cinema (38) civismo (44) comunismo (22) cultura (312) democrazia (34) economia (69) elezioni (44) energia (17) europa (36) fascismo (26) filosofia (24) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (25) guerra (76) intelligenza artificiale (25) italia (31) lavoro (38) letteratura (36) mario pacelli (30) media (58) milano (19) musica (110) napoli (20) politica (337) potere (189) rappresentazione (20) religione (22) roma (23) russia (21) salute (62) satira (20) scienza (20) scuola (27) seconda guerra mondiale (45) sinistra (18) società (352) stefano rolando (31) storia (39) teatro (27) tecnologia (20) televisione (32) tradizione (27) ucraina (34) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI