JAZZUP FESTIVAL

Diventa maggiorenne e festeggia con un programma esplosivo

LA REDAZIONE

Dal 14 Ottobre al 18 Novembre JazzUp Festival torna al Teatro San Leonardo e celebra l’edizione numero diciotto con lo sguardo al futuro.

Viterbo. JazzUp Festival aprirà il 14 ottobre, presso il Teatro San Leonardo di Viterbo, una diciottesima edizione di grandissimo livello, artisti nazionali ed internazionali, ma anche tanto spazio per i giovani talenti con la nuovissima sezione New Generation

L’intero programma è stato presentato in occasione della conferenza stampa tenutasi questa mattina presso la Sala del Consiglia a Palazzo dei Priori. Al tavolo dei relatori oltre al vice sindaco e assessore alla cultura e all’educazione Alfonso Antoniozzi, il direttore artistico e fondatore del festival Giancarlo Necciari e il direttore organizzativo Glauco Almonte. “Cinque grandi concerti di grandi nomi nazionali ed internazionali prenderanno vita durante i sabati del Teatro San Leonardo. Il festival, ed è questa una delle novità di quest’anno, punta uno dei suoi obiettivi nella valorizzazione dei nuovi talenti con quattro concerti domenicali ad ingresso gratuito che sostengono artisti che hanno da poco confezionato il loro primo lavoro discografico dando loro spazio nella sala bistrot del Teatro San Leonardo.” ha raccontato Necciari

JazzUp Festival è una manifestazione ormai iscritta nel dna della nostra città – ha dichiarato il vice sindaco Antoniozzi -. In un mondo sospeso tra caos e rumore, il jazz è lì a ricordarci come la bellezza possa nascere dall’improvvisazione, dall’armonia e dalla condivisione, a patto che tutti parlino il linguaggio della musica, un alfabeto universale che unisce artisti e pubblico in un altrove armonico”. Organizzato dall’Associazione Culturale Musica e Territorio, in collaborazione con l’Associazione FactotumJazzUp infatti è uno dei Festival più antichi e nobili del capoluogo della Tuscia. 

La direzione di JazzUp conferma la fortunata liaison con il Teatro San Leonardo, già sede delle ultime due edizioni dell’evento. “Abbiamo trovato un luogo perfetto per accogliere la nostra musica ed il nostro pubblicoRingraziamo con stima ed affetto tutte le Istituzioni, gli Sponsor ed i Partner, che non smettono di credere in noi ed in questo evento, così come la Sindaca Chiara Frontini, l’Amministrazione Comunale e l’Assessore alla Cultura Alfonso Antoniozzi.” ha dichiarato il direttore organizzativo Almonte. “Ci tengo molto a ringraziare gli amici di Jazz Around che hanno collaborato attivamente alla realizzazione della sezione New Generation e con i quali siamo certi di aver instaurato una ottima e duratura collaborazione.” ha concluso Necciari.

JazzUp Festival – Il programma completo

JazzUp sabato 14 ottobre alle ore 21.00 ha il grande onore di presentare il sassofonista/compositore newyorkese Michael Rosen, veterano delle scene jazz internazionali, sul palco insieme all’hammond trio del chitarrista Gianluca Robustelli

Domenica 15 ottobre, questa volta alle 18.00 nella sala bistrot, suonerà il Perticoni Fanini Jazz Duo. I due artisti umbri apriranno la sezione New Generation della XVIII edizione di JazzUp Festival dedicata ai nuovi talenti emergenti del settore, con i brani del loro primo lavoro discografico – “Musiche nel Cassetto” edito da Barly Records by Encore Music. 

Si torna a far musica Sabato 21 Ottobre alle 21.00 con i C’ammafunk, un melting pot deciso da un sound esplosivo ed energico alla cui base vi è una ricca contaminazione sonora e stilistica. Tutto ciò sempre con “un piede nel passato”, infatti, l’attenzione per l’integrità delle radici poste da artisti e pionieri – primo fra tutti James Brown – viene messa in primo piano. Gli artisti riceveranno un premio dalla Backstage Academy Viterbo.

Domenica 22 ottobre sul palco della New Generation arriverà il Rio Sacro Trio, un gruppo principalmente strumentale nato in Umbria dall’incontro fra Edoardo CommodiNorberto Becchetti e Michele Fondacci. I musicisti sono accomunati dalla passione per la musica strumentale e le colonne sonore.

