CHI SIAMO E COSA VOGLIAMO

Fare memoria perchè i nostri ricordi, nella fase di transizione che stiamo vivendo, si facciano Storia per riflettere sul passato e costruire il futuro, allungando lo sguardo oltre confine per capire dove il mondo sta andando. Un gruppo di giornalisti e scrittori, donne e uomini impegnati nelle professioni del nostro tempo, hanno deciso di costituirsi in Associazione per dar vita al magazine digitale “ilmondonuovo.club”, che da oltre un anno è in rete e, da oggi, inaugurare una nuova esperienza editoriale, il trimestrale “Il mondo nuovo”.

Consapevoli che il problema è l’uomo e il suo sapere e che la vera ricchezza è la conoscenza l’Associazione ha affidato alla casa editrice HCS, Heraion Creative Space, il compito di mettere a disposizione il proprio spazio creativo per riprendere la strada delle idee e della riflessione: riflettere e scrivere può dare la certezza che da chemondo è mondo vince chi è capace di pensare per cambiare.

Destra, sinistra, centro. Altro.

Senzaveli vogliamo raccontare la crisi della politica, il carattere dell’emergenza, la tenuta etica e gestionale delle istituzioni, i rapporti tra tessuto produttivo e sistema decisionale, coniugando memoria e futuro.

Il territorio, in una dimensione che connette la città con un civismo che copre il vuoto lasciato dalla crisi del rapporto tra cittadini e politica, fino ad un impegno politico europeo. Non c’è alcun bisogno di legarsi a questa o quella formazione politica.

Serve una nuova visione, un nuovo pensiero, saper mettere in relazione parole, immagini, letteratura, musica, scienza.

Imparare di nuovo a sognare e di conseguenza creare cultura e non solo parlare di cultura.

La costruzione di un nuovo pensiero ha una sua possibile fabbrica, il mondo digitale, perché le forme ed i linguaggi, l’articolazione delle immagini, le possibilità di manipolazione, la musica diventano tutt’uno e assumono una forma inedita. Crediamo che il mondo della cultura sia a un bivio: approfittare del nuovo ambiente virale, che chiamiamo digitale, per costruire una grammatica dei nuovi media, come vuole essere “Il mondo nuovo”.

“Il mondo nuovo” è da una parte sola, dalla parte dei lavoratori.
Non semplicemente lavoro, come categoria del fare umano, ma quello incarnato, quello prodotto dal e con il corpo e i suoi cinque sensi, con i suoi bisogni materiali, ideali, spirituali. Quello che allude all’autorealizzazione del proprio sé, del proprio destino.

Siamo dalla parte dei giornalisti e degli intellettuali, dalla parte delle donne e dei bambini, siamo dalla parte degli immigrati e dei poveri. Siamo dalla parte di quelli che oggi sono i vecchi e i nuovi subordinati, consapevoli o meno della loro condizione, e aspirano alla loro libera realizzazione umana. Siamo dalla parte dei creativi che immaginano un nuovo mondo e a quelli che si impegnano e lottano per realizzarlo.

Siamo dalla parte di chi pensa che tale condizione non possa che essere legata ad un nuovo rapporto tra l’umano e la sfera del vivente del pianeta, dei suoi cicli, del suo dinamico equilibrio. Siamo per la tutela della libertà e della dignità di donne e uomini. Siamo per interpretare questo drammatico passaggio della Storia umana verso una società che alzi il grado di Libertà dell’individuo e della società.

Siamo una iniziativa culturale e politica, siamo una iniziativa civile e editoriale.

Siamo donne e uomini liberi.


SEGNALIAMO

  • Dopo la rinuncia di Biden, i democratici cercano un candidato, di Giampiero Gramaglia

    Dopo la rinuncia di Biden, i democratici cercano un candidato, di Giampiero Gramaglia

    Kamala Harris in pole position1 Giampiero Gramaglia Giornalista,co-fondatore di Democrazia futura, già corrispondente a Washington e a Bruxelles Giampiero Gramaglia analizza la situazione venutasi a creare dopo l’annuncio del ritiro del presidente uscente dalla corsa alla Casa Bianca. “Dopo la rinuncia di Biden, i democratici cercano un candidato” questo il titolo del commento dell’ex direttore dell’Ansa, che,…


  • IL RUOLO DEL MEDITERRANEO

    NELLA GEOPOLITICA E NELLA GEOSTRATEGIA Parte III I diversi fattori di differenziazione nel “Mediterraneo allargato” Per poter procedere a un’analisi più articolata dei diversi fattori di differenziazione nel “Mediterraneo allargato”, che lo rendono un significativo laboratorio geopolitico e geostrategico, bisogna descrivere, preliminarmente, l’area, che comprende non solo il bacino del Mediterraneo, ma anche i bacini…


  • IL LABOUR PARTY VINCE CON IDEE NUOVE

    L’UOMO CHE LEGGE CONSIGLI DI LETTURA DAL DIRETTORE Un dibattito il prossimo lunedì 22 Luglio sull’instant book “La quarta via” a Montecitorio con Gentiloni, Martelli e Giovanna Pancheri Il Riformista di venerdì 5 luglio, sotto una grande foto del nuovo leader del Labour Keir Starmer dal titolo “Il riformismo che vince”, annuncia l’uscita dell’instant book…


  • URSULA RADDOPPIA E GIORGIA SI DIMEZZA. E L’ITALIA ?

    La maggioranza Ursula in Europa “raddoppia” rispettando il voto popolare e respingendo gli abboccamenti incerti di Meloni. La destra italiana in UE fallisce e si auto-marginalizza e se avviandosi verso l’irrilevanza lo vedremo presto. Fallimento dovuto al fatto che Orban da una parte con i Patrioti e dall’ altro la Le Pen-Bardella hanno smembrato quel…


  • LA SINISTRA DI FRONTE AL CASO TOTI E ALLA RIFORMA NORDIO: CRISI O FINE DEL GARANTISMO?

    LA SINISTRA DI FRONTE AL CASO TOTI E ALLA RIFORMA NORDIO: CRISI O FINE DEL GARANTISMO?

    Io non so se nella richiesta di dimissioni del Presidente Toti avanzata dalle forze di quella che si è soliti definire sinistra c’è una ragione politica così forte da superare quella del garantismo, che dovrebbe invece sempre prevalere se per garantismo dobbiamo intendere cultura democratica e stato di diritto per cui il cittadino è colpevole…


  • I giorni della Resurrezione di Trump e della passione di Biden, di Giampiero Gramaglia

    I giorni della Resurrezione di Trump e della passione di Biden, di Giampiero Gramaglia

    Giampiero Gramaglia Giornalista,co-fondatore di Democrazia futura, già corrispondente a Washington e a Bruxelles Giampiero Gramaglia in due pezzi scritti il 18 e 19 luglio il primo “Biden con il Covid strappa la scena a Vance alla Convention repubblicana “, il secondo “Trump accetta la nomination mentre Biden è sull’orlo del ritiro”, commenta la terza e quarta giornata della Convention…


  • Ursula von der Leyen confermata presidente Commissione europea, di Giampiero Gramaglia

    Ursula von der Leyen confermata presidente Commissione europea, di Giampiero Gramaglia

    Il partito di Giorgia Meloni non la vota. Cordone sanitario contro i due gruppi di estrema destra Giampiero Gramaglia Giornalista,co-fondatore di Democrazia futura, già corrispondente a Washington e a Bruxelles Ursula von der Leyen confermata presidente Commissione europea. L’ex ministro tedesco della difesa è stata eletta dal Parlamento europeo “alla guida della Commissione europea per…


  • UE: GOVERNO E POPOLO DIVISI A META’


  • La Tregua appena cominciata è già finita, di Giampiero Gramaglia

    La Tregua appena cominciata è già finita, di Giampiero Gramaglia

    I primi due giorni della Convention repubblicana a Milwaukee Giampiero Gramaglia Giornalista,co-fondatore di Democrazia futura, già corrispondente a Washington e a Bruxelles Parafrasando Sergio Endrigo, Gramaglia intitola “La Tregua appena cominciata è già finita”, l’analisi dedicata ai primi due giorni di Convention del Partito Repubblicano. Nell’articolo scritto il 16 luglio dedicato alla prima giornata, “Trump sceglie James David…


  • Biden-Trump, dopo l’attentato al Tycoon la partita è chiusa?, di Giampiero Gramaglia

    Biden-Trump, dopo l’attentato al Tycoon la partita è chiusa?, di Giampiero Gramaglia

    Al via la Convention repubblicana1 Giampiero Gramaglia Giornalista,co-fondatore di Democrazia futura, già corrispondente a Washington e a Bruxelles Giampiero Gramaglia nell’ultimo contributo del 14esimo fascicolo di Democrazia futura dedicato alla campagna per le elezioni presidenziali statunitensi del novembre 2024,  a poche ore dall’avvio della Convention repubblicana si chiede se, nello scontro  fra i due candidati rivali “Biden-Trump, dopo…