Dopo una pausa di un week end, JazzUp torna sabato 4 novembre alle 21.00 con l’atteso concerto di Servillo/Girotto/Mangalavite “L’anno che verrà” sulle canzoni di Lucio Dalla. Gli argentini Javier Girotto e Natalio Mangalavite incontrano la voce di Peppe Servillo; ne nasce un incastro musicale perfetto, un continuo stimolo e la voglia di inventare insieme nuovi percorsi musicali e nuove “storie”. Tre personalità artistiche, provenienti da culture musicali diverse, ricche e versatili in cui non difetta estro, capacità interpretativa e innata voglia di improvvisare.

Domenica 5 novembre alle 18.00 spazio ai giovani della New Generation con Anna Panzanelli che presenterà il suo secondo lavoro discografico “Inchiostro” pubblicato nel 2022 per GiottoMusic, prodotto e distribuito da EgeaMusic, la più importante piattaforma di musica Jazz in Italia, e costituito da canzoni in lingua italiana composte da Anna.

Sabato 11 novembre alle 21.00 JazzUp presenta Note in fuga di Lisa Manara e Claudio Vignali. Un bellissimo concerto destinato a coinvolgere gli spettatori e a conquistare la platea, grazie alla voce meravigliosa di Lisa Manara, che mette insieme grinta, intonazione e una vigorosa interpretazione e al superbo talento naturale di Claudio Vignali al pianoforte. Gli artisti riceveranno un premio dall’Associazione Musicultura di Viterbo.

Domenica 12 novembre alle 18.00 nuovo appuntamento con la sezione New Generation. Sul palco della sala bistrot Ruggero Bonucci e Nicodemo Destito Duo. 65 milioni di anni” è il titolo del progetto musicale di Ruggero Bonucci, bassista, arrangiatore e compositore di Perugia. Il progetto è costituito da composizioni originali ispirate al repertorio americano Jazz – Fusion e vede la collaborazione di diversi giovani musicisti italiani, con i quali Ruggero collabora da tempo. Per JazzUp Festival il progetto verrà presentato nella formazione in duo composta da Ruggero Bonucci al basso elettrico e Nicodemo Destito al pianoforte.

La chiusura della diciottesima edizione di JazzUp Festival è affidata a Francesco Baccini Trio. Cantautore e autore tra i più eclettici del panorama italiano, Francesco Baccini ha all’attivo una carriera trentennale come cantautore. Avido di nuove avventure, grazie al suo temperamento trasversale, è sempre aperto a nuove collaborazioni che gli permettano di esprimere al meglio le sue diverse inclinazioni artistiche e creative (cantautore, attore, autore, compositore, etc.). Per la prima volta sul palco del JazzUp con Francesco Baccini ci saranno Michele Cusato alle chitarre, basso e arrangiamenti e Marta Taddei primo violino delle “Alter Echo string quartet“. Numerosi i brani in scaletta, quelli immancabili e quelli meno conosciuti o raramente eseguiti live; inoltre non mancheranno due omaggi, uno a Fabrizio De André, uno a Luigi Tenco e un brano inedito.

Tutti i concerti della sezione festival avranno un biglietto di ingresso al costo di € 10,00 inclusa prevendita, mentre i concerti della sezione New Generation saranno ad ingresso completamente gratuito.

E’ possibile acquistare i biglietti presso:

PREVENDITE


SEGNALIAMO


NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

alimentazione (31) ambiente (29) amministrazione (21) arte (62) cinema (42) civismo (47) comunicazione (18) comunismo (24) cultura (340) democrazia (40) economia (74) elezioni (65) europa (58) fascismo (30) filosofia (29) formazione (25) giorgia meloni (20) giovani (29) guerra (88) intelligenza artificiale (30) italia (41) lavoro (40) letteratura (43) mario pacelli (30) media (67) milano (20) musica (118) napoli (20) politica (391) potere (210) rai (18) rappresentazione (22) religione (23) roma (23) russia (26) salute (67) satira (20) scienza (21) scuola (27) seconda guerra mondiale (48) sinistra (19) società (405) stefano rolando (31) storia (44) teatro (29) tecnologia (20) televisione (42) tradizione (27) ucraina (37) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